A- A+
Roma
Storace si prepara ad andare in carcere. Vilipendio, il 13 gennaio udienza d'appello

Pronto a rinunciare alla prescrizione e pronto quindi a scontare la pena che sicuramente non sarà il carcere ma un periodo di servizio sociali, un po' come accadde a Berlusconi. Con un colpo degno di un teatrante navigato, Francesco Storace riapre la polemica sul reato di "vilipendio al capo dello Stato". E lo fa con una nota ufficiale del partito. Scrive l'ufficio stampa de La Destra: "Il prossimo 13 gennaio si celebrerà il processo di appello per il reato di vilipendio nei confronti del Capo dello Stato. Storace, che in primo grado era stato condannato a sei mesi di reclusione per aver utilizzato l'aggettivo 'indegno' rivolto al presidente Napolitano durante le ultime fasi della crisi del Governo Prodi, intende rinunciare alla prescrizione anche 'a costo di finire in galera per scontare la pena a sentenza definitiva".
Prosegue la nota che on nasconde 'obiettivo di dare uno scossone alla politica: "Storace si scusò con l’attuale senatore a vita, e il chiarimento sostanziale tra i due avvenne proprio al Quirinale nel corso di un'udienza concessa dall'allora Capo dello Stato. Dopo la condanna del 21 novembre 2014 - nel processo fu anche provata l'inesistenza di attacchi rivolti da Storace alla senatrice Rita Levi Montalcini - anche moltissimi parlamentari, da destra a sinistra, gridarono allo scandalo, schierandosi senza mezzi termini al fianco del segretario de La Destra. Vennero presentate varie proposte di legge sia al Senato che alla Camera, a partire dal vicepresidente di palazzo Madama, Maurizio Gasparri, per l’abolizione di un reato così antiquato. A giugno il Senato ha approvato una parziale riforma del reato. Ma l'iter alla Camera, nella commissione giustizia presieduta dalla riesci a Ferrante, prosegue a passo d’uomo. Insomma, il vilipendio è finito nel dimenticatoio del Parlamento".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
storacenapolitanoservizi socialivilipendiovilipendio al capo dello stato



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Barbero sempre attaccato da quando si è dichiarato contro il Green Pass
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Draghi, l’Ue e il neoliberismo che uccide la classe operaia
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Zaino sospeso: l'iniziativa continua


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.