A- A+
Roma
Tevere navigabile, il sogno della Raggi costa 400 mln. Soldi dal Recovery Plan

Tevere navigabile, realizzare il sogno di Virginia Raggi costerà 400 milioni di euro. Un mega investimento, grazie al Recovery Plan, per rendere il biondo fiume percorribile ai battelli per 60 chilometri, dal porto turistico di Fiumicino a Castel Giubileo, passando per il centro di Roma.

Il progetto, presentato a sei mesi dalle elezioni e nel bel mezzo della pandemia Coronavirus, è stato presentato in pompa magna dalla Raggi, dal sottosegretario ai Trasporti Roberto Traversi e dal vicesindaco della Città Metropolitana, Teresa Zotta. Tramite la Città Metropolitana, Raggi ha richiesto al Governo 300 milioni di euro di fondi da reperire tramite il Recovery Plan per sostenere l'iniziativa. Un mega progetto al quale bisognerà trovare poi altri 100 milioni per l'acquisto dei battelli elettrici o ibridi che il sindaco desidererà veder scorrazzare tra le acque del fiume.

Del tema si discute da decenni senza mai arrivare a passi in avanti, perché Roma a differenza di altre grandi capitali europee non riesce a sfruttare appieno la possibilità di utilizzare il suo fiume per il trasporto di persone e merci. Ma per la rivoluzionaria Raggi, la Capitale dovrà diventare come le colleghe Londra e Parigi: il progetto preliminare stima la necessità di effettuare dragaggi, traverse per limitare la velocità del corso del fiume per il costo totale di 300 milioni. Soldi necessari per rendere navigabile il Tevere, dove al momento la navigabilità è limitata a brevi tratti, anche per via di un piccolo “salto” del corso d'acqua all'altezza dell'Isola Tiberina.

Ora la palla passa al Governo. Entro fine anno il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti presenterà la scheda tra quelle del Recovery per cercare di avere entro il 2021 le risorse così da poter avere entro la fine del prossimo anno un progetto definitivo con relativo bando. Il tutto, ovviamente, se l'Europa approverà il progetto, cosa che la Raggi dà già per scontato perché “renderà Roma sempre più simile alle altre capitali europee”. Quando si vedrà il primo battello sul Tevere reso navigabile? Le opere fatte con i fondi del Recovery Plan devono essere terminate entro il 2026. è già corso contro il tempo.

Commenti
    Tags:
    teveretevere navigabilefiume teverevirginia raggimitrecovery planrecoverycomune romacittà metropolitanabattelli tevereprogetto tevere navigabile


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma, Raggi come Satana contro le bancarelle che oggi scioperano. Mai successo

    Roma, Raggi come Satana contro le bancarelle che oggi scioperano. Mai successo

    i più visti
    i blog di affari
    Ascolti tv, “onda d’Urso”: picchi di share altissimi in prima serata
    Covid, il nuovo regime terapeutico: non è più vita, ma semplice sopravvivenza
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Professionisti uniti a TUTELA delle donne

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.