A- A+
Roma
Topi da record a Roma, colpa del caldo e dei rifiuti: è il prezzo dell'estate
Topi al Colosseo

Invasione di topi a Roma? Non è un record né allarme, ma una “situazione fisiologica dovuta alle ondate di calore estreme che ne aumenta la proliferazione”. A poche dalla super derattizzazione del Colosso, la Scienza salva Roma dall'invasione e dalla campagna denigratoria sui media di tutto il mondo.

Spiega il professor Alessandro Miani, Presidente della Società Italiana di Medicina Ambientale (Sima) Alessandro Miani e medico e docente di Prevenzione ambientale alla Statale di Milano: “Il caldo estremo incide non solo sulla presenza di insetti come zanzare e zecche, ma anche sulla proliferazione dei topi in città, con conseguenti pericoli igienico-sanitari per la popolazione della Capitale”.

Inventi miti e estati roventi aiutano la proliferazione

Miani aggiunge: “Uno studio condotto lo scorso anno da ricercatori di Stati Uniti e Canada ha dimostrato come l’aumento delle temperature e gli inverni più miti abbiano un effetto diretto sulla proliferazione dei roditori nelle aree urbane. I topi sono infatti animali che non resistono alle basse temperature, mentre si moltiplicano in presenza di condizioni favorevoli come il forte caldo. Non solo. L’accelerazione del processo di decomposizione dei rifiuti lasciati sotto il sole presso cassonetti o davanti le abitazioni nelle aree urbane di Roma, fenomeno che si intensifica durante le ondate di calore, porta i ratti ad uscire allo scoperto in cerca di cibo e acqua, e incrementa le occasioni di contatto tra esseri umani e roditori”.

Professore, è un problema solo di Roma o comune ad altre città?

professor Alessandro MianiAlessandro Miani, Società italiana di Medicina Ambientale
 

A Milano, tanto per fare un esempio che in Italia piace tanto ce ne sono un po' di meno per numero di abitante, siamo a 2,5. Ma non sono forse visibili anche per una ridotta quantità di verde urbano rispetto a Roma. E poi c'è il problema dei rifiuti e dei turisti che a Milano non c'è”.

E le altre città Europee?

“In Italia sono 500 milioni e sappiamo che vivono soprattutto in anfratti e escono per cercare cibo. E' un problema che c'è in tutte le città e a Roma vedere dei ratti in centro non è piacevole Tevere, bar e ristoranti sono per loro un'attrazione irresistibile”.

I pericoli per la salute?

“E' un pericolo sul fronte igienico-sanitario considerato che sono circa 40 le patologie che possono essere trasmesse direttamente o indirettamente dai ratti, attraverso il contatto o con le deiezioni rilasciate nell’ambiente. Tra queste figurano Leptospirosi, Peste, Salmonellosi, Tifo murino, Tularemia, Coriomeningite linfocitaria e Rabbia. Ad oggi non esistono numeri certi circa il numero di roditori che affollano la città di Roma: secondo alcune stime sarebbero circa 10 milioni, pari a 3,5 topi per ogni abitante”.

Topi al Colosseo, Onorato sfida Sangiuliano: "E' lontano dalla realtà"

Iscriviti alla newsletter
Tags:
alessandro mianicaldo recordcietà italiana medicina ambientalecolosseoinvasione di topirifiuti romasotopitopi colosseotopi roma






Via dell'Umiltà, 36: una volta Forza Italia, ora un hotel e si mangia pesce

Via dell'Umiltà, 36: una volta Forza Italia, ora un hotel e si mangia pesce


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.