A- A+
Roma
Tor Sapienza, addio alla studentessa cinese morta: assente il Comune

Arrivata in Italia per studiare e morta in una circostanza tragica, amici e familiari dicono addio a Zhang Yao tra l'indifferenza delle istituzioni.


Fiori e candele si affollano davanti davanti alla stazione di Tor Sapienza, dove la giovane studente cinese è morta solo qualche giorno fa, nel tentativo di inseguire i suoi rapinatori. Presenti amici e parenti, tra cui il padre e lo zio.

Ad attirare l'attenzione dei presenti è però l'assenza delle istituzioni, lontane in un momento così difficile per l'intera comunità: “Fa davvero tristezza e ci indigna sapere che alla commemorazione in onore di Zhang Yao, la studentessa cinese trovata morta venerdì  scorso vicino l’ufficio immigrazione della Questura, non vi fosse alcun rappresentante istituzionale. Ne’ la sindaca, né un assessore della giunta capitolina, nemmeno il municipio di zona. Solo i suoi compagni di scuola e i familiari, straziati dal dolore e alla ricerca di una verità che speriamo si riesca a conoscere presto”.


Questo il commento del segretario generale della Uil di Roma e del Lazio Alberto Civica, che poi prosegue: “Ci umilia profondamente come sindacato e soprattutto come cittadini di una Capitale europea che dovrebbe essere dell’accoglienza apprendere che quei genitori siano stati lasciati soli nel loro dolore che certamente la presenza istituzionale non avrebbe lenito, ma almeno condiviso, sia pur per pochi momenti. Cos’è una città se non una comunità di persone? E dov’è il senso della comunità se non si è in grado di stringersi insieme almeno in momenti di lutto come questi? E’ anche in questi gesti il senso di una città vera, fatta di persone e di sentimenti, prima ancora che di economia e potere. Concetti che non dovremmo mai perdere di vista. Alla ragazza il nostro ultimo saluto e alla famiglia il pensiero e la vicinanza della Uil di Roma e del Lazio”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
tor sapienzacineseuccisacomune romafuneralecommemorazione



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Perugia, un “Green Table” per la cultura ambientale del mondo
di Maurizio De Caro
Quando artisti e comunicatori uniti diventano Ambasciatori di Pace
CasaebottegaJalisse
Covid, nuovi varianti in vista: l'emergenza virale è normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.