A- A+
Roma
Tribunali del Lazio al collasso: fino a 4 anni d'attesa per un processo civile
Toga al palazzo di giustizia

Tribunali del Lazio allo sbando: la giustizia civile del Centro-Italia fa cilecca, con attese infinite e carenza di personale.  

 

Le città del Lazio sono tra le ultime in Italia per efficienza. Se la durata media dei procedimenti civili ordinari nella maggior parte delle città del Nord è di 400 giorni, con Aosta capolista a quota 342 giorni, Roma raggiunge i 777, ovvero più di 2 anni, collocandosi quinta tra le sette maggiori aree metropolitane del Paese.
Il distacco di Milano e Torino è notevole: nel capoluogo lombardo la giustizia si fa attendere 574 giorni di media e in quello piemontese 445 giorni, con uno scarto di oltre 300 giorni dalla Capitale.

L'allarme è scattato non solo dalle segnalazioni dei cittadini, ma da quella degli stessi legali dei fori Laziali, sommersi di lavoro a causa della mancanza di personale. A realizzare i dati, che disegnano una situazione preoccupante, sono state la Uil di Roma e del Lazio, in collaborazione con l’Eures.

“A Latina siamo al collasso – racconta un avvocato - già da cinque, sei anni il Tribunale del Lavoro è alle prese con un organico ridotto. Poi trasferimenti e pensionamenti di magistrati mai sostituiti hanno peggiorato le cose. Attualmente c’è un solo giudice togato, rientrato da poco dalla maternità, che cerca di affrontare le emergenze e di istruire i processi relativi alle denunce antecedenti il 2014. Stiamo quindi con un arretrato di tre anni, impossibile da smaltire se la situazione rimarrà inalterata”.

Latina risulta tra le città con le maggiori criticità in Italia: qui la durata dei procedimenti civili è pari a 1.579 giorni, ovvero 4 anni e 4 mesi. Peggio solo Foggia, Messina, Matera e Vibo Valentia, che chiude la classifica nazionale con 1.957 giorni di media.

La situazione è ancora più critica nella sezione Lavoro dove un numero enorme di lavoratori ed ex lavoratori attende da anni giustizia per licenziamenti improvvisi o TFR mai percepiti.

“Ciò comporta non solo un danno per il ricorrente – spiega un legale del Foro di Latina – ma anche per l’azienda. Nel caso in cui, infatti, un ex lavoratore vinca una causa, viene riassunto dall’azienda che dovrà versare anche gli anni arretrati. Con i tempi di attesa che caratterizzano il tribunale di Latina, il lavoratore non solo perderà minimo quattro anni di lavoro, con tutte le ripercussioni sociali e personali del caso, ma il datore dovrà anche sostenere una spesa non indifferente. Rimettendoci così tutti”. 

Da gennaio 2017 a oggi sono circa 4 mila le cause di lavoro iscritte al ruolo nel Foro di Latina e un solo giudice formulare le relative sentenze.

“Tra le varie denunce arrivate al sindacato, abbiamo raccolto anche quella apparentemente surreale di un lavoratore metalmeccanico che si è visto richiedere dall’Inps l’importo dei due anni di mobilità dopo aver vinto la causa ed essere stato reintegrato nel posto di lavoro ingiustamente perso - racconta il segretario generale della Uil di Roma e del Lazio, Alberto Civica  - Una situazione che sa di paradossale più che di giustizia e che rende l’idea di quanto le città della nostra regione siano lontane purtroppo da quel livello di civiltà che ognuno di noi vorrebbe e si aspetterebbe. Se l’efficienza della giustizia rappresenta uno degli indicatori di riferimento per la misurazione della qualità complessiva delle istituzioni, allora la Capitale e il Lazio stanno messi davvero male e ancora una volta si collocano nelle ultime posizioni rispetto al resto del Paese”.

Un po’ più positiva solo la situazione di Rieti che con 730 giorni di media risulta la più virtuosa tra le cittadine laziali, anche se ancora molto distante dai valori delle città del Nord Italia.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
tribunalelazioromalatinaforouilalberto civicacollazzoritarditempiattesaprocessosentenzagiudiciallarmeeures



Scuola, Pratelli: "Asilo nido gratis se Isee sotto ai 25mila euro"

Scuola, Pratelli: "Asilo nido gratis se Isee sotto ai 25mila euro"

i più visti
i blog di affari
Interessi e Fisco: strana differenza tra quando chiede e quando paga
I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
Boschiero Cinzia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.