A- A+
Roma
Trinità dei Monti, divieto di sosta. Sgarbi: "Ordinanza di stampo fascista"

Divieto di sosta su Trinità dei Monti, vietato sedersi sulla scalinata di Piazza di Spagna: i vigili fanno alzare romani e turisti, rischiano multe fino a 400 euro. Sgarbi contro l'ordinanza della Raggi: “Eccessiva, divieto di stampo fascista”.

 

"Signore si alzi, c’è un regolamento e non si può stare seduti”, così l'agente della polizia locale ammonisce il cronista dell’Adnkronos. Otto caschi bianchi romani vigilano che nessuno si sieda più sui 135 gradini patrimonio dell'Unesco. La misura è l'effetto delle disposizioni contenute nel nuovo regolamento di polizia urbana approvato dal Campidoglio, che oltre al divieto di mangiare a ridosso dei monumenti, di bere attaccandosi ai 'nasoni' delle fontane, dal 5 luglio dispone, a salvaguardia delle zone monumentali, il divieto, "anche solo di sedersi", spiegano i vigili, in azione sui marmi della scalinata inaugurata nel 1725 da Papa Benedetto XIII. Le sanzioni 'anti-bivacco' variano dai 160 ai 400 euro.

"Va bene la tutela del monumento, ovviamente il fatto che non si possa mangiare sui marmi, ma il divieto di sedersi è davvero eccessivo. Mi sembra un provvedimento di stampo fascista che il Comune sarà costretto a rivedere. Perché da che mondo è mondo il viaggiatore di passaggio si siede sui gradini e si ferma ad ammirare il paesaggio", commenta Vittorio Sgarbi all'AdnKronos.

E sulla proposta avanzata da più parti già nel 2016, a seguito del restauro finanziato dalla 'Maison Bulgari', di chiudere di notte il monumento con una cancellata per proteggere la scultura, Sgarbi dice: "E' una idiozia, la scalinata in quanto tale deve rimanere aperta al passaggio il giorno e la notte".

Vietato sedersi a Trinità dei Monti, Codacons: "Divieto assurdo"

"Un divieto assurdo, ridicolo e inutile che non apporterà alcun beneficio alla città". Così il Codacons boccia senza mezzi termini le disposizioni contenute nel nuovo regolamento di polizia urbana che vietano di sedersi sulla scalinata di Trinità dei Monti. “Mentre la città sprofonda nel degrado l’amministrazione comunale, in preda alla confusione più totale, pensa di irrigidire i divieti nei confronti dei turisti – attacca il presidente Carlo Rienzi –. Peccato che quegli stessi turisti spesso non possono sedersi nelle più belle piazze di Roma perché invase da spazzatura o prese d’assalto dai gabbiani a caccia di rifiuti, o semplicemente perché gli unici posti per sedersi sono i tavoli di costosissimi bar e ristoranti”.

“Ci chiediamo se il Comune non abbia cose più importanti cui pensare, e se davvero sia convinto che il degrado si combatta con divieti così palesemente sbagliati e assurdi che arrecheranno danno all’immagine di Roma agli occhi del mondo” – conclude Rienzi.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    piazza di spagnatrinità dei montiscalinata trinità dei montivietato sedersivittorio sgarbicomune di romaregolamento polizia urbanacodaconscarlo rienzifascistadivieto di sosta



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    BANDI ERASMUSPLUS, AIUTI AI GIOVANI, ESSP PER SICUREZZA SOCIALE LAVORATORI
    Boschiero Cinzia
    Unioni civili, l'iter da seguire se si vuole divorziare
    di Avv. Francesca Albi*
    Svizzera, sì al Green Pass: il golpe globale del regime sanitario
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.