A- A+
Roma
Turismo, guide in protesta marciano su Montecitorio. Martedì sarà invasione

Giude turiste in protesta, marcia dei sindacati di tutta Italia davanti a Montecitorio. Martedì 12 marzo l'invasione per chiedere al Governo Lega-M5S una legge sulla professione.

 

Risposte concrete e interventi immeditati, stop a "soluzioni tampone" come decreti ministeriale. Queste le richieste delle sigle sindacali Agta, Uiltucs e Ugl, promotrici della manifestazione: "Il Ministro Centinaio si era sempre schierato dalla parte delle guide locali e contro l’Intesa Stato-Regioni quando era un Senatore dell’opposizione. Ci aspettiamo che faccia un passo netto di distacco rispetto alla politica degli ultimi anni” dice Daniela De Vincenzo di Uiltucs. Altro elemento contestato dalle tre sigle è quello delle abilitazioni. Sottolinea Isabella Ruggiero, presidente di Agta: “Non si può permettere che le Regioni riprendano a rilasciare abilitazioni con validità nazionale senza una legge che normi la professione. La mancanza di trasparenza e di serietà di alcuni esami di abilitazione è stata anche denunciata dalle associazioni di guide. Da anni stiamo assistendo alla mercificazione dei corsi di formazione che nulla hanno a che fare con la preparazione e con le competenze, ma solo con la distribuzione di fondi.”

Le tre sigle chiedono anche la revisione delle norme sulla prestazione temporanea “Migliaia di guide della Comunità Europea-  afferma Manuela Cocco di Uiltucs - sfruttano in maniera scorretta i vantaggi concessi a chi non risiede stabilmente in Italia per lavorare qui tutto l’anno senza pagare le tasse nel nostro paese. Al contrario le guide ufficiali, che sono per lo più liberi professionisti a partita IVA, pagano tasse molto alte, ma si ritrovano senza ammortizzatori sociali” “La protesta nasce da una crisi profonda del settore - sottolinea Pietro Melziade di UGL - La nostra professione manca di una legge di riordino da anni. L’abusivismo è ormai fuori controllo. Le guide con abilitazione vedono ogni anno il lavoro diminuire. Se non si arresta questa crisi, migliaia di guide e le loro famiglie non saranno più in grado di mantenersi con questo lavoro nei prossimi anni”.

Conclude Isabella Ruggiero di Agta: "La guida turistica è una delle figure centrali nel campo dei beni culturali, merita una legge che normi i titoli di accesso e le prove abilitative in modo adeguato. La qualità e la competenza di chi lavora sui siti del nostro patrimonio culturale e li divulga vanno accertati. Il turismo è uno dei settori più redditizi per il paese e dovrebbe essere interesse del Governo tutelare tutte le professioni che ne sono le protagoniste”.

Commenti
    Tags:
    turismoguide turisticheprotestamarciamontecitorioinvasionesindacatiromamartedì 12 marzo
    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Coronavirus, mascherine mai arrivate dalla Cina: Roma, in manette Ieffi

    Coronavirus, mascherine mai arrivate dalla Cina: Roma, in manette Ieffi

    i più visti
    i blog di affari
    La piattaforma di crowdfunding immobiliare Rendimento Etico compie un anno
    Paolo Brambilla - Trendiest
    Crisi Covid-19. Innovery SpA inserisce bonus di 500 euro in busta paga
    Paolo Brambilla - Trendiest
    Coronavirus e diritto all'istruzione: quali sussidi? L'avvocato risponde
    di Annamaria Bernardini De Pace

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.