A- A+
Roma
Uccisa e fatta a pezzi. In casa del nigeriano abiti e sangue della vittima

Avrebbe il volto e il nome di Innocent Oseghale, nigeriano 29enne con premesso di soggiorno scaduto, l'assassino di Pamela Mastroprietro, la 18enne romana fatta a pezzi e i cui resti sono stati poi ritrovati in due trolley. In casa del sospettato scoperti abiti sporchi di sangue appartenenti alla vittima.

 

Il macabro ritrovamento dei due trolley, lasciati nella notte tra martediì e mercoledì in un piccolo fossato in provincia di Macerata, ha fatto subito scattare le indagini degli investigatori.  Ad incastrare l'uomo proprio la mappatura delle telecamere della zona, effettuata dai militari del Comando provinciale carabinieri di Macerata e anche del Ros. L'esame delle telecamere ha infatti documentato che almeno fino al 30 mattina la ragazza, fuggita dalla comunità "Pars" per dipendenza dalle droghe, era viva: la telecamera di una farmacia l'aveva immortalata insieme ad una persona di colore, risultato appunto il nigeriano Oseghale. Grazie alle immagini è così stata ricostruita la sequenza temporale degli spostamenti della ragazza, fino ad arrivare a martedì mattina, quando la giovane si sarebbe trovata in via Spalato 124. Civico di Macereta nel quale abita il nigeriano. Un testimone ha riferito inoltre agli investigatori di aver visto il nigeriano nella tarda serata del 30 in possesso delle valigie contenenti i resti della povera diciottenne, proprio in prossimità del luogo dove le stesse sono state scoperte mercoledì mattina da un automobilista di passaggio. L'uomo, ancora grazie al racconto di testimoni, è risultato infine essere l'ultima persona ad aver avuto contatti con Pamela, ed è stato immediatamente rintracciato e fermato.

Immediata la perquisizione personale, con l'intervento anche di investigatori specializzati del Raggruppamento Investigazioni Scientifiche di Roma che appunto nella casa occupata dall'uomo hanno trovato i vestiti della vittima, sporchi di sangue, e altre tracce ematiche. E trovato anche uno scontrino di una farmacia, poco distante da lì e dove la vittima aveva precedentemente acquistato una siringa per uso di droga.  Ora gli esperti del Ris sono al lavoro nell'abitazione per ulteriori rilievi tecnico-scientifici: appare evidente che la mattanza sia stata compiuta lì, con ogni probabilità Pamela in quella casa sarebbe stata uccisa - o forse è morta per overdose, l'autopsia lo stabilirà, come pure chiarirà se ci siano state eventuali violenze sessuali - e lì sezionata. I carabinieri sono alla ricerca dell'arma utilizzata per questo compito orribile di sezionamento. Mentre si indaga su altre persone, che potrebbero aver aiutato il nigeriano nel macabro sezionamento.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ragazzauccisamaceratanigerianofermatosanguevittimaroma



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Trieste, repressa la protesta pacifica: l'immagine del golpe globale
Attenzione: Fisco sospeso solo a metà
LIBRI/ Il Grand Tour di Stefano Veraldi, dermatologo vagabondo
Di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.