A- A+
Roma
Uccise trans in viale Palmiro Togliatti: preso latitante. Torna in carcere

Nel 2008 aveva ucciso una transessuale brasiliana colpendola con una coltellata per rapinarla. L’uomo, Mirko Di Mario, oggi trentaquattrenne, dallo scorso agosto si era dato alla latitanza, mentre si trovava in affidamento in prova e dopo aver appreso della revoca della misura alternativa.

È stato catturato dagli agenti della sezione Catturandi della Squadra Mobile al termine di un’indagine coadiuvata con l’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico della Questura di Roma. Di Mario era stato condannato in via definitiva nel 2012 a 16 anni e 7 mesi di reclusione per omicidio, rapina aggravata, danneggiamento e violazione della legge sulle armi.

L’omicidio avvenne il 24 novembre del 2008 quando Mirko Di Mario, già conosciuto per piccoli problemi legati agli stupefacenti, aveva 23 anni. La vittima, una transessuale di 31 anni conosciuta con il nome di Roberta, venne accoltellata a morte all’interno dell’autovettura del giovane in viale Palmiro Togliatti, dove si erano appartati per consumare un rapporto sessuale.

Di Mario si nascondeva in un appartamento a Roma nella zona di Villa Gordiani, dove gli investigatori lo hanno rintracciato e arrestato dopo numerosi servizi di osservazione e pedinamento. Dalle indagini, infatti, era emerso che l’uomo, nonostante fosse ricercato, avrebbe cercato di inserirsi all’interno di canali del narcotraffico capitolino, attivi nel quadrante est della Capitale, dove si nascondeva.

Dopo aver individuato il condominio della zona di Villa Gordiani nel quale Di Mario aveva trovato rifugio, nella mattinata del 30 settembre gli agenti della Mobile lo hanno bloccato e trasferito nel carcere di Rebibbia, dove sconterà la pena residua di 2 anni e 7 mesi.

Commenti
    Tags:
    transtrans mortoomicidiouccide transviale palmiro togliattitrans romatransessualecarceremirko di mariorebibbiavilla gordianilatitante



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
    Gianluca Massini Rosati
    L’intelligence come tutela della democrazia del Paese
    Daniele Salvaggio, Imprese di Talento
    Solidarietà ai bielorussi contro Lukashenko, ultimo dittatore d’Europa
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.