A- A+
Roma
Un mare di plastica a Fiumicino: i pescatori recuperano tonnellate di rifiuti

Il maltempo porta un mare di rifiuti di plastica a largo di Fiumicino: i pescatori strizzano l'occhio all'ambiente e “pescano” tonnellate di flaconi, cassette, cime e reti abbandonate. Grazie al loro lavoro nasce la mappa dei rifiuti dei fondali marini.

 

Dopo l’esperimento di Anzio, in questi giorni i pescatori di Fiumicino sono al lavoro per recuperare rifiuti di plastica e attrezzi da pesca abbandonati in mare. Sui litorali battuti dal forte maltempo stanno infatti “tornando” tonnellate di rifiuti che le attività umane hanno prodotto e scaricato in mare, una piaga planetaria, quella del rifiuti marini, che per gravità è pari al cambiamento climatico. A farne le spese sono proprio coloro che del mare vivono, i pescatori.

Coadiuvati dal progetto “Recupero e riciclo del marine litter per un economia circolare” sono stati proprio loro a rimboccarsi le maniche, prima ad Anzio e in questi giorni anche a Fiumicino, per pulire i fondali e riportare a terra il materiale ripescato. La “pesca” ha prodotto flaconi, cassette, cime e reti abbandonate: secondo gli ultimi dati ISPRA oltre il 70% dei rifiuti nei nostri mari è depositato nei fondali e di questi il 77% è plastica.

Con una speciale APP “Plastica in Rete”, i pescatori stanno anche mappando i rifiuti presenti nei fondali delle zone di progetto, attività che permetterà di pianificare successive azioni di intervento.

Il progetto è finanziato dalla Regione Lazio con fondi FEAMP e realizzato dal WWF Italia in partenariato con il FLAG Lazio Mare Centro e a Fiumicino con la collaborazione di COREPLA, già presente con il progetto “Fishing for Litter Lazio”.

Loading...
Commenti
    Tags:
    plastica maremareplasticaambientefiumicinorifiuti marerifiutipescatoriwwf
    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Coronavirus, la verità sul crash Inps: 300 tecnici pagati come giardinieri

    Coronavirus, la verità sul crash Inps: 300 tecnici pagati come giardinieri

    i più visti
    i blog di affari
    COVID-19. Azioni del consigliere Municipio 1 Berni Ferretti per salvare Milano
    Lo speciale Tg1 si lecca le ferite, ascolti in picchiata! La clamorosa voce..
    Di Francesco Fredella
    AIME Associazione Imprenditori Europei ancora in campo con nuovi servizi
    Paolo Brambilla - Trendiest

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.