A- A+
Roma
Vandali a Villa Pamphili, lancia pietre contro i carabinieri: tentato omicidio

Vandali a Villa Pamphili, lanciò delle pietre contro due carabinieri: il 29enne romeno, un senza fissa dimora arrestato nella fine di aprile mentre si nascondeva dai militari all'interno della villa, accusato dalla Procura di Roma di tentato omicidio.

L'aggressione risale al 28 luglio scorso: un equipaggio composto da un maresciallo maggiore e un vice brigadiere della Sezione di archeologia, un calabrese e un laziale entrambi padri di famiglia, si è visto lanciare da un’altezza di diversi metri una serie di massi e lastre staccati da una targa toponomastica e alcune panchine di marmo. La sequenza è stata impressionante anche per la sua rapidità. Solo la loro prontezza di riflessi ha consentito ai due militari di sottrarsi a quella “pioggia di pietre”. L’auto di servizio, una Opel Astra, è stata il bersaglio perfettamente centrato: gli oggetti, giungendo sul lato destro, ne hanno devastato la fiancata, il tettuccio e il parabrezza anteriore.

Nei giorni successivi l’autore dell’agguato è stato identificato. Rintracciato in collaborazione con gli agenti del gruppo XII della Polizia locale di Roma Capitale, è stato fermato anche per danneggiamento del patrimonio storico e artistico e porto di arma bianca.

Il 29enne non era “senza peccato”: aveva precedenti per numerosi atti vandalici e altri reati commessi con l’uso della violenza. Eppure di pietre ne ha scagliate parecchie, anche di notevole peso. Il servizio svolto dai Carabinieri era infatto diretto al contrasto dei danneggiament: dall’inizio del 2020 e sino al fermo del 29enne, all’interno di Villa Doria Pamphili si erano registrati quelli di ventisei targhe toponomastiche, tre statue, due vasi secolari. L’ultimo gesto, avvenuto in aprile, aveva visto spezzati i gigli della Fontana del Cupido.

Completati gli accertamenti sull’aggressione, il Reparto operativo TPC ha inoltrato alla Procura di Roma un’informativa da cui si traevano gli elementi per delineare il tentato omicidio. Grazie ai rilievi dei carabinieri del Ris di Roma, inoltre, è stata accertata la corrispondenza tra un campione di sangue presente su un frammento marmoreo risalente all’agguato del 28 aprile e quello prelevato in occasione di un  altro reato. In entrambe le circostanze il giovane si è tagliato e così il suo DNA lo ha tradito.

Il lanciatore di pietre è stato raggiunto da una misura cautelare che, essendo egli senza fissa dimora, ha tenuto conto del pericolo di fuga. Si trova adesso a Regina Coeli.

Commenti
    Tags:
    villa pamphilipietre contro carabiniericarabinieritentato omicidioromenosenza fissa dimora



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Obbligo Green pass decisione liberale
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani
    Il Green pass crea una categoria di cittadini di seconda classe
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Il redditometro viola i diritti dell'uomo: la denuncia di PIN


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.