A- A+
Roma
Vannacci indagato, il Mario Mieli durissimo: “Salvini smetta di starnazzare”
Roberto Vannacci

Il generale Vannacci indagato per istigazione all'odio razziale e il circolo di cultura omosessuale di Roma, il celebre Mario Mieli, rincara la dose: “Ottusità a parte, ci colpisce la strenua difesa della Lega che ha parlato di “indagini che sono medaglie”.

Scrive in una nota dai toni deciusamente forti il Mario Mieli: “Istigazione all'odio razziale, questa l'accusa con cui la Procura di Roma ha iscritto nel registro degli indagati il generale Roberto Vannacci, famigerato autore dell'altrettanto famigerato libro “Il mondo al contrario”. Ma potremmo aggiungere tra le accuse anche l'istigazione all'omotransfobia e alla misoginia, oltre che l'offesa alla nostra intelligenza”.

Quei passaggi in cui gli omosessuali sono definiti “non normali”

Prosegue la nota del Mieli: “Tristemente diventato un caso editoriale dei nostri giorni, a riprova che la propaganda retrograda dell'odio ha dato i suoi cattivi frutti, il libro infatti contiene passaggi in cui si definiscono le persone omosessuali “non normali”. Ottusità a parte, di queste esternazioni a colpirci con forza è la strenua difesa della Lega, un partito politico attualmente al governo, che ha parlato di “indagini che sono medaglie”. 

Colamarino: “Salvini e i suoi starnazzano”

mario colamarino mario mieli 02
 

“Sentiamo quasi ogni giorno Matteo Salvini e i suoi sodali starnazzare di dittatura del politicamente corretto, di censura woke e di altre stupidaggini come la surreale teoria del gender. Vogliamo rispondere che l'unica richiesta posta dalla comunità LGBTQIA+ in tal senso è quella del rispetto nei confronti di sensibilità e soggettività differenti da quelle appartenenti a un mondo machista e arcaico fortunatamente destinato a scomparire”, ha commentato Mario Colamarino, presidente del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli – che conclude: “La Lega dimentica di essere stata democraticamente eletta e che quindi appoggiare una persona le cui opinioni – e soprattutto i cui scritti pubblici – offendono una parte del Paese è indegno e antitetico rispetto al mandato politico ricevuto. Chiediamo solo rispetto e diritti, non le favole che Vannacci ama raccontare ai suoi lettori”.

Vannacci indagato a Roma per i contenuti del suo libro: "Istigazione all'odio"







Via dell'Umiltà, 36: una volta Forza Italia, ora un hotel e si mangia pesce

Via dell'Umiltà, 36: una volta Forza Italia, ora un hotel e si mangia pesce


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.