A- A+
Roma
Vatileaks, l'appello di Nuzzi: "Se Vaticano mi condanna Italia neghi l'estradizione"

"Se sarò condannato in Vaticano? Io immagino di esser prosciolto dal Vaticano, ma se dovessi esser condannato e se il Vaticano richiedesse l'estradizione all'Italia, credo sia scontato che il mio paese respinga questa richiesta, visto che mi si attribuiscono dei reati che qui non sono tali". Lo afferma al programma di Rai Radio2 Un Giorno da Pecora, lo riferisce una nota del programma, Gianluigi Nuzzi, "parlando dell'inchiesta Vatileaks2, che lo vede tra gli imputati".
"Se fosse condannato, andrebbe in carcere? “Io mi presenterei e andrei anche in carcere, certamente. Ma sono sereno: ho fatto il mio lavoro in modo corretto”. Questo processo - prosegue la nota - si svolgerà in modo particolarmente veloce: dovrebbe terminare già entro l'8 dicembre. “Sono stato rinviato a giudizio sabato, mi hanno comunicato il nome dell'avvocato sabato, e lunedì alle 10.30 eravamo già in udienza. Non è che bisogna fare in fretta per forza, concludere entro l'8 dicembre, perché c'è il Giubileo. Bisogna accertare la verità dei fatti, deve esser quello l'obiettivo”, ha detto Nuzzi a Radio2 Un Giorno da Pecora".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
vatileaksnuzzifittipaldi



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
di Avv. Francesca Albi*
Il banco vuoto
Pierdamiano Mazza
Certificazione verde e MOG231
di Guido Sola


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.