A- A+
Roma
Veggente di Trevignano Gisella Cardia e il marito Gianni indagati per truffa
Gisella Cardia

La veggente di Trevignano Romano Gisella Cardia è indagata per truffa. Insieme a lei anche suo marito Gianni Cardia.

La coppia è finita sul registro degli indagati della procura di Civitavecchia in seguito alle denunce di Luigi Avella, l’ex “seguace” che aveva donato 123mila euro all’associazione Madonna di Trevignano e successivamente si era pentito.

Mattino Cinque anticipa l'apertura del fasciclo

L'ex seguace nei giorni scorsi è stato interrogato dai carabinieri. La notizia sull’indagine è stata mattina nel corso della trasmissione Mattino Cinque su Canale Cinque.“A noi non è ancora stato notificato nulla”, ha spiega però l’avvocato Giuseppe Marazzita, legale della coppia.

La coppia già coinvolta in due processi

Gisella Cardia, il cui vero nome è Maria Giuseppa Scarpulla, era rimasta coinvolta anche in un processo per bancarotta relativo a un’azienda di ceramiche siciliana, mentre suo marito Gianni Cardia, rappresentante dell’associazione Madonna di Trevignano, è finito a processo per gli abusi edilizi realizzati in un terreno di Trevignano Romano.







Fava, condannato il giustiziere degli imprenditori: la carriera sugli arresti

Fava, condannato il giustiziere degli imprenditori: la carriera sugli arresti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.