A- A+
Roma
Vergogne d'Italia, luoghi dimenticati: le Vele di Calatrava nella hit parade

di Federico Bosi

Luoghi abbandonati, dimenticati dall'Italia e da Dio e ora mete di un turismo “alternativo”. Nella classifica dei simboli della vergogna del nostro Paese, tra discoteche, abbazie e paesini sperduti nel nulla, ci sono anche loro, l'emblema dei luoghi fantasma di Roma: le Vele di Calatrava.

L'ambizioso polo sportivo di Tor Vergata, meglio noto come le Vele di Calatrava, è tra i luoghi abbandonati di Roma di più recente costruzione. Quando nel 2005 nella Capitale nacque l’idea di realizzare un enorme polo sportivo a Tor Vergata in grado di ospitare i Campionati mondiali di nuoto 2009, il progetto fu affidato a Santiago Calatrava, architetto spagnolo famoso per i suoi progetti futuristici ed eccentrici. Un campo di pallacanestro e uno di pallavolo, un giardino, specchi d’acqua, una piscina olimpionica e due stadi: un progetto ambizioso che non fu mai terminato. Delle due vele in acciaio e vetro previste dai disegni dell’architetto ne è stata realizzata solo una e oggi sorge abbandonata in un cantiere mai terminato alle porte di Roma. Oggi è un luogo fantasma che non ha mai conosciuto né gare né applausi.

Roma sta pensando di rilanciare la “Città dello sport” di Tor Vergata nuovamente grazie al nuoto. Nel 2022 la Capitale punta ad ospitare gli Europei di nuoto e la Giunta Raggi ha pensato di scegliere come sede della manifestazione l'impianto in costruzione all'interno dell'area dell'Università di Tor Vergata. Ma sulle montagna di acciaio che forma le Vele di Calatrava pesano circa 200 milioni di euro: sarebbe infatti questa la cifra necessaria per il completamento del progetto.

Alle Vele di Calatrava fanno compagnia altri sette luoghi dimenticati dal mondo. Nel Centro Italia c'è la Rocca Calasco, in provincia dell'Aquila. Rocca Calascio si trova a oltre 1400 metri d’altezza nel cuore dell’Abruzzo, all’interno del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Un tempo sovrastava, come simbolo di potere e forza, il borgo medievale che si trovava ai suoi piedi, oggi, invece, è uno dei castelli fantasma più famosi d’Italia. Il castello è completamente disabitato dal Ventesimo secolo, ma per la sua particolare atmosfera Rocca Calascio è stata scenografia di molti film come “Amici Miei - Atto II”, “Il Nome della Rosa” e il blockbuster fantasy americano “Ladyhawke”.

Completano la hit parade dei luoghi fantasma di Volagratis.com la discoteca Woodpecker di Milano Marittima, Emilia Romagna; Cosonno, la “città dei balocchi” in Lombardia; l'abbazia di San Galgano, Toscana; l'isola della laguna veneziana Poveglia, Veneto; il Vallone dei Mulini sulla costiera sorrentina, Campania; ed il meraviglioso Castello Sammezzano, Toscana.

Commenti
    Tags:
    luoghi dimenticativele calatravaluoghi fantasmaitalia dimenticatascandalo calatravasantiago calatravamondiali nuoto 2009tor vergata



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Draghi auspica stabilità. E lancia il patto sociale per la crescita duratura
    "Il fronte giustizialista ha creato problemi alle istituzioni"
    Nasce a Roma il primo fund raising pubblico-privato


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.