A- A+
Roma
Via libera all'inceneritore di Albano. La decisione del Tar del Lazio

Il Tribunale Amministrativo del Lazio ha stabilito che l’Inceneritore di Albano potrà essere costruito. I magistrati del Tar hanno accolto il ricorso del consorzio Co.E.Ma. costituito dal Gruppo Cerroni, dall’Acea e dall’Ama che chiedeva l’annullamento del provvedimento di marzo 2014 del Ministero dello Sviluppo Economico, col quale era stata annullata la Convenzione Preliminare tra Il Gestore dei Servizi Energetici ed il Co.E.Ma. del giugno 2009.

La contesta Convenzione economica si fonda su un presunto avvio del cantiere per la costruzione dell’Inceneritore che sarebbe iniziata, secondo il Co.E.Ma, il 29 dicembre 2008, appena dentro i termini UE, ma che, secondo il Coordinamento contro l'inceneritore di Albano nella realtà dei fatti non sarebbe mai avvenuta, come dimostrerebbero delle  foto aeree messe dai residenti a disposizione dei magistrati.

Il Ministero dello Sviluppo Economico non potrà procedere a sottoscrivere convenzione definitiva, che darebbe il via libero immediato al cantiere, senza che la Regione Lazio dia il lasciapassare definitivo. Ad Albano Laziale i comitati contro la discarica si apprestano a tornare in piazza.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
albano lazialeinceneritoretar



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
ETICA E GIORNALISMO, AIUTI EUROPEI PER REGIONI E CULTURA
Boschiero Cinzia
"Fermate il decreto": anche PIN scrive al Presidente della Repubblica
Super Green Pass, arriva il giorno della discriminazione sotto forma di legge
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.