A- A+
Roma
Via Pontina, inceneriti 80 pini monumentali: è un disastro ambientale

Via Pontina: tre giorni di paralisi totale, ottanta pini monumentali sacrificati sull'altare dell'inerzia; migliaia di automobilisti in trappola e milioni di litri di benzina e gasolio bruciati per tentare di spegnere un rogo che ha colto di sorpresa tutti.

E non è finita, perché al quarto giorno la strada che unisce Roma a Latina, passando per Pomezia e Aprilia è un gigante a metà: aperta da quest mattina solo la corsia in direzione Roma; per quella opposta, verso Latina bisognerà attendere l'ora di pranzo. Almeno così dicono i tecnici della società Astral, l'azienda di proprietà della Regione Lazio che, teoricamente, dovrebbe mantenere in ordine la strada. Beffata da un nuovo focolaio che alle 8 di questa mattina si è acceso proprio davanti al campo nomadi.

Eppure sono almeno 20 anni che in estate la via Pontina diventa un gigantesco focolaio di incendi, 10 anni in cui i vigili del Fuoco di Pomezia, Aprilia, Latina e Roma hanno collezionato centiana di interventi per spegnere il fuoco di sterpaglie che viene appiccato tra i campi incolti e abbandonati, con una particolare concentrazione intorno al chilometro 24, cioè Castel Romano dove accanto alla gigantesca città commerciale sorge l'insediamento del Campo Nomadi. Tutto a due passi da una Riserva Naturale e al confine con la riserva integrale del parco presidenziale di Castelporziano.

Ed è su questo ultimo anello di una "catena delle vergogna" che ci concentrerà l'inchiesta della Procura di Roma, affidata al procuratore aggiunto Lucia Lotti, che riceverà in giornata l'informativa della Guardia Forestale che da tre giorni assiste i Vigili del Fuoco nel tentativo prima di spegnere le decine di roghi, poi di trovare le cause di un disastro ambientale. Perché il rogo non è stato soltanto un dramma per gli automobilisti, ma ha cancellato le alberature monumentali di un tratto di strada. ha costretto vigili, Forestale e operai a tagliare piante che hanno oltre 60 anni, alcune delle quali risalenti al vecchio tracciato della via Pontina, quello realizzato dal Fascismo per collegare Roma a quell che si chiamava al tempo Littoria. Un patrimonio che è andato in fumo per la lentezza degli interventi e l'incapacità di prevenire il fenomeni degli incendi che si ripete ogni anno.

Tags:
pontinarogo pontinaincendio pontinacastel romanoastralpolizia municipalecampo nomadi
Loading...



Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Elezioni 20 e 21 settembre, non solo Referendum: nel Lazio 36 Comuni al voto

Elezioni 20 e 21 settembre, non solo Referendum: nel Lazio 36 Comuni al voto

i più visti
i blog di affari
Il crepuscolo della ragione. Davvero lo è? Ne parlo con il sociologo Giovanni Cozzolino
Di Antonella Gramigna
1-2 ottobre appuntamento con l’AIM Investor Day di IR Top Consulting
Paolo Brambilla - Trendiest
6 Trend per la moda uomo dell'autunno-inverno 2020
Anna Capuano

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.