A- A+
Roma
Villa Fiorelli, il parco dei giornalisti col buco nero al centro. La denuncia

La “transizione ecologica” alla romana: ecco villa Fiorelli, il parco dei giornalisti col buco nero al centro nella denuncia del Movimento storico romano.

"Quando visiti Villa Fiorelli, parco di un ettaro realizzato 90 anni fa dall’architetto Raffaele De Vico sul modello del verde pubblico inglese, una domanda sorge spontanea: sarà questa la 'transizione ecologica' di cui tanto sentiamo parlare?". La domanda, retorica, viene da Sergio Iacomoni, detto Nerone, presidente del Movimento Storico Romano. "La Villa di forma circolare, nei pressi di San Giovanni, è attraversata da stradine interne intitolate a giornalisti. È stata restaurata a fine 2019, quindi di recente. Il restyling, però, non ha toccato l’area centrale, dove appare un buco nero corrispondente a due siti importanti. Il primo, di fronte a largo Paolo Frajese, - continua Iacomoni - è l’ex edificio storico del Servizio giardini, che dovrebbe curare il verde e invece da anni è ridotto a una cloaca. Il secondo è il Centro anziani, un tempo frequentato da centinaia di persone del quartiere e oggi sepolto dall’incuria. Buono per una pellicola horror. Nel cortile dell’ex Servizio giardini c’è un lavabo con un rubinetto aperto da mesi, a riprova dell’attenzione che riceve la villa. Chi paga? Noi ovviamente. - prosegue - All’esterno campeggia ancora la tabella di un cantiere del 2006 che elenca dei lavori per oltre 480mila euro. A due passi svetta la targa deturpata che ricorda Garibaldi, il quale, ospite dei Fiorelli, dopo la caduta della Repubblica romana, radunò lì i suoi. Se fossimo a Parigi, i nostri cugini, che fanno i soldi pure con il giro turistico delle fogne, avrebbero trovato il modo di ricavare uno spazio a pagamento. Noi invece lasciamo che i graffitari oltraggino impunemente la storia", va avanti Iacomoni.

"Un parco avrebbe bisogno di manutenzione e controllo costanti. Restaurarlo e poi abbandonarlo a sé stesso, equivale a gettare i soldi dalla finestra. È necessario un nuovo modello di tutela in sinergia con il privato. Senza la cura quotidiana, fra non molto, a Villa Fiorelli il buco nero inghiottirà la ciambella intorno, generando una nuova isola di degrado. I comitati dei cittadini riprenderanno le proteste e dopo qualche anno il Comune interverrà, spendendo un’altra montagna di soldi. E così via all’infinito. È la storia di questa città. Altro che transizione ecologica. Totò avrebbe detto, 'ma mi faccia il piacere'", conclude Iacomoni.

Commenti
    Tags:
    villa fiorelligiornalistiparcodenuncia


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Da Ceferin (Uefa) a Grillo, l’uso corretto o no del web
    Di Ernesto Vergani
    Localitour d'Autore by Jalisse incontra RADIO ANTENNE ERRECI
    Ricci Fabio
    Ddl Zan, ecco perchè è un grave tentativo di imporre il pensiero unico

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.