A- A+
Roma

In carcere per aver abusato di sette adolescenti: Don Ruggero Conti, l'ex parroco della Natività di Maria Santissima, dovrà scontare 11 anni, 10 mesi e 19 giorni in prigione.
I carabinieri della compagnia di Tuscania in esecuzione di un’ordinanza messa dalla corte d’Appello di Roma, al termine del decisione della suprema corte di Cassazione, lo hanno arrestato. Violenza sessuale su minori e induzione alla prostituzione minorile: questo l'orribile reato commesso. L’arrestato, dopo le formalità di rito è stato trasferito in un istituto religioso protetto in attesa di essere definitivamente tradotto in un carcere.
Don Ruggero, a Roma, era finito in una delicata inchiesta del sostituto procuratore Francesco Scavo con l'accusa di aver abusato, tra il 1998 e il 2008, di sette adolescenti che partecipavano o avevano partecipato ai gruppi parrocchiali nella chiesa della Natività di Maria Santissima nella zona di Selva Candida. Don Conti era stato sottoposto a divieto dell'esercizio pubblico del ministero nel 2008 e sospeso “a divinis” nel 2011.

Tags:
pedofiliasessoviolenza sessualedon ruggero contipretechiesavaticanonatività maria santissimaparrocchia
Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Italia nazione più colpita in Europa dal traffico di identità digitale
Con Enrico Letta c’è il futuro verde del PD e dell’Italia
Mauro Buschini*
Riforma Fiscale 2021: cosa cambia davvero per le imprese?
Gianluca Massini Rosati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.