A- A+
Roma
Violenze, botte selvagge e minacce di morte: donna ridotta schiava da 10 anni

Le impediva di uscire di casa e di avere contatti con i familiari, la picchiava selvaggiamente e la minacciava di morte. B.A., 32 enne romano, già ai domiciliari per rapina, si è visto notificare dalla Polizia di Stato un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per riduzione in schiavitù e gravi atti persecutori nei confronti della ex compagna. E' la fine di un incubo durato dieci anni.

 

Le indagini - coordinate dai magistrati del Gruppo Antiviolenza della procura di Roma e svolte dagli investigatori della IV Sezione della Squadra Mobile, specializzata nel contrasto alla violenza di genere - hanno accertato, in tempi rapidi, la particolare gravità dei comportamenti denunciati e la spiccata pericolosità dell’indagato, già gravato da numerosi precedenti e con una personalità prepotente e aggressiva.

L’uomo, che nel corso di uno dei suoi violenti sfoghi è arrivato a lanciare il gatto di casa dalla finestra, aveva ridotto la donna in uno stato di sudditanza psicologica tale da spingerla ad elemosinare, rubare e aiutarlo nello spaccio di stupefacenti, nonché a contrarre un fittizio matrimonio con un extracomunitario in cambio di denaro, il tutto al fine di pagare i debiti contratti per la droga.

La vittima, prendendo coraggio dall’esigenza di proteggere la figlia appena nata ed esasperata da una situazione sempre più insostenibile, ha deciso in un primo momento di chiedere aiuto al Telefono rosa, ed è stata collocata in una struttura protetta. Alla fine del percorso di sostegno è tornata a casa ed ha cercato di ricostruire la sua vita senza il vecchio compagno, ma per B.A. si trattava di una scelta inaccettabile: in preda ad una vera e propria ossessione, ha ricominciato a minacciare di ucciderla e di sottrarle la figlia.

La donna, temendo seriamente per la propria incolumità e per quella della piccola, si è così determinata a raccontare ai poliziotti la sua terribile e sofferta storia di violenza. Per B.A., rintracciato ad Amelia (Terni), si sono così aperte le porte del carcere.

Commenti
    Tags:
    violenza donneviolenza romadonna schiavaschiavitùminacce di mortebotte compagnaarrestato compagnocompagno violento



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Green Pass obbligatorio, alternativa allettante: benedizione o campare d'aria
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    MICHETTI: SARO' IL SINDACO DELL'ARMONIA
    Green Pass obbligatorio, Italia avamposto del nuovo ordine terapeutico
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.