A- A+
Roma
Virus e test per le scuole: gara aggiudicata, sul prezzo il segreto di Stato

L'emergenza Covid è diventata ormai una cassaforte gestita dal Commissario straordinario, il potentissimo Domenico Arcuri e da Invitalia, con nubi grige che si addensano sulle spese.Due milioni di test sierologici per maestre, professori e operatori scolastici e il mistero del prezzo che il Governo ha pagato per averli in tempi da record, oltre al record di 59 società che hanno presentato la loro offerta.

L'emergenza Covid è diventata ormai una cassaforte gestita dal Commissario straordinario, il potentissimo Domenico Arcuri e alla Invitalia, con nubi grige che si addensano sulle spese. La gara aggiudicata lo scorso 28 luglio è un rebus amministrativo. Negli atti resi pubblici sul sito Governo.it nella sezione dedicata al Commissario Straordinario, ci sono sì tutti gli atti di gara, ma è impossibile sapere quanto l'Italia ha speso per spedire 2 mln di pezzi del “Kit qualitativo rapido, per la rilevazione di IgG e IgM specifiche per SARS CoV-2, completo di relativi accessori perché sia immediatamente utilizzabile e che abbia tempi di ottenimento del risultato quanto più celeri possibile”, perché nel decreto di aggiudicazione non c'è traccia dell'esito di gara aggiudicata a una divisione della multnazionale Abbott, una “leggera srl,segreto di stato, la Abbott Rapid Diangostic Srl, che si occupa di alta diagnostica e che si è aggiudicata l'appaltone “bruciando” la concorrenza di ben 58 operatori.

Dunque, la gara bandita in fretta e furia con scadenza a 7 giorni e poi proroga di un giorno a seguito delle richieste di chiarimenti dei partecipanti, è una specie di segreto di Stato, poiché in tutta la documentazione non c'è traccia né dell'importo a base di gara, tantomeno del valore della fornitura aggiudicata lo scorso 28 luglio.

E le richieste di chiarimento che affaritaliani.it ha inviato alla struttura del Commissario Arcuri sono cadute nel vuoto. Due mail specifiche con domande “puntuali” relative al prezzo che l'Italia pagherà per sottoporre a test rapidi tutti gli operatori della scuola e che sono rimaste inevase. L'unica risposta giunta in redazione dalla struttura “Relazioni esterne” del Commissario è un link al sito del Governo nel quale c'è una collezione di documenti, ma non c'è quello relativo al costo della fornitura. A ad una seconda mail con richiesta di integrazione della documentazione, la riposta non arriva.

E allora al Commissario Arcuri, rivolgiamo alcuni quesiti:

1) Per la gara semplificata e urgente, tanto da prevedere l'aggiudicazione in 7 giorni, è stato calcolato il valore relativo della fornitura?

2) A quanto ammonta il ribasso offerto dalla società aggiudicatrice?

3) A quanto ammonta l'importo che il Governo pagherà alla società aggiudicatrice e con quali modalità di pagamento?

Certi che il commissario Domenico Arcuri e la Invitalia, saranno velocissimi e ovviamente ispirati alla massima trasparenza nel rispondere a questi semplici quesiti, inviamo cordiali saluti.

Il link alla documentazione di gara fornito da Invitalia

Commenti
    Tags:
    viruscoronavirusapertura scuolatest virus scuoledomenico arcuriinvitaliaabbott diagnostic srltest sierologici



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Green Pass, Italia modello del golpe globale del Leviatano tecnosanitario
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Green Pass obbligatorio, alternativa allettante: benedizione o campare d'aria
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    MICHETTI: SARO' IL SINDACO DELL'ARMONIA


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.