A- A+
Roma
Zingaretti e l'M5S sfidano Conte: “Nel Lazio mai nuovi inceneritori di rifiuti
(fonte Lapresse)

Emergenza rifiuti e nuovi termovalorizzatori, la Regione Lazio con il Pd e il Movimento Cinque Stelle in testa sfidano il Governo. Da un parte la maggioranza di Nicola Zingaretti modifica una legge regionale per evitare l'impugnativa, dall'altra con il parere positivo della Giunta, approva un emendamento M5S che invece li cancella.

Che sulla questione rifiuti la Regione Lazio ha le idee confuse è materia nota ma da qui ad aprire un contenzioso col Governo e la stessa maggioranza dei partiti che lo sostiene ce ne passa. Succede ovviamente al Consiglio regionale del Lazio, unica fabbrica ancora attiva al 100 per cento che sforna leggi come se fossero panini di giorno e che di notte ulula alla luna il grido “sburocratizziamo”.

La vicenda è complessa come tutte le dinamiche psichiatrico-politiche merita la massima attenzione per essere compresa a pieno. Dunque, la Regione Lazio dove l'asse Pd-M5S e tre fuoriusciti hanno la maggioranza, vara una serie di leggi in odore di impugnativa da parte del Governo Conte perché improprie o contrarie alle leggi nazionali. Quindi Palazzo Chigi avvia una trattativa con Zingaretti per chiedere modifiche ed evitare di portare le leggi alla Corte Costituzionale. Così nella giornata di lunedì il Consiglio regionale del Lazio approva una nuova legge, la 243 dello scorso 25 settembre che rimette ordine e accoglie tutte le osservazioni degli Affari generali della Presidenza del Consiglio. Tra le tante leggi modificate c'è anche la “disciplina dei rifiuti.. e successive modiche che prevedeva il divieto di realizzare impianti di incenerimento e coincenerimento di rifiuti o derivati in tutto il territorio regionale”. Bene, su richiesta del Ministero dell'Ambiente, il comma 1 bis della legge regionale 1 del 2020 viene modificato e quindi il divieto di costruire nuovi impianti decade. Via libera a nuovi impianti di combustione? Neanche per sogno, o perlomeno, qualora qualcuno come Acea o soggetti provati volessero provare a dotare il Lazio e Roma di un sistemo autonomo e porre fine all'ipocrisia romana che non vuole impianti ma usa quelli delle altre regioni, dovrebbe mettere in piedi un ricorso amministrativo. E questo perché la maggioranza Pd-M5S da una par5e recepisce le norme nazionali, dall'altra lo scorso 5 novembre ha approvato con parere favorevole della Giunta, un emendamento a firma M5S che vieta la realizzazione di nuovi inceneritori. Una folla giuridico-amministrativa che profuma di mancetta per il Cinque Stelle e di sfida al Governo.

Commenti
    Tags:
    zingarettirifiutiromapiano rifiutiregione laziom5s-pdcinque stellecorte costituzionaleleggi regionaliministero ambienteinceneritoritermovalorizzatoririfiuti romaemergenza rifiuti


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Dimissioni Zingaretti, lo zar sulla via del tramonto. Chiuso il Ventennio Pd

    Dimissioni Zingaretti, lo zar sulla via del tramonto. Chiuso il Ventennio Pd

    i più visti
    i blog di affari
    Carlo Tognoli, addio al sindaco (di Milano) operaio e stacanovista. RITRATTO
    di Maurizio De Caro
    Sanremo? Il cantante Gabriel Grillotti punta su Gaia. E dice..
    Rudy Cifarelli
    Lokky stringe una partnership con Enel X Paytipper
    Redazione Trendiest News

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.