A- A+
Roma
Ztl, i dati di chi ha il pass vanno in pasto a chiunque: altra multa al Comune

Il Comune di Roma e la società dei Servizi per la mobilità hanno ricevuto un'altra multa dal Garante per la Privacy per non aver adeguatamente protetto i dati dei cittadini che hanno ottenuto il pass di ingresso nelle Ztl.

Le sanzioni, per un importo complessivo di 410mila euro, sono arrivate alla fine dell’istruttoria partita in seguito a una segnalazione e ad alcuni articoli di stampa sui problemi relativi al controllo dei permessi Ztl. Dai riscontri raccolti dall’Autorità – fa sapere il Garante – è emerso che i permessi di accesso esposti sulle vetture presentavano un codice a barre bidimensionale (Qr code) che permetteva agli addetti di verificare in tempo reale la validità del contrassegno e a chi era stato assegnato. Codice che, però, poteva essere letto con una semplice app installata su gran parte degli smartphone in commercio.

Chiunque poteva quindi accedere al nominativo del titolare del permesso (ad esempio il nome dell’azienda, dell’istituzione, della scuola specifica o della persona fisica), al nominativo del suo utilizzatore e alla categoria del richiedente, nonché alla targa del veicolo. Durante le verifiche del Garante è stata riscontrata un’ulteriore criticità nella gestione dei dati: chiunque, dopo essersi collegato, con il Qr code, alla pagina web con i dati del permesso esaminato, poteva ottenere anche le informazioni relative agli assegnatari di altri pass semplicemente modificando il numero identificativo del contrassegno (Pid).

Le colpe del Comune, e quelle di Roma servizi per la mobilità

Diverse le responsabilità del Comune e della società per l’illecita diffusione dei dati personali dei possessori dei pass. Roma servizi per la mobilità – designata responsabile del trattamento dei dati da Roma Capitale – non aveva valutato correttamente i rischi e aveva progettato e realizzato un sistema informativo inadeguato, che non limitava l’accesso ai dati alle sole persone autorizzate. Anche il Comune – titolare del trattamento dei dati relativi ai pass – non aveva adottato misure tecniche e organizzative adatte ad assicurare un livello di sicurezza adeguato agli specifici rischi del trattamento. Roma Capitale, tra l’altro, non aveva fornito alla società di servizi per la mobilità istruzioni specifiche per trattare correttamente i dati personali degli utenti del servizio (titolari dei permessi Ztl e utilizzatori), impedendo l’accesso da parte di terzi non autorizzati. Il Comune non aveva neppure proceduto a designare responsabile del trattamento un’ulteriore società che forniva il servizio di “hosting” dei sistemi informatici utilizzati per la gestione dei permessi. Il Garante per la protezione dei dati personali ha dunque adottato due distinti provvedimenti correttivi e sanzionatori. A Roma Capitale ha applicato una sanzione di 350.000 euro, calcolata tenendo conto dell’alto numero di persone interessate, dell’esteso lasso temporale della violazione, nonché delle precedenti violazioni in materia di privacy già commesse dall’ente locale. Alla società per la mobilità, in considerazione delle prime misure tecniche e organizzative già adottate per limitare il problema, è stata invece irrogata una sanzione di 60.000 euro. A entrambi i soggetti sono state inoltre imposte misure correttive per limitare la consultazione dei dati personali relativi ai permessi Ztl. 

Commenti
    Tags:
    ztldaticomune


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Covid, ormai è chiaro: condannati agli arresti domiciliari permanenti
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Superlega, Vittorio Feltri contro Andrea Agnelli
    Salvini avverte Draghi: "Non voto cose che non mi convincono..."

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.