A- A+
Sport
Benitez: "Fanno piacere parole De Laurentiis". Garcia: "Maicon ok"

"Le parole di De Laurentiis? Sentir parlare il presidente cosi' mi fa piacere. Ho un buon rapporto con tutti: sono molto felice qui e voglio vincere. Ci provo dal primo giorno: la Coppa Italia e' un'opportunita' importante per noi; ma la Roma e' un ostacolo di rilievo", ha spiegato Rafa Benitez nel corso della conferenza stampa della vigilia della semifinale di ritorno della Tim Cup, contro Totti e compagni.

Battere la Roma per dare anche un segnale per il secondo posto? Rafa un po' ci pensa: "Sarà diverso, ma se valutiamo le due square può esserlo. Abbiamo fatto una buona gara col Milan e vogliamo ripeterci". Senza Behrami, ok alla coppia Inler-Jorginho? "In campionato anche Dzemaili-Inler che hanno fatto bene, qualche volta Radosevic, vedremo anche Jorginho con Behrami, ma abbiamo cinque giocatori per due posti ed è importante per il turnover". Benitez su Ghoulam, Jorginho e gli arbitri. "Abbiamo cercato un mancino, ci permette di attaccare in mdo diverso. A centrocampo Jorginho ha qualità e visione di gioco, per questo siamo più equilibrati. Sugli arbitri non parlo normalmente, credo che sia meglio parlare di calcio".

Intanto è sempre Higuain a trascinare... "E' un giocatore di qualità e d'esperienza, tutti ci aspettiamo lui ma anche gli altri hanno fatto bene. Se la squadra gioca bene lui fa gol perché ha qualità, serve una prova di squadra".

Garcia: "Totti ha ancora energie; Maicon ok" - "Totti ha giocato solo un'ora nella gara di andata; non una gara intera. Il capitano ha ancora, quindi, energie. Maicon? Sta bene: e' convocato".Cosi', nella conferenza stampa della vigilia, il tecnico della Roma, Rudi Garcia, in vista del match valevole come semifinale di ritorno della Tim Cup, contro il Napoli, al San Paolo. "Il calcio e' unico: una squadra puo' anche difendersi e portare a casa il risultato. Noi pero' vogliamo attaccare e fare il nostro gioco", ha ribadito l'allenatore francese, zittendo chi gli ha fatto notare che per l'accesso alla finale ai giallorossi puo' andare bene anche un pareggio. "La partita si gioca sul campo: non voglio rispondere a Reina. E' vero che loro sono bravi a far gol; ma possono anche subirli", ha aggiunto Garcia, che ha glissato sulla battuta fatta ieri dal portiere dei partenopei ("dobbiamo vincere in casa, potremmo riuscirci in un istante")."Speriamo che domani sia una partita bella come la gara di andata e che la Roma raggiunga la finale", ha puntualizzato l'allenatore della Roma, che poi ha elogiato altri club italiani: "Varie squadre giocano bene a calcio in Italia: oltre alle sempre citate Roma, Napoli e Fiorentina, ci sono anche il Verona e il Cagliari"

Gervinho "Deluso per derby, da Totti grandi motivazioni" - "Il derby? Sono un po' deluso, perche' penso che abbiamo perso una buona opportunita' per recuperare punti alla Juventus. In piu' sono deluso perche' si trattava di una stracittadina e i tifosi ci tengono tanto a vincere queste partite. Il campionato, comunque, e' ancora lungo e avremo di certo altre possibilita', da non perdere, per avvicinare la Juve". Cosi', in un'intervista pubblicata dal francese RmcSport, il romanista Gervinho. "L'atmosfera dei derby e' molto calda, soprattutto a Roma. Io ho giocato a Londra Arsenal-Tottenham; ma in Italia e' diverso: ci sono ancora piu' aspettative", ha aggiunto l'attaccante ivoriano. "Totti? Sono felice di giocare con lui: abbiamo un grande feeling. Lui e' uno che non parla molto. Quindi, sentire i suoi elogi, mi ha dato ancora piu' motivazioni", ha proseguito Gervinho. "Il Mondiale con la Costa d'Avorio? Ci penso spesso: sara' la mia seconda Coppa del Mondo. Sono molto felice di partecipare a questo evento. Non sara' facile: non dobbiamo sottovalutare Colombia, Grecia e Giappone. Queste sono squadre di qualita', che hanno buoni giocatori. Devo concentrarmi per arrivare al massimo all'appuntamento", ha concluso l'attaccante giallorosso.

Napoli-Roma : grande attesa per il duello domani in Coppa Italia tra "El Pipita" e il "Roma express", Higuain e Gervinho
Di Pietro Mancini

''Ho scelto Benitez, che resta, per vincere e ora voglio la finale di Coppa Italia'': lo ha detto il presidente del Napoli, don Aurelio de Laurentiis. Il produttore cinematografico ha, tuttavia, chiesto pazienza ai tifosi: ''Molti devono capire che non si può riuscire a vincere subito. Ed è difficile farlo senza stadio e con una struttura giovanile da fare. Lavoriamo per questo: per avere lo stadio e creare una struttura per le giovanili'.
Per arrivare in finale della Coppa nazionale, il Napoli- dopo aver reso, sabato, tutt'altro che...Allegri il piangente Balotelli, Berlusconi e i tifosi del Milan-dovrà superare l'ostacolo-Roma. E, nell'attesa serata del San Paolo, Benitez dovrà far marcare con maggior efficacia Gervinho, che all'andata realizzò 2 dei 3 goal incassati dal portiere Reina.

L'ivoriano, 26 anni, attualmente, è, dopo l'eterno Totti, il giocatore più amato dai tifosi della "Magica". L'attaccante-che vinse il titolo con il Lille, con Garcia in panchina-piace perché sta portando nel calcio una ventata di aria fresca, il sogno del ritorno al pallone di un tempo, che non esiste più. Gervinho, a differenza dei giocatori ingabbiati e quasi "robotizzati"negli schemi e nelle tattiche, si affida all'istinto. E, se sbaglia un dribbling, ci riprova.
Per i fans giallorossi, l'ex punta dell'Arsenal è "er tendina", per la sua capigliatura, il "Roma express" o la "freccia nera"che, quando scatta, lanciato da Totti, eguaglia la velocità degli sprint di un altro campione nero, il primatista mondiale e oro olimpico dei 100 e 200 metri, il giamaicano Usain Bolt, "il fulmine".
Per  portare all'Inter il profeta brasiliano, Hernanes, Thohir ha dovuto sganciare all'astuto Lotito più di 20 milioni. Mentre Sabatini, il direttore sportivo della Roma, ritiene che il costo dell'investimento su Gervinho, 8 milioni, sia oggi già più che raddoppiato. Un affarone.
Benitez sta varando il piano per fermare Totti-Gervinho.
Ma anche per Garcia non sarà facile bloccare Gonzalo Higuain, che sabato ha bussato 2 volte alla porta di Abbiati.
L'ex centravanti del Real ha ormai cancellato, a Napoli, il rimpianto per Cavani. Ha fatto centro, a metà stagione, 17 volte : 12 in campionato, 4 in Champions League e 1 in Coppa Italia.
Una sfida avvincente, quella tra Napoli e Roma, le Signore del centro-sud, con larghissimi seguiti di tifosi. E che, oltre alla finale di Coppa Italia, si  stanno contendendo il secondo posto in campionato e la qualificazione diretta alla prossima edizione della Champion's League.
Parafrasando il titolo del recente libro di Walterone Mazzarri- l'artefice,  con de Laurentiis, del rilancio del Napoli nel calcio di vertice-l'augurio al club campano e a quello della capitale è che il meglio debba ancora venire!
 

 

Tags:
benitezde laurentiiscoppa italia

i più visti

casa, immobiliare
motori
Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno

Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.