A- A+
Sport
Olimpiadi: canottaggio d'oro, Paltrinieri d'argento e fioretto di bronzo
Valentina Rodini e Federica Cesarini 

OLIMPIADI: NUOTO, QUADARELLA IN FINALE 800 SL CON TERZO TEMPO

Simona Quadarella ha conquistato l'accesso alla finale degli 800 stile libero femminile ai Giochi di Tokyo 2020 con il 3° tempo. Nell'ultima batteria la romana ha chiuso al terzo posto nuotando in 8'17"32. Eliminata Martina Rita Caramignoli.

TOKYO2020: NUOTO. QUADARELLA "HO UN'ALTRA CHANCE, CI METTERÒ CUORE"

"La cosa piu' difficile e' stata metabolizzare la gara dei 1.500 perche' non me lo aspettavo, ma per fortuna ho subito un'altra possibilita' e mi sono messa in gioco. Volevo capire le sensazioni in acqua e sono buone, sento che se ci metto la testa e il cuore posso fare bene". Queste le parole di Simona Quadarella dopo la qualificazione alla finale degli 800 stile con il terzo tempo, una buona prestazione che arriva dopo la delusione dei 1.500. "Ripensare al passato e' inutile - ha aggiunto la romana - Al termine dei Giochi pensero' agli errori fatti per non commetterli ancora, ma ora penso solo alla finale. Mi sono accorta di come le Olimpiadi siano una gara abbastanza diversa dalle altre, la concorrenza e' tanta, c'e' gente che che vuole sempre mettere la mano davanti". 

OLIMPIADI: SCHERMA, BRONZO ITALIA NEL FIORETTO A SQUADRE DONNE

L'Italia femminile del fioretto a squadre conquista la medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Le azzurre Alice Volpi, Arianna Errigo, Martina Batini, Erica Cipressa, si sono imposte sugli Stati Uniti per 45-23. Si tratta della 19a medaglia italiana a questa edizione dei Giochi, la quinta della scherma.

Olimpiadi Tokyo: canottaggio, Italia oro al fotofinish e bronzo

Oro e bronzo. Il doppio pesi leggero italiano sugli scudi nella notte italiana, conquista due medaglie che fanno risalire l'Italia nella classifica generale. Al Sea Forest Waterway di Tokyo, Valentina Rodini e Federica Cesarini hanno portato in dote il secondo oro azzurro in questa edizione dei Giochi dopo quello di Vito Dell'Aquila nel taekwondo, mentre Stefano Oppo e Pietro Ruta hanno messo la loro barca sulla linea del traguardo dietro soltanto a Irlanda e Germania. Medaglie storiche per il canottaggio azzurro, spezzato - ma non piegato - dalla positivita' di Rosetti annunciata ieri. Le medaglie in questa specialita' mancavano da Sydney 2000, ma nel caso delle ragazze si tratta del primo oro assoluto. "E' stata una liberazione, posso dire di essere in pace. Per noi essere qui e' gia' un successo, non ci aspettavamo una gara cosi'" ha detto Federica Cesarini. "E' stata bravissima Federica nelle ultime cinque palate" ha aggiunto Valentina Rodini. La gara delle ragazze e' stata un crescendo, una lotta con Gran Bretagna, Francia e Olanda: terze al passaggio dei 1500, poi le olandesi si appannano e nelle ultime cinque palate le azzurre danno il tutto per tutto e riescono a chiudere prime.

Per Stefano Oppo e Pietro Willy Ruta, arrivati ai Giochi con una striscia di risultati importanti, duello con Repubblica Ceca e Irlanda su tutti con la Germania inizialmente davanti. Al passaggio dell'ultima frazione l'Irlanda e' prima mentre la Germania e l'Italia si dividono le altre due posizioni da podio. Finale intenso per le tre imbarcazioni con l'Irlanda che si impone vincendo l'ORO mentre la Germania dopo un duello all'ultima palata si piazza seconda per l'argento e l'Italia e' medaglia di bronzo. Anche questo storico, visto che mancava da Sydney 2000.

TOKYO 2020. PALTRINIERI OLTRE IL MIRACOLO, NEGLI 800 È L'ARGENTO DEL CUORE

 

Gregorio PaltrinieriGregorio Paltrinieri (Lapresse)
 

 

Mani sulla testa a dire 'cosa ho fatto'. E lo ha fatto. L'argento di Gregorio Paltrinieri a Tokyo 2020 è qualcosa di inimmaginabile, anche per lui appena un minuto prima di staccarsi dal blocchetto in quella corsia "fortunata" laggiù, così strana per lui. Strana come la gara, non studiata: poca tattica, solo cuore e fiato. Greg parte all'attacco, spinge da subito e tiene il ritmo (anche se la finale si rivela lenta) lasciando gli avversari nelle corsie centrali a controllare la sua azione. Così per 600 metri, nuotati sul filo della corsia anche per non dare scie né punti di riferimento, quando poi inizia la rimonta: arrivano prima Wellbrock e Romanchuk, ma Paltrinieri resiste, è ancora in testa, inizia l'ultima lunghissima vasca. Tocca per primo lo statunitense Finke (7'41"87), poco più di 2 decimi davanti a Greg. La sua è incredulità pura, un'emozione che cancella la paura delle scorse settimane. Oltre un mese a combattere con la mononucleosi diagnosticata ai primi di giugno e che lo ha fiaccato in un momento fondamentale, togliendo carburante e certezze a poche settimane dall'Olimpiade, interrompendo una preparazione studiata per cinque anni nei minimi dettagli. I piani che saltano e il mondo che crolla addosso, ma lui ci ha messo il cuore. "Ero depresso, ho temuto il peggio e non sapevo neanche se sarei venuto qui". Poi "stanotte un amico mi ha detto che se questa gara la facevo col cuore invece che con la testa, ci sarei riuscito. Ed è più di un miracolo".

E' l'ultimo a uscire dall'acqua, Greg. Alza le braccia al cielo, fissa lo schermo con quel secondo posto che è un trionfo. Perché "questa medaglia è più bella dell'oro di Rio 2016 (sui 1500 ndr), è totalmente inaspettata", dirà in conferenza stampa. Sulle tribune c'è il suo staff, con il tecnico Fabrizio Antonelli che lo segue da poco più di un anno: l'intesa è forte, sono loro che lo spingono a non mollare negli ultimi metri di gara, quando ormai cala la spinta in acqua. Eppure "fino all'altro ieri le sensazioni erano solo negative, non c'è mai stato un punto di appiglio e tutti i giorni mi lamentavo con qualcuno che qualcosa non andava. Sono stato fortunatissimo a entrare in finale e lì ho iniziato a pensare che non dovevo ragionare né fare previsioni". Adesso c'è solo da prendere la medaglia e infilarla al collo, con un piccolo fuoriprogramma che aumenta l'attesa: la cerimonia di premiazione slitta di parecchi minuti per un guasto, poi risolto, all'apparecchio che fa alzare le bandiere delle nazioni premiate, finalmente il podio e il giro di vasca con il Tricolore sulle spalle. E ora arrivano le fatiche dei 1500 e soprattutto dei 10 km: ma io "li affronterò con lo stesso atteggiamento". SuperGreg c'è e non vuole smettere di lottare.

Commenti
    Tags:
    medaglie italia olimpiadi




    in evidenza
    Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

    Politica

    Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

    
    in vetrina
    Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

    Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"


    motori
    Mitsubishi ASX 2024: si rinnova per conquistare il segmento B-SUV

    Mitsubishi ASX 2024: si rinnova per conquistare il segmento B-SUV

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.