A- A+
Sport
Conte, il processo per frode sportiva andrà in prescrizione

Tanto rumore per nulla: anche se Antonio Conte dovesse essere rinviato a giudizio con l'accusa di frode sportiva dalla procura di Cremona nel processo sul calcioscommesse, non ci saranno conseguenza. Dal punto di vista sportivo anche se Stefano Palazzi acquisirà gli atti, nulla cambierà dopo che il tecnico salentino ha già pagato con la squalifica di 10 mesi poi scontata a 4 dalla Tnas. Sotto il profilo giudiziario la prescrizione scatta 7 anni e mezzo dopo la commissione del reato ipotizzato. Al tecnico della nazionale sono contestate partire del maggio 2011 (Novara-Siena e Albinoleffe-Siena): fatti due conti si dovrebbe arrivare al terzo grado in Cassazione entro fine di dicembre 2018. Con i tempi d'Italia si va verso la prescrizione. Oltretutto c'è chi ipotizza una partenza rallentata del processo, che potrebbe iniziare a ridosso di Euro 2016, quando ormai Antonio Conte, anche se le parti dovessero mantenere gli intenti di proseguire (come dichiarato e chiarito l'altro giorno, smentendo le voci su Milan-Roma-Psg), sarà vicino alla fine del suo contratto con la nazionale azzurra.

Tags:
contefrode sportivaprocessonazionale
in evidenza
Tra iperemesi e anoressia Paura nel Regno Unito per Kate

La principessa pesa 45 chili, preoccupati sudditi e fan

Tra iperemesi e anoressia
Paura nel Regno Unito per Kate


in vetrina
Malocclusione dentale: cos’è, quali sono le sue conseguenze e come trattarla

Malocclusione dentale: cos’è, quali sono le sue conseguenze e come trattarla


motori
De Meo (Acea): Ue metta in campo politica automobilistica ambiziosa

De Meo (Acea): Ue metta in campo politica automobilistica ambiziosa

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.