A- A+
Sport
Crisi Milan, Mihajlovic: "Sono il 1° colpevole". E la lezione Sarri..

"La colpa di quanto sta accadendo è di tutti, la mia per primo. Non so cosa succederà, dobbiamo lavorare a testa bassa e poi vedremo se la società dovrà prendere delle decisioni". Parole pronunciate - alla consegna del Tapiro d'Oro di Striscia la Notizia - da Sinisa Mihajlovic a mente fredda. Fa ancora male la sconfitta per 0-4 a San Siro contro il Napoli. I tifosi a fine match hanno rivolto cori ironici contro Adriano Galliani e invitato la squadra ad andare a lavorare.

Dal ritiro dalla Nazionale a Coverciano, Antonio Conte (accostato con forza ai rossoneri la scorsa primavera) ha fatto coraggio a Sinisa: "Penso che alla fine i valori verranno fuori. Mihajlovic sta lavorando bene".

La lezione di Sarri a Sinisa e a Berlusconi
Di Pietro Mancini

Spesso, il calcio, come la vita, offre vicende paradossali. Nella scorsa estate, chi lo avrebbe detto che proprio il sussiegoso "niet" di Mihahilovic al presidente del Napoli, che gli aveva offerto la panchina degli azzurri, non quella della Juve Stabia, si sarebbe rivelato un elemento molto postivo per il club campano ?

Il cui patron, don Aurelio de Laurentiis, ha scelto il casereccio, ruspante, ma molto bravo, Sarri, ex Empoli, che ha smentito i "gufi", di renziana memoria, e quanti, come Maradona, già campioni in campo, non lo sono affatto nei commenti e nelle previsioni.

E, dopo la brillante promozione alla Scala del pallone, i fans del Napoli sognano di battere, al San Paolo, dopo la sosta, la capolista Fiorentina di Sousa.

E il Milan ? Forse, un pizzico di maggiore modestia, in campo e fuori, non nuocerebbe al tecnico serbo, che sinora non ha dimostrato di essere più competitivo dei suoi predecessori, Seedorf, Inzaghi e, soprattutto, di Max Allegri, tutti antipatici, e non solo per ragioni calcistiche, a nonno B.

Quanti, nel pallone come in politica, dicono di avere il "quid", che da tempo Berlusconi cerca, invano, nei suoi collaboratori, nel Milan e in Forza Italia, devono dimostrarlo, non con i proclami. Ma con l'impegno e con i risultati. Ed evitando altre umilianti batoste, come quella rifilata ai rossoneri dal gruppo, forte e unito, del silenzioso, ma sinora più convincente di Benitez, mister Sarri.

E se è ormai certo che, a Natale, l'allenatore del rigenerato Higuain e di Insigne (complimenti, Lorenzino! ) gusterà gli squisiti dolci partenopei, incerto appare la mangiata del buon panettone meneghino per l'ex tecnico della Samp.

Coraggio, Sinisa ! Ti auguriamo di mostrare, presto, le tue qualità di condottiero. Se dovesse, tuttavia, scattare l'esonero, l'amicizia, bella e vera, tra te e Roby Mancio, spingerà il coach dell'Inter a riservare a te, alla tua bella signora e ai tuoi cari ragazzi abbondanti porzioni di gustoso panettone...

Pietro Mancini

Tags:
crisimilanmihajloviccolpevole
in evidenza
Gioiello di Pessina, Galles ko Ma ora è incubo Belgio di Lukaku

Euro 2020, super Italia

Gioiello di Pessina, Galles ko
Ma ora è incubo Belgio di Lukaku

i più visti
in vetrina
Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


casa, immobiliare
motori
Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti

Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.