A- A+
Sport
Minacce a Baldini: 4 mesi in appello a Luciano Moggi

Condanna a 4 mesi di reclusione confermata in appello per Luciano Moggi, ritenuto colpevole dai giudici della terza sezione penale del reato di 'minaccia a pubblico ufficiale' per essersi rivolto, con una espressione non proprio amichevole, all'allora dirigente della nazionale inglese, poi passato alla Roma, Franco Baldini che si accingeva a deporre come testimone nel processo Gea.

"Buongiorno, pezzo di merda, stai attento che finisci male" e' la frase che l'ex dirigente della Juventus, imputato in quel processo, pronuncio' il 19 giugno del 2008 all'indirizzo del suo acerrimo nemico. Ed era stato proprio Baldini, che poche settimane fa ha concluso il suo incarico di direttore tecnico al Tottenham, a riferire ai giudici in udienza i dettagli dello scontro verbale con Moggi.

"Lui mi e' venuto incontro e, con il dito puntato a dieci centimetri dal viso - racconto' Baldini quel giorno - mi ha detto quelle parole. Puo' testimoniare un giornalista seduto sulla panchina accanto a me".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
baldinimoggijuventus
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza


casa, immobiliare
motori
Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.