Café Philo

di Angelo Maria Perrino e Virginia Perini

A- A+
Café Philo
Su Heidegger il derby culturale tra Corriere e Repubblica

di Carlo Patrignani

L'uno, il Corriere della Sera di Ferruccio De Bortoli, a dar conto degli inquietanti enunciati dei Quaderni neri - alle prime 1300 pagine per gli anni 1931-1941, stanno per aggiungersene altre 560 con ulteriori rivelazioni per il periodo 1942-1948, con il nuovo volume curato da Peter Trawny, per l'editore Klostermann - di Martin Heidegger, il sommo filosofo tedesco, già fondamentalista cattolico, antisemita, razzista, nazista, icona di una certa sinistra radical chic.

L'altra, la Repubblica di Enzo Mauro, a leccarsi amaramente, pateticamente, le ferite confinando la scottante materia, impossibile da nascondere vista l'influenza, imposta e guidata, che ha avuto sulla storia della cultura europea del '900, e sul stesso fondatore Eugenio Scalfari, nella rubrica delle lettere curata da un imbarazzato Corrado Augias.

Come dire, l'uno, il Corriere della Sera, a far cultura, l'altra, la Repubblica a tentare goffamente di salvarsi in angolo ripiegando sulle risposte ai lettori.

Il quotidiano di via Solferino non si è infatti limitato al solitario scoop delle prossime 560 pagine dei Quaderni neri che sfatano il silenzio di Heidegger sulla Shoa e a dar notizia della pubblicazione di quelle del 1945/46 che sembrava fossero andate perdute, ma ha coinvolto sulla complessa materia una vasta, erudita e competente platea di filosofi e intellettuali: da Emanuele Severino a Guido Ceronetti a Livia Profeti, oltre ovviamente a Donatella Di Cesare, sua collaboratrice, che ha fornito l'anticipazione essendo dal 2011 vice-presidente della Martin Heidegger Gesellschaft che gestisce i manoscritti del filosofo tedesco.

E, non va dimenticato che, in passato, il Corriere aveva ospitato il filosofo francese Emmanuel Faye autore di un testo assai significativo: Heidegger, l'introduzione del nazismo nella filosofia (ed. L'Asino d'oro).     

In termini calcistici si può senz'altro dire che il derby culturale sui Quaderni neri - che svelano manifestamente il pensiero nazista, antisemita, razzista di Heidegger, per il quale lo sterminio degli Ebrei è da considerarsi una necessaria purificazione dell'Essere e sarebbe sarebbe stato colpa degli Ebrei stessi che si sono auto-annientati - tra i due maggiori quotidiani italiani e concorrenti diretti, l'ha stravinto il Corriere: anzi, finora non c'è stata partita, per cui il Palmares di questo specifico caso va assegnato al quotidiano di De Bortoli, le cui rivelazioni hanno costretto e fatto da traino a numerosi media.

Più della giustificata grancassa mediatica prodotta dalle anticipazioni della Di Cesare, allieva di
di Hans-Georg Gadamer, uno dei massimi interpreti di Heidegger, colpisce il silenzio assordante e persistente di Repubblica che in passato si era invece molto interessata al pensiero del sommo filosofo, anche con convegni. Come del resto ha fatto e fa ancora, per il reazionario, cocainomane e ipocondriaco, Sigmund Freud che, avuto il titolo di "Padre" della Psicoanalisi, è stato elevato a icona del pensiero moderno dalla stessa sinistra radical chic.

Due falsi giganti del pensiero moderno, Heidegger e Freud, dal pensiero quanto mai reazionario e distruttivo.

Rimane un mistero di come sia stato e in buona parte sia ancora possibile fare del primo, il teorico dell'annientamento del presunto "nemico", e del secondo, il misogino teorico dell'inferiorità della donna e del bambino polimorfo perverso, due giganti del pensiero progressista!
 

Entrambi, l'uno, Heidegger, è stato da sempre nazista convinto: nel 1933-34 incitava gli studenti dell'Università di Friburgo allo stermino totale del nemico interno, cioè l'ebreo assimilato (cfr. E. Faye, Heidegger, l'introduzione del nazismo nella filosofia) e l'altro estimatore di Benito Mussolini che salutò affettuosamente Eroe della cultura, nonché dell'impero asburgico.

Due spietati reazionari amati da una certa sinistra radical chic che nel contempo aveva ucciso, e ha totalmente cancellato, quella che avrebbe dovuto e potuto essere la vera icona del '900, lasciata marcire giovanissima nel duro carcere fascista: l'eretico, ateo, antirazzista e antistalinista Antonio Gramsci che è, per il suo scontro e conflitto mortale con Palmiro Togliatti, ricomparso in certi studi recenti e sul Corriere della Sera anche se nella rubrica delle lettere curata da Sergio Romano.

E' probabile che il silenzio assordante e persistente di Repubblica si leghi strettamente al contenuto delle ultime rivelazioni sull'annientamento che gettano un enorme fascio di luce sull'essere-per-la- morte e sull'intera filosofia del sommo filosofo tedesco. Una teoria questa che è stata alla base di tutti gli autori che hanno fatto l'intera cultura di questa sinistra radical chic: da Franco Basaglia a Massimo Cacciari a Gianni Vattimo, solo per citarne alcuni, e che era stata ampiamente disvelata sin dal 1980 dallo psichiatra Massimo Fagioli (cfr, Massimo Fagioli, Bambino, donna e trasformazione dell'uomo, ed. L'Asino d'oro) per averne magistralmente visto l'intrinseco nazismo.

Ed è proprio la scoperta di Fagioli della "pulsione d'annullamento" ben nota a Repubblica che può fare e fa piena luce sulla tipicità dell'annientamento nazional-socialista degli Ebrei, eliminati, fatti sparire, nel fumo delle camere a gas come se non fossero mai esistiti, per realizzare la purificazione dell'Essere che Heidegger auspicava.

 

Tags:
corriererepubblicaheidegger
in vetrina
Temptation Island Vip 2, Anna Pettinelli lacrime: "Sto male, a Stefano piace.." Temptation Island Vip 2019 News

Temptation Island Vip 2, Anna Pettinelli lacrime: "Sto male, a Stefano piace.." Temptation Island Vip 2019 News

i più visti
in evidenza
Raffaella Fico, tacchi a spillo ... e lato B da urlo. LE FOTO

Pedron topless. Gallery delle Vip

Raffaella Fico, tacchi a spillo
... e lato B da urlo. LE FOTO


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Francoforte 2019,il Gruppo BMW ha le batterie cariche

Francoforte 2019,il Gruppo BMW ha le batterie cariche


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.