A- A+
Alla salute
Ovaio policistico, quanto è importante la dieta

Quasi una donna su 10 soffre di Sindrome da Ovaio Policistico (PCOS), la patologia più comune tra quelle ovariche nelle donne in età fertile, spesso anche frequente causa di aumento di rischio per Diabete di tipo 2, problemi cardiovascolari (1) e sterilità. Molto spesso in queste pazienti osservo irsutismo, marcato sovrappeso e obesità, resistenza insulinica o, quantomeno, una ridotta tolleranza al glucosio. Sebbene una delle mie più care amiche sembrasse sconfessare queste caratteristiche con un fisico invidiabile, in realtà soffriva di dolori mestruali (2) invalidanti al limite della sopportazione (il passato si riferisce al fatto che sia guarita del tutto dalla malattia), quindi anche la PMS e il dolore mestruale possono essere conseguenza della patologia che, a seconda del soggetto, manifesta un corteo di sintomi più o meno presenti. Molte ricerche pongono l’accento sull’iperinsulinemia come fattore causale per questa patologia (3).

In effetti viene dai ginecologi più attenti trattata con dieta e/o farmaci ipoglicemizzanti orali, come la metformina. Da uno Studio effettuato dall’Androgen-Related Research and Discovery al Cedars-Sinai Medical Center (4) emerge che il tessuto adiposo delle donne con la PCOS si comporta in modo differente da quello delle donne che non hanno questa patologia. Il tessuto adiposo è una vera e propria ghiandola endocrina (5) che produce ormoni ed altre sostanze con effetto sul metabolismo e sulla salute in generale intervenendo in molti modi sulle più importanti funzioni del nostro organismo. Sembra che il tessuto adiposo delle donne malate di PCOS non produca sufficienti quantità giornaliere di ADIPONECTINA, un ormone che funziona da facilitatore metabolico per l’insulina. Dato che una corretta quantità e funzionalità di insulina produce una regolare gestione biochimica degli zuccheri, della sintesi di trigliceridi e una fisiologica produzione di infiammazione, ne consegue che la giusta quantità di adiponectina sia correlata a tutte le funzioni insuliniche. Se si innesca un circolo vizioso che rende le cellule periferiche meno sensibili all’insulina (l’utilizzo dei nutrienti è peggiore e la quantità di insulina prodotta sempre in aumento), si genera la tristemente nota “insulino resistenza”, primo passo verso il diabete di tipo 2.

Il legame tra la PCOS e la dieta diventa quindi molto importante poiché l'alimentazione è l’unico strumento con cui si possa ridurre la resistenza insulinica cellulare e la quantità di insulina circolante ed indirettamente rendere possibile il dimagrimento e la riduzione dell’infiammazione cellulare (6,7). Succede quindi che, quando vi è insulino-resistenza, si riduce sempre di più la capacità di mantenere o riportare nella norma il glucosio nel sangue e questo fatto stimola il pancreas a produrre ancora e sempre più insulina. Gli effetti della resistenza insulinica e dell’iperinsulinemia si manifestano con una crescente produzione di massa grassa (8) che a sua volta riduce ulteriormente la capacità dell’insulina di abbassare la glicemia e così via. Mentre le cellule del corpo diventano sempre meno sensibili all’insulina, perché in qualche modo tendono a proteggersi dal costante aumento di questo ormone nel sangue, le cellule dell’ovaio (anche quelle del rene) restano sensibili ad essa, producendo le classiche cisti (9) (l’insulina è ormone che produce crescita cellulare).

L’ovaio, ormai policistico e infiammato, aumenta la produzione di Testosterone (10) con comparsa di acne, irsutismo o addirittura perdita di capelli. La riduzione della produzione di adiponectina nel tessuto adiposo in crescente aumento chiude un circolo cronico-patologico. L’esperienza personale ha potuto dimostrami che una dieta corretta, senza somministrazione di farmaci, risolve SEMPRE il problema. Se, pur seguendo un regime dietetico in modo preciso, la patologia non si risolve, significa che la dieta è inadeguata, NON che la patologia sia inguaribile. Come recita un antico proverbio Ayurvedico: Se la dieta è sbagliata la medicina non ha alcuna utilità, se la dieta è corretta, non c'è nesuna necessità della medicina”.

 

Riferimenti

1. Shaw LJ, Bairey Merz CN, Azziz R, Stanczyk FZ, Sopko G, Braunstein GD, Kelsey SF, Kip KE, Cooper-Dehoff RM, Johnson BD, Vaccarino V,

Reis SE, Bittner V, Hodgson TK, Rogers W, Pepine CJ, Shaw LJ, Bairey Merz CN, Azziz R, Stanczyk FZ, Sopko G, Braunstein GD, Kelsey SF, Kip

KE, Cooper-Dehoff RM, Johnson BD, Vaccarino V, Reis SE, Bittner V, Hodgson TK, Rogers W, Pepine CJ2008 Postmenopausal women with a

history of irregular menses and elevated androgen measurements at high risk for worsening cardiovascular event-free survival: results from the

National Institutes of Health-National Heart, Lung, and Blood Institute sponsored Women’s Ischemia Syndrome Evaluation. J Clin Endocrinol Metab

2. Tarkun I, Cetinarslan B, Türemen E, Cantürk Z, Biyikili M2006 Association between circulating tumor necrosis factor-α, interleukin-6, and insulin

resistance in normal-weight women with polycystic ovary syndrome. Metab Syndr Relat Disord 4:122–128. [PubMed]

3. Dunaif A1997 Insulin resistance and the polycystic ovary syndrome: mechanism and implications for pathogenesis. Endocr Rev 18:774–800.

[PubMed]

4. Gregorio Chazenbalk, Bradley S. Trivax, Bulent O. Yildiz, Cristina Bertolotto, Ruchi Mathur, Saleh Heneidi, and Ricardo Azziz. Regulation of

Adiponectin Secretion by Adipocytes in the Polycystic Ovary Syndrome: Role of Tumor Necrosis Factor-α. Journal of Clinical Endocrinology &

Metabolism, 2010; DOI: 10.1210/jc.2009-1158

5. Kershaw EE, Flier JS2004 Adipose tissue as an endocrine organ. J Clin Endocrinol Metab 89:2546–2556.

6. Festa A, D'Agostino Jr R, Howard G, Mykkänen L, Tracy RP, Haffner SM2000 Chronic subclinical inflammation as part of the insulin resistance

syndrome: the Insulin Resistance Atherosclerosis Study (IRAS). Circulation 102:42–47. [PubMed]

7. Chen H2006 Cellular inflammatory responses: novel insights for obesity and insulin resistance. Pharmacol Res 53:469–477.

8. Yildiz BO, Knochenhauer ES, Azziz R, Yildiz BO, Knochenhauer ES, Azziz R2008 Impact of obesity on the risk for polycystic ovary syndrome. J

Clin Endocrinol Metab 93:162–168.

9.Barbieri RL, Makris A, Randall RW, Daniels G, Kistner RW, Ryan KJ1986 Insulin stimulates androgen accumulation in incubations of ovarian

stroma obtained from women with hyperandrogenism. J Clin Endocrinol Metab 62:904–910. [PubMed]

10. Nestler JE, Jakubowicz DJ, de Vargas AF, Brik C, Quintero N, Medina F1998 Insulin stimulates testosterone biosynthesis by human thecal cells

from women with polycystic ovary syndrome by activating its own receptor and using inositolglycan mediators as the signal transduction system. J

Clin Endocrinol Metab 83:2001–2005. [PubMed] 93:1276–1284.

Tags:
dietasindromeovaio policisticoconferme

in vetrina
Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

i più visti
in evidenza
Gf Vip 3 cast, colpo di scena Annunciati 2 nuovi concorrenti

Spettacoli

Gf Vip 3 cast, colpo di scena
Annunciati 2 nuovi concorrenti

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Al Salone di Hannover sbarca il pick-up RAM

Al Salone di Hannover sbarca il pick-up RAM

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.