Rocca sbrocca

di Tiziana Rocca

Lavoro team

Coronavirus, attivare uno stage retribuito è un'odissea: la testimonianza

Attivare uno stage retribuito oggi in Italia, in particolare a Roma, è un vero e proprio percorso ad ostacoli. Una perdita di tempo quasi infinita che crea un doppio disagio: da una parte, disarmante per lo scoramento che crea tra i ragazzi e dall'altra, sfiancante per il datore di lavoro che si trova ad affrontare scartoffie a non finire senza poter contare all'occorrenza sulla risorsa individuata con la diretta conseguenza di ritardare le opportunità per i giovani che si affacciano per la prima volta al mondo del lavoro. E' grave, a mio avviso, questo ritardo. Ne scrivo perché dopo aver sentito pochi giorni fa il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, durante la nomina dei nuovi Cavalieri del Lavoro, con ragione, dichiarare: “La ripartenza è una strada nuova che dobbiamo percorrere con determinazione e con speranza” mi sembra ancora più assurdo vedere disperdere le forze in questo modo. Sì perché la speranza sarà pure l'ultima a morire, ma la pazienza e il tempo perso per le lungaggini amministrative nessuno ce lo restituisce. Non stiamo parlando di assunzioni a tempo indeterminato ma di un semplice tirocinio formativo retribuito. Il primissimo step, quindi, per l'inserimento nel mondo del lavoro, un passo che dovrebbe essere agevolato il più possibile visto i problemi di occupazione giovanile in Italia. E' possibile che la burocrazia ci rubi la nostra vita senza che ci si meravigli più? Non si può accettare questa passività e non si può sprecare più il tempo dei nostri giovani soprattutto perché siamo un popolo dove il ricambio generazionale si scontra con l'età media della popolazione che fa di noi un Paese che penalizza le nuove generazioni. E allora mi preme portare all'attenzione la testimonianza di un giovane che avrebbe potuto iniziare il suo stage retribuito a settembre e che forse, invece, solo a dicembre, avrà questa possibilità. “Inizialmente per attivare il mio stage - racconta il futuro stagista in questione - ho cercato le informazioni su internet per capire cosa dovevo fare e ho trovato il numero del Centro per l'impiego che ho chiamato per due giorni, forse fino a trenta volte ininterrottamente, senza alcuna risposta perché mi dava sempre occupato e gli orari di questo ufficio erano delle 8.30 alle 12. Poi, ho visto su internet che con la pandemia in corso, per evitare la fila, lo sportello di Roma del centro per l'impiego di Cinecittà dava la possibilità di fare la richiesta on line. Il problema è stato che mi richiedevano lo Spid, ossia le credenziali per accedere al sistema pubblico d'identità digitale, di cui ero sprovvisto. Prenoto presso gli uffici di Poste italiane. Nonostante la prenotazione on line per non fare fila alle Poste per attivare lo Spid, sul posto, alla fine, ho comunque fatto la fila perché c'era troppa gente. Nel momento in cui sono riuscito ad ottenere lo Spid, (mi è arrivata la conferma per email da Poste Italiane dopo 24 ore) mi sono iscritto a Garanzia giovani il programma per l'inserimento lavorativo dedicato ai giovani nel portale my Anpal, l'Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro, dove mi richiedevano, appunto, lo Spid e ho fornito tutte le informazioni al mio datore di lavoro. Dopo svariati giorni il consulente del lavoro del datore di lavoro mi ha chiesto altre informazioni che ho compilato, stampato, scannerizzato e rinviato. Ho aspettato altri giorni mi sono arrivate altre richieste che ho compilato, stampato, firmato, scannerizzato e rimandato. Mi sono iscritto al portale my Anpal il 5 ottobre 2021 e ancora oggi non sono riuscito a concludere questa pratica. Infine, in questi giorni mi hanno richiesto l'iscrizione al CPI, il centro per l'impiego, che non avevo, mi hanno lasciato il numero di telefono a cui chiamare ed ho chiamato per due giorni senza risposta perché anche lì mi dava sempre occupato e allora ho inviato una mail a cui mi è stato risposto con una copia dell'iscrizione al CPI che ho stampato, firmato, scannerizzato e rimandato con i miei documenti. Spero che si possa concludere questa faccenda nel miglior modo possibile” - mi dice - per chiudere con un tono stressato ma speranzoso. Purtroppo però non aveva considerato le complicazioni che anche il datore di lavoro deve affrontare per attivare lo stage. Da una mail ricevuta dal consulente del lavoro arriva lo doccia fredda: “stiamo a 21 documenti da redigere, stiamo lottando da settembre ancora non siamo riusciti a cominciare lo stage.” Sembra incredibile. Ma eccoli qua, non è un'esagerazione. Elenco documenti necessari: convenzione firmato dal legale rappresentante, progetto formativo firmato dal legale rappresentante e dal tirocinante, scheda informativa aziendale firmato dal legale rappresentante, scheda dichiarazione di responsabilità firmata del legale rappresentante, copia della polizza responsabilità civile, con appendice nominativa del tirocinante, cv del tutor e del tirocinante in formato pdf, scheda anagrafica professionale o did on line del tirocinante nelle modalità indicate, copia del patto di servizio che il tirocinante ha stipulato con il cpi, copia documento legale rappresentante, copia documento tirocinante, copia dell'apertura pat inail (posizione assicurativa territoriale), copia della visura camerale, copia del Durc Documento Unico di Regolarità Contributiva, allegato 2 sottoscritto dal legale rappresentante, modulo dichiarazione sostitutiva vincoli parentali compilato e firmato da legale rappresentante e tirocinante, allegato 3 dichiarazione di adesione tirocinante (sottoscritto e firmato dal tirocinante), dichiarazione sostitutiva atto di notorietà (sottoscritto e firmato dal tirocinante), modulo dichiarazione sostitutiva conflitto interessi, atto notorio da compilare e firmare. Insomma, se per aiutare i giovani che escono dalle università e devono imparare e se per attivare uno stage formativo a pagamento bisogna affrontare un'odissea del genere, non ci siamo. Invece di fare un documento o due al massimo, considerato che non si riesce a parlare o ad avere un contatto e non si può andare al centro dell'impiego per il covid, viene richiesta una valanga di documentazioni e autenticazioni. Purtroppo, penso che la pandemia abbia peggiorato il sistema intasando ulteriormente i tempi perché prima forse ci volevano due mesi ora raddoppiati a quattro ma comunque non funziona questo formalismo con queste modalità. Dovrebbe essere una procedura immediata visto che c'è tutto online. Cosa ci vuole? Perché non semplificare? Perché non si può tagliare drasticamente tutta la burocrazia e aiutare i ragazzi a fare questi stage? Basterebbero un paio di documenti con l'autocertificazione per semplificare le procedure e tagliare i tempi. In conclusione, voglio lanciare un appello al governo: questo ragazzo da settembre doveva fare uno stage a pagamento che doveva, in seguito, iniziare il 1 novembre ma alla fine, forse, dovrebbe slittare di un mese per la produzione di tutti i documenti, 21 totali. Così dal 1 novembre si va al 1 dicembre. Semplificare con il digitale non basta, sbrigatevi a eliminare la burocrazia e a non fare più perdere tempo prezioso agli italiani. É urgente tagliare tutte le carte possibili, semplificare con autocertificazioni e dare la possibilità ai giovani di iniziare subito a fare stage formativi e, proprio perché sono giovani, hanno una grande voglia di imparare e di lavorare.
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.