A- A+
Alla salute
Salute, "legame mortale" tra zucchero e cancro

La cellula cancerosa ha la caratteristica peculiare di utilizzare glucosio o fruttosio come uniche fonti di energia. Avendo una biochimica anaerobica, essa usa fino al 95% dello zucchero che transita all’interno del corpo per replicarsi velocemente ed il resto dell’organismo, in assenza di nutrimento, deperisce e muore (la cachessia è la vera e più frequente causa di morte del paziente neoplastico). Il cancro obbliga quindi il malato a consumare elevate quantità di carboidrati. Numerose ricerche, però, hanno dimostrato che un consumo di zucchero eccessivo favorisce l'insorgenza del cancro stesso e la sua proliferazione. L’infiammazione, lo stress ossidativo e l’iperinsulinemia dovuti all’assunzione di zucchero costituiscono una triade letale.

In uno studio pubblicato su Cancer Research, i ricercatori dell’Università della California si son posti l’obbiettivo di analizzare il comportamento delle cellule di carcinoma pancreatico. Il Dr. Anthony Heaney ed il suo team di scienziati ne hanno isolate alcune e le hanno messe a contatto con fruttosio e glucosio. È emerso che le cellule di cancro usano il fruttosio per infiltrare il DNA sano ed iniziare a crescere e a dividersi freneticamente. "Queste scoperte dimostrano che le cellule maligne possono metabolizzare il fruttosio per aumentare la loro capacità di proliferazione” scrive il Dr Heaney. “Ciò che emerge dallo studio è utile ai pazienti malati di cancro che consumano cibi raffinati che contengono fruttosio (quasi tutti quindi n.d.r.) e indica che lo sforzo deve avvenire verso la riduzione dell’assunzione del fruttosio, in modo da ostacolare la crescita del cancro”. In una intervista alla BBC, lo stesso Dr. Heaney afferma: “Il fruttosio 'energizza' le cellule di cancro”. Già nel 1920 si era avuta la prova scientifica che il glucosio fosse il carburante del cancro; ora, forse per la prima volta, si dimostra che succede la stessa cosa con il fruttosio. Sebbene lo studio abbia utilizzato solo cellule maligne di tumore pancreatico, è ipotizzabile che lo stesso processo avvenga anche per altri tipi di cancro. Nonostante tali scoperte, il consumo di fruttosio negli USA è aumentato del 1000 percento tra il 1970 e il 1990, come riportato nel 2004 dall’American Journal of Clinical Nutrition.

Grazie all’eccezionale lavoro del Dr Seyfried (“Cancer as a metabolic disease") si è evidenziato che una glicemia stabilmente sotto ai 70 mg/dl di sangue rende di fatto impossibile la nascita e la crescita del cancro, per mancanza di nutrimento. Quindi, per chiunque viva producendo ‘picchi glicemici’ ed insulinici dopo i pasti (quasi tutti) e a maggior ragione per i diabetici di tipo 1 o 2, la strategia vincente per evitare il rischio di contrarre il cancro è quella di mantenere quotidianamente la glicemia e la produzione di insulina pancreatica nella norma. La terapia di insulina esogena che normalmente viene prescritta ai diabetici non farà altro che aumentare il rischio di cancro oltre che dei noti problemi cardio e neuro vascolari conseguenza dell'iperinsulinemia.

Come si possa politicamente permettere che il genere Umano si autoelimini con lo zucchero resta un mistero, o evidentemente ci sono interessi superiori alla salute pubblica. Sono infinite le prove che lo zucchero sia direttamente o indirettamente causa di obesità, diabete, cancro, Alzheimer, infarto, ipertensione, sterilità femminile e maschile, malattie della pelle, depressione e disturbi del comportamento, malattie virali infantili e non, ictus, Parkinson, sclerosi multipla, artrite reumatoide, artrite, osteoporosi, degenerazioni maculari, difficoltà digestive, insonnia, otiti e altre numerose malattie più o meno gravi. Le prime prove risalgono a quasi 100 anni fa e tutti questi anni di malattie hanno fruttato alle aziende farmaceutiche ed al business correlato miliardi di dollari. Stiamo lontani dai cibi processati che contengono fruttosio e ogni tipo di zucchero. Questo studio sul fruttosio ci conferma che potremmo evitare il cancro. Più di cinquecento anni fa, Paracelso scrisse che lo zucchero andrebbe venduto in farmacia, dietro prescrizione medica, ed assunto in dosi di milligrammi.

 

Riferimenti:

Haibo Liu, Danshan Huang, David L. McArthur, Laszlo G. Boros, Nicholas Nissen, Anthony P. Heaney:

Fructose Induces Transketolase Flux to Promote Pancreatic Cancer Growth Cancer Res August 1, 2010

70;6368

Veronique Douard,  Abbas Asgerally, Yves Sabbagh, Shozo Sugiura, Sue A. Shapses, Donatella Casirola,

Ronaldo P. Ferraris Dietary Fructose Inhibits Intestinal Calcium Absorption and Induces Vitamin D

Insufficiency in CKD JASN February 1, 2010vol. 21 no. 2 261-271

Le KA, Tappy L: Metabolic effects of fructose. Curr Opin Clin Nutr Metab Care 9: 469–475, 2006

Johnson RJ, Segal MS, Sautin Y, Nakagawa T,  Feig DI, Kang DH, Gersch MS, Benner S, Sanchez-Lozada LG:

Potential role of sugar (fructose) in the epidemic of hypertension, obesity and the metabolic syndrome,

diabetes, kidney disease, and cardiovascular disease. Am J Clin Nutr 86: 899–906,2007

Hu  FB, Malik  VS.  Sugar-sweetened beverages and risk of obesity and type 2 diabetes: epidemiologic

evidence. Physiol Behav. 2010;100(1):47-54.

Malik  VS, Hu  FB.  Sweeteners and risk of obesity and type 2 diabetes: the role of sugar-sweetened

beverages [published online January 31, 2012]. Curr Diab Rep.

Malik  VS, Popkin  BM, Bray  GA, Després  JP, Hu  FB. Sugar-sweetened beverages, obesity, type 2

diabetes mellitus, and cardiovascular disease risk. Circulation. 2010;121(11):1356-1364.

Brown  IJ, Stamler  J, Van Horn  L,  et al; International Study of Macro/Micronutrients and Blood Pressure

Research Group.  Sugar-sweetened beverage, sugar intake of individuals, and their blood pressure:

international study of macro/micronutrients and blood pressure. Hypertension. 2011;57(4):695-701.

Chen  L, Caballero  B, Mitchell  DC,  et al.  Reducing consumption of sugar-sweetened beverages is

associated with reduced blood pressure: a prospective study among United States adults. Circulation.

2010;121(22):2398-2406.

Hotamisligil  GS.  Inflammation and metabolic disorders. Nature. 2006;444(7121):860-867.

Aeberli  I, Gerber  PA, Hochuli  M,  et al.  Low to moderate sugar-sweetened beverage consumption

impairs glucose and lipid metabolism and promotes inflammation in healthy young men: a randomized

controlled trial. Am J Clin Nutr.

Weihua Zhou, Purna Mukherjee, Michael A Kiebish, William T Markis, John G Mantis and Thomas N

Seyfried The calorically restricted ketogenic diet, an effective alternative therapy for malignant brain

cancer Nutrition & Metabolism 2007, 4:5 doi:10.1186/1743-7075-4-5

Seyfried TN, Mukherjee P: Targeting energy metabolism in brain cancer: review and hypothesis. Nutr

Metab (Lond) 2005, 2:30

Seyfried TN, Sanderson TM, El-Abbadi MM, McGowan R, Mukherjee P: Role of glucose and ketone

bodies in the metabolic control of experimental brain cancer. Br J Cancer 2003, 89:1375-1382

http://www.drperlmutter.com/kind-brain-eat-fat-cut-carbs/#more-3963

Tags:
salutezuccherocancro

in vetrina
Grande Fratello Vip 3: "Per Lory Del Santo porta aperta, sarà.." GF VIP 3 NEWS

Grande Fratello Vip 3: "Per Lory Del Santo porta aperta, sarà.." GF VIP 3 NEWS

i più visti
in evidenza
Il fatto della settimana Tria e Di Maio visti dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Tria e Di Maio visti dall'artista

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Parigi 2018: Honda presenta il nuovo CR-V con tecnologia ibrida

Parigi 2018: Honda presenta il nuovo CR-V con tecnologia ibrida

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.