A- A+
Coaching
Interview with Deepak Trivedi, head of Strategic Influence

Interview with Deepak Trivedi, sports consultant for London Olympic games and now Tokyo Olympic games, head of European and Asian projects for New York based firm Strategic Influence, member of the National Speakers association and has spoken and consulted with many organisations such as Microsoft. He teaches Sports and Leadership programmes in 5 countries.

 

You have a lot of experience but what is that a big company needs from you that is not already present in the company?

The main reason for a company to hire people outside the organization for working on an issue is that they want an outside perspective that is completely objective. The insiders are connected each other with loyalty and attachment and are more likely to open to a stranger about any problem that may be.

You work as Leadership consultant. What do you teach?

Let’s talk about the organizational aspect. I think that the most important thing in any organization should be focusing on people, because people is the most important asset they have. Often management looks at the finance, at the outcome or at the efficiency of the process, but don’t look enough at the employees, at their wellbeing, their moral, their motivation, so that they continue to be happy employees within the organization. I have seen organizations that have kept on making mistakes in terms of turnover of staff and they haven’t changed anything. Their focus is on the next new big product or on the next marketing campaign that is coming out. But how often they sit down with their employees to say “hey guys you are doing a good job”? Almost never.

So, what I can say about the leadership is connected to the people aspect of the organization. In a more conservative organization the leader think that people go to work as they are paid to work, and that’s it. Actually the more involved people have an emotional attachment in what they do. You can get the best talents, but keeping the best talents it’s a completely different story, and this must be based not only on salaries and bonuses but above all on recognize them, expressed on the smaller elements that happen continuously. Being a leader is showing that you care for the people that is working for you.

Do you think that everyone can become a leader?

Most people can, but we must remember that being a leader is a continuous renewed learning process, and that the judges of the quality of a leadership are the employees that work for him. Thinking in this way we can say that everyone can learn to be a leader.

Someone says that we are in the golden age of sports. Do you agree or do you think that sports could be even more developed?

I think that we are in very exciting time in sport. We are seeing so much kind of evolving. 10 or 15 years ago people were used to attend events just to see the team or just to see the athletes, and they were used to buy the tickets to attend that specific event, now sport has become part of the entertainment industry. The fans want much more than just the game now, they want a wider experience and we have several kind of fans now, not just the big supporters, there many occasional fans. If things are exposed to this perspective they seem to be much more part of the entertainment than sport business.

For example, when NFL started a process of internationalization and decided to have matches into Wembley stadium, one of the most iconic stadium in the world with 90.000 seats, in a country where 50% of population don't understand the rules and no one had ever practiced that sport at school, and there were no connections with NFL football team, people didn’t think this going to work. When the ticket went on sale on Ticketmaster, within minutes the 90.000 seats sold out for the first game. This means that we are in a golden era, because the possibilities are endless. If can convince people to buy tickets for something they have no idea what’s going on, why are they going for? For a new entertainment experience. Now Nba is doing the same in many towns even outside Uk.

You are in the board of directors for tennis in New York, a very important place for tennis, and in many other international organizations. Surely you have special and unique skills, but at the same time it seems you have very good qualities in relationships. In your opinion how much are relationships important?

I think relationships are much more important than skills, and this is one the thing that I always say to my students. I was lucky to have very good mentors when I started my carrier and I now am focused to teach as much as I can. I can say that the biggest mistake that I see is not to have genuine relationships, that is the main way to have natural progression. I use myself as an example because I have never had a job in an official process of selection and interview, and all them have come out from my personal network of relationships. The point is that if people understand that you have genuine consideration for them, they remember it.

We could say that you are a big influencer, and being an influencer today mean 'being important'. Is there a strategy to become an influencer or it happens casually as a consequence of simply working?

Talking of influencing I’m more of the old school because you can make a lot of communication contents as articles, books, having a blog etcetera but I don’t have a lot of online presence. Most of what I have done I have relied on word of mouth and reputation. I call people and I write people on a personal base, and the professional base follows. This attitude has more influence than having a blog. If people you are connected know what you are doing, they will support you. It’s simple: if you care of them, they care of you, and this is something I’d like to convince younger generations, often focused to have something fast and ‘now’, to do.

 


 

Intervista a Deepak Trivedi, sports consultant per i Giochi Olimpici di Londra 2012 e Tokyo 2020, a capo dell'European and Asian projects per lo studio newyorkese Strategic Influence, membro della National Speakers association e Speaker e Consulente per svariate aziende, tra cui Microsoft. Insegna in un corso di Sports and Leadership in 5 diversi Paesi.

 

Tu hai moltissima esperienza ma di che cosa una grossa compagnia ha bisogno da parte tua che non è già presente al suo interno?

 

La principale ragione per un'azienda per assumere persone fuori dall'organizzazione stessa per lavorare su qualche questione, è che vogliono una prospettiva esterna che sia completamente oggettiva. Gli interni sono connessi l'uno con l'altro da lealtà e attaccamento, e sono molto più pronti ad aprirsi nei confronti di un estraneo rispetto a qualsiasi problema possano avere.

Lavori come Leadership consultant. Cosa insegni?

Partiamo dall'aspetto organizzativo. Credo che la cosa più importante in ogni organizzazione sia il concentrarsi sulle persone, perché sono le persone l'asset più importante di tutti. Spesso il management guarda ai risultati economici, all'esito finale o all'efficienza del processo, ma non guardano a sufficienza ai propri impiegati, al loro benessere, al loro morale, alla loro motivazione così che possano continuare ad essere felicemente impiegati all'interno dell'azienda. Ho visto situazioni nelle quali le aziende hanno continuato a fare errori cambiando il personale senza che questo abbia cambiato nulla. Il loro focus era sul loro prossimo nuovo grandioso prodotto, o sulla prossima campagna di marketing in procinto di realizzazione. Ma quanto spesso si sedevano con i propri dipendenti per dire "ehi ragazzi state facendo un ottimo lavoro"? Quasi mai.

Quindi si potrebbe dire che la leadership è collegata con il lato umano delle aziende. Nelle compagnie più conservatrici i leader pensano che le persone vadano a lavorare perché sono pagate, e questo è quanto. Invece le persone più coinvolte hanno un attaccamento emotivo verso quello che fanno. Puoi avere i migliori talenti, ma tenerli con te è una storia completamente diversa, e deve essere basata non soltanto sul salario e sui bonus; ma sopra ogni altra cosa sul gratificarli, esprimendosi anche nelle più piccole cose che accadono quotidianamente. Essere un leader vuol dire mostrare che ti interessi delle persone che lavorano per te.

Pensi che chiunque possa diventare un leader?

La maggior parte delle persone possono, ma ci dobbiamo ricordare che essere un leader è un processo di apprendimento continuo, e che i giudici della qualità di un leader sono i dipendenti che lavorano per lui. Se si ragiona in questo modo possiamo dire che chiunque può imparare ad essere un leader.

Qualcuno dice che siamo nell'età dell'oro degli sport. Concordi, o credi che gli sport possono essere ancora più sviluppati?

Io credo che stiamo vivendo un periodo davvero molto emozionante per quello che riguarda lo sport. Stiamo vedendo così tante evoluzioni. 10 o 15 anni fa le persone erano solite partecipare a degli eventi nei quali avrebbero semplicemente visto la squadra o gli atleti, ed erano abituati a comprare i biglietti per partecipare a eventi specifici. Ora lo sport è diventato parte dell'industria dell'intrattenimento. I tifosi vogliono molto più che solo la partita, ora vogliono un’esperienza ampia... e abbiamo anche diversi tipi di fan, non soltanto i grandi supporter: ci sono molti più fan occasionali. Se le cose vengono esposte in questa prospettiva sembra esserci molto più intrattenimento che sport in questo business.

Per esempio quando la NFL cominciò un processo di internazionalizzazione e decise di fare delle partite nello stadio di Wembley, uno degli stadi più iconici del mondo, con 90000 posti a sedere, in un paese dove il 50% della popolazione non comprendeva le regole e nessuno aveva mai praticato quello sport a scuola, e dove per giunta non c'erano connessioni di alcun tipo con i team della NFL, nessuno pensava che questo avrebbe potuto funzionare. Quando i ticket andarono in vendita su Ticketmaster, dopo pochi minuti i 90000 posti per la prima partita erano già esauriti.

Questo significa che siamo nell'età dell'oro perché le possibilità sono infinite. Se puoi far sì che le persone comprano biglietti per un qualcosa che non conoscono per nulla... per quale motivo ci stanno andando? Per un nuovo tipo di esperienza di intrattenimento. Ora la NBA sta facendo lo stesso in molte città, anche fuori dal Regno Unito.

Sei nel board del tennis con sede a New York, e in molte altre organizzazioni internazionali. Sicuramente hai capacità e skills speciali, ma allo stesso tempo sembri avere ottime capacità interpersonali. A tuo avviso, quanto sono importanti le relazioni?

Credo che le relazioni siano molto più importanti delle capacità, e questa è una cosa che dico sempre ai miei studenti. Sono stato fortunato ad avere veramente degli ottimi mentori quando ho cominciato la mia carriera, e ora sono focalizzato sull'insegnare tutto quello che posso. Posso dire che il più grande errore che vedo è quello di non avere relazioni genuine, che è il metodo migliore per avere una naturale evoluzione lavorativa. Uso me stesso come esempio perché non ho mai avuto un lavoro tramite un processo di selezione e di colloqui: sono tutti arrivati direttamente dal mio network personale di relazioni. Il punto è che se le persone capiscono che tu hai una genuina considerazione per loro, se ne ricordano.

Potremmo dire che tu sia un grande influencer, ed essere un influencer al giorno d'oggi significa 'essere importanti'. Esiste una strategia per diventare un influencer o è qualcosa che succede casualmente come conseguenza del lavoro di tutti i giorni?

Parlando di influencer io sono più della vecchia scuola, perché faccio un sacco di comunicazione tramite contenuti come articoli, libri, avere un blog eccetera; ma non ho molta presenza online. La maggior parte di quello che io ho fatto è stato ottenuto tramite il passaparola e la reputazione. Chiamo e scrivo alle persone su base personale, e il rapporto di tipo professionale è qualcosa che segue. Questa attitudine ha molta più influenza rispetto all'avere un blog. Se le persone sono connesse con quello che tu stai facendo, ti supporteranno. È semplice: se tu tieni a loro, loro tengono a te, e questo è qualcosa che mi piacerebbe coinvolgere le giovani generazioni, spesso focalizzate sull'avere qualcosa "qui ora", a fare.

 

 

Commenti

    Tags:
    leadership

    in vetrina
    Lavazza, Crozza canta e balla in Paradiso per Natale. FOTO e VIDEO

    Lavazza, Crozza canta e balla in Paradiso per Natale. FOTO e VIDEO

    i più visti
    in evidenza
    Oldani, lo chef sbarca su Rai 1 Ecco 'Alle Origini della Bontà'

    Spettacoli

    Oldani, lo chef sbarca su Rai 1
    Ecco 'Alle Origini della Bontà'

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    La 124 Abarth protagonista nel nuovo video clip di Sting e Shaggy

    La 124 Abarth protagonista nel nuovo video clip di Sting e Shaggy

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.