A- A+
Cose Nostre
Governo del Cambiamento, i giornaloni dell’Antico Regime non prendono palla
Foto LaPresse

Dopo aver descritto a tinte fosche il governo gialloverde di Conte, Di Maio e Salvini come fascista, razzista e populista, i giornaloni del Palazzo, nostalgici dell’Antico Regime e incapaci di comprendere il Cambiamento socio-politico in atto, non nascondono la loro soddisfazione per le tracce di sinistra che ritengono di rinvenire nel decreto dignità di Di Maio sul lavoro, contro le famigerate delocalizzazioni e contro le macchinette mangiasoldi e la ludopatia.

Auspicando, come contorno e retroscena, incrinature e divisioni in un neonato governo disruptive che è invece quanto mai solido e guizzante. Analisi pigre e schizofreniche figlie di un difetto d’analisi che sta a monte: il loro schema interpretativo sbagliato e fuorviante si basa ancora sulla secolare e comoda contrapposizione destra-sinistra. E invece con la nascita del governo Conte il conflitto si gioca sullo scontro tra popolo ed oligarchie (come Trump-Clinton in Usa ecc.)

Essendo populisti, Lega e Cinquestelle, spinti dalla forza delle cose si sono così naturalmente ritrovati omogenei e sinergici nell’alleanza che ha dato origine al governo Conte, superando gli steccati dei propri orticelli ideologici, programmatici ed elettorali e mettendo a fattor comune progetti e competenze. Mentre  Forza Italia e Pd, capisaldi fintamente contrapposti del precedente equilibrio ante 4 marzo, vagolano come pugili suonati, senza riuscire a individuare una strategia e strologando moralisteggianti davanti all’ "esuberanza” mordi e fuggi pentaleghista come tante “signora mia” o tanti vecchietti acidi al giardinetto.

Devono invece semplicemente capire, i partiti che hanno voluto questa legge elettorale suicida, se stanno dalla parte delle élite (bancarie, finanziarie,europee) o se intendono schierarsi dalla parte del popolo. Tema particolarmente dirimente per il Pd che con i Renzi ieri e i Calenda oggi persevera nell’errore di essere la propaggine liberal e auspicatamente cool del turbo-capitalismo mondialista, facendone di fatto gli interessi, dissimulati con una spolveratina di classismo all’acqua di rose da talk show. Mentre gli operai ansimanti e bastonati e la classe media messa in ginocchio in questi anni dalle politiche dissennate filo-europeiste e antipopolari dei governi di sinistra, vota Lega e Cinquestelle.

Tags:
governo conte

in evidenza
Carlotta Maggiorana è Miss Italia Dal film con Brad Pitt alla corona

Spettacoli

Carlotta Maggiorana è Miss Italia
Dal film con Brad Pitt alla corona

i più visti
in vetrina
Diletta Leotta difende il bikini a Miss Italia: "Donne da rispettare sempre"

Diletta Leotta difende il bikini a Miss Italia: "Donne da rispettare sempre"

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Al Salone di Hannover sbarca il pick-up RAM

Al Salone di Hannover sbarca il pick-up RAM

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.