A- A+
Destinazione Sud
La prima eco-casa per rifugiati nasce in Basilicata, terra d'emigranti
La sigla dell'intesa nella sede della Fao a Roma

Sarà fatta di canapa, legno e generosità, la prima eco-casa per rifugiati. E sorgerà in Basilicata, a Scanzano Jonico, tra le spiagge del Mar Ionio e i Sassi di Matera. Dietro alla prima “Casa per la Pace”, frutto di un accordo siglato pochi giorni fa a Roma nella sede della Fao, c’è una bella idea ma, soprattutto, storie di persone. E di una regione che ha conosciuto la lunga e travagliata epopea in cui gli emigranti eravamo noi.

E’ il frutto di un incontro singolare che mescola assieme l’utopia coinvolgente del premio Nobel per la Pace Betty Williams, il progetto ecosostenibile dell’archistar Mario Cucinella, l’impegno appassionato di una stella di Hollywood come Sharon Stone e il mecenatismo nativo di due imprenditori, lucani d’origini e per attività, come Nicola Benedetto e Pasquale Natuzzi.

Personalità così diverse eppure magicamente amalgamate in un accordo unico nel suo genere a favore dell’accoglienza dei rifugiati. Un progetto, si capisce, che generosamente prende il largo controcorrente, offrendo un tetto a chi invece, in giro per l’Europa, incontra più spesso muri e filo spinato. Nasce così la prima "Abitazione per la Pace" e, non a caso, in una terra che alla fine dell’Ottocento - nel decennio 1896-1905 – ha registrato il picco di oltre 120mila lucani espatriati, con una media superiore a 12.000 unità. Un flusso calcolato in 264.432 unità in un trentennio, superiore alla metà della popolazione residente in Basilicata nel 1901. E’ come se ogni anno un intero paese fosse scomparso nel nulla, facendo della Lucania la regione d’Italia più colpita dall’esodo migratorio, seconda solo al Veneto. Cifre che fanno il paio con quelle che, un secolo dopo, ci consegna la cronaca recente: sono 111mila, infatti, i migranti accolti dall’Italia al 31 marzo scorso.

Insomma, a flussi invertiti, la Basilicata prova a ritagliarsi un nuovo ruolo: da terra di partenza a luogo (anche) d’approdo. Superando e rovesciando, a suo modo, le tante contraddizioni di un territorio povero ma bello, dove nel 2003 si voleva conficcare scorie nucleari nelle viscere di Scanzano Jonico (a due passi dal deposito di Trisaia); in cui l’illusione del petrolio convive con la speranza delle energie rinnovabili; l’arretratezza raccontata da Carlo Levi è divenuta orgoglio nella Matera capitale della Cultura e dove l’agricoltura (e con essa il turismo) aspira a guidare il riscatto dalla modernizzazione che ne causò la progressiva “desertificazione” di braccia e menti.

Ed è proprio a Scanzano, allora, che si può riscrivere questa storia al contrario prendendola, però, per il verso giusto. In cui la diffidenza diventa accoglienza, il timore del diverso lascia spazio all’inclusione, l’emigrazione si fa comunità e la terra ospite diventa, appunto, casa. Grazie all’entusiasmo della nord-irlandese Betty Williams, ispiratrice e madrina di una nuova intesa che va a rafforzare il suo progetto della Fondazione della Città della Pace per i Bambini (legata al World Center of Compassion for Children Onlus), che ha già ospitato 110 rifugiati e richiedenti asilo e ora si propone come «un modello da seguire nei prossimi anni per dare una soluzione umana ed efficace alla richiesta di aiuto che arriva da parte dei rifugiati e dei richiedenti asilo che approdano sulle coste europee».

Un modello di accoglienza “esportabile” la cui idea di fondo, promossa da Sharon Stone nella sua visita di settembre, è che ONG e privati possano concorrere insieme alle amministrazioni pubbliche ad elaborare modalità innovative e virtuose non solo per l’accoglienza ma anche per l’integrazione delle persone costrette a fuggire dal loro Paese d’origine.

Su questa base teorica l’architetto Mario Cucinella ha disegnato il progetto, donandolo alla Fondazione della Williams che, una volta realizzato su terreno pubblico, lo passerà in dote al Comune di Scanzano: «Ho sviluppato questo progetto – ha detto Cucinella - partendo da forme naturali e pensando alla qualità abitativa ed alla sostenibilità, perché i rifugiati hanno i nostri stessi diritti e le nostre stesse esigenze. La realizzazione della prima ‘Abitazione per la pace’ è soprattutto un atto di responsabilità che dimostra come il nostro sia ancora un Paese ricco di generosità».

In tal senso, Nicola Benedetto e Pasquale Natuzzi non hanno lesinato sforzi, finanziando la eco-casa con 360mila euro. Altruismo, certo, ma anche uno sguardo lungimirante verso un progetto innovativo, che mette insieme materiali ecologici e risparmio energetico, combinandoli con una nobile finalità. Benedetto, che è albergatore e amministratore unico della BBC SrL (azienda tra le più importanti della Basilicata nel campo degli infissi in alluminio), ha imparato a conoscere la materia emigrazione dal di dentro, come presidente (appena confermato) della Commissione regionale dei lucani all’estero, collante istituzionale con le 157 associazioni e federazioni dei lucani nel mondo, 134 all’estero e 23 in Italia. Perciò, anche da privato cittadino, può farsi  interprete di un sentimento diffuso nella sua terra e, in generale, nel Sud: «Non è possibile – ha sottolineato Benedetto -  rimanere indifferenti di fronte alle immagini di queste persone disperate che hanno turbato anche il Papa. Chi ha la possibilità di intervenire deve farlo anche perché l’accoglienza qualifica un territorio ed è in realtà un vantaggio per tutti e non solo per chi è accolto».

Uno stimolo forte anche per Natuzzi, il “re dei divani”, per il quale il valore dell’ospitalità è quasi una missione di vita: «Essere ospitali non significa soltanto rendere la propria casa armoniosa e confortevole, cosa a cui contribuiamo ogni giorno con il lavoro e la nostra passione. Essere ospitali significa anche rimboccarsi le maniche per difendere il diritto di tutti ad avere un rifugio, quando si è in fuga dalle guerre e dalla fame. Questo è il motivo per il quale Natuzzi sostiene la Fondazione Città della Pace». Ed è anche il motivo per cui solo chi è stato migrante, come tanti lucani di ieri e di oggi, può capire meglio il dramma dell’immigrazione e pensare che, in questo strano mondo, può succedere persino che mettere sotto lo stesso tetto un premio Nobel, una star di Hollywood, un famoso architetto, due facoltosi imprenditori e quattro poveracci scampati alla guerra e alla fame non sia un “reality show” ma una bella realtà.

Commenti

    Tags:
    basilicatascanzano joniconicola benedettopasquale natuzzibetty williamsmario cucinellasharon stoneeco-casarifugiatiimmigrazione

    in vetrina
    Massimiliano Allegri e Ambra Angiolini si sposano: nozze a giugno 2019

    Massimiliano Allegri e Ambra Angiolini si sposano: nozze a giugno 2019

    i più visti
    in evidenza
    Bonaventura rischia 5 mesi di stop Socio di Elliot: ecco due offerte

    Milan News

    Bonaventura rischia 5 mesi di stop
    Socio di Elliot: ecco due offerte

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Dal 15 novembre scatta l’obbligo del montaggio di pneumatici invernali

    Dal 15 novembre scatta l’obbligo del montaggio di pneumatici invernali

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.