A- A+
Imprese e Professioni
Alessia Potecchi. Idee e proposte in vista della Legge di Stabilità 2020

"In un quadro di risorse scarse l'intervento sulle pensioni andava fatto in modo diverso ma è sbagliato modificare costantemente le regole del gioco in materia previdenziale. Quota 100 ha una durata triennale e l'orientamento è lasciare che vada ad esaurimento" ha dichiarato il neo-ministro dell'Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri. Ma il tema delle pensioni è solo un aspetto, per quanto importante, del problema. Occorre scongiurare l'aumento dell'Iva, definire reddito di cittadinanza, Ape Sociale e tanto altro.

Il nuovo Documento di Economia e Finanza sarà pubblicato il 27 settembre, ma che cosa ci possiamo aspettare, o ancor meglio, che cosa vorremmo che ci fosse nella nuova Legge di Bilancio?

Per quanto riguarda il PD, un po' travagliato in questi giorni per la netta presa di posizione di Matteo Renzi, chiediamo un parere ad Alessia Potecchi, Responsabile Dipartimento Banche, Fisco e Finanza del Pd Metropolitano di Milano.

Che cosa dovremmo aspettarci?

Risponde Alessia Potecchi. "Anzitutto una svolta nel metodo. L’iter della legge di stabilità deve prevedere un confronto con le parti sociali e produttive (sindacati, associazioni, imprenditori, lavoratori autonomi, ordini professionali, eccetera). Il governo ha già dato segnali importanti. Conte in particolare ha annunciato che farà un confronto con Landini a Lecce alla festa della Cgil. Il PD e i gruppi parlamentari si devono muovere di concerto con il Governo e devono mobilitare i circoli e le federazioni regionali."

D'accordo, ma poi?

"Una svolta nei contenuti concentrata su investimenti, ambiente, lavoro, eguaglianza, giovani e donne. Poi va subito congelato il previsto aumento dell’Iva. Le conseguenze sarebbero catastrofiche sulla economia."

Abbiamo accennato ai temi di flat tax, quota 100, reddito di cittadinanza. Che cosa ne pensa?

"Penso si debba ragionare sull’opportunità dello scatto del secondo scaglione della Flax Tax per gli autonomi. La quota 100 per l’età pensionabile deve andare ad esaurimento senza essere riproposta: ci sarebbero problemi se dovesse essere rimessa in discussione; ci si troverebbe dinanzi un replay degli “esodati”. Il reddito di cittadinanza va mantenuto con le modifiche che le parti sociali suggeriranno sulla base dell’esperienze sin qui raggiunte."

Sugli aspetti fiscali che cosa proporrebbe?

potecchi2Alessia Potecchi

"Comunque la Flat Tax va archiviata. È ragionevole il suggerimento della Banca d’Italia di procedere ad una riforma fiscale dell’Irpef anche se non esistono però ora i tempi e le disponibilità sufficienti per farla. Ecco perché si può ragionare su un intervento di riduzione dell’IRPEF da versare in unica soluzione a giugno o luglio. L’intervento fiscale non deve essere a pioggia ma deve riguardare prioritariamente le famiglie, le donne, la competitività. Bisogna calcolare bene i tempi. Non si possono commettere errori come quello verificatosi nel 2018 per il pubblico impiego quando gli aumenti contrattuali vennero versati in busta paga dopo le elezioni politiche di marzo. L’intervento a favore delle imprese deve essere realizzato dando la precedenza a chi fa assunzioni di personale e a chi realizza investimenti in beni produttivi. È importante pensare ad un mix di interventi fiscali e parafiscali intervenendo in maniera significativa sui contributi previdenziali. Si tratta di interventi che comunque devono trovare una sistemazione in una nuova ed organica riforma fiscale coerente con i cambiamenti che si sono verificati con la globalizzazione con la finanziarizzazione."

Un bell'inizio, ma poi?

"Realizzare investimenti ambientali e sociali: è una grande opportunità per creare lavoro, ricerca e per aggregare i giovani. Non possiamo lasciare questo argomento ai 5 Stelle. Gualtieri si è mosso bene nel vertice di Helsinki, l’Italia parteciperà alla realizzazione del Green New Deal. Inoltre la lotta all’evasione fiscale va fatta e non declamata. È un giacimento inesplorato che può riservare grandi e sorprendenti risultati. Occorre mirare alto: non si può pensare che la lotta all’evasione fiscale si deve concretizzare e si deve concentrare contro gli idraulici, i carrozzieri o i tassisti. Occorre utilizzare le nuove tecnologie (si vedono i risultati esempio della fatturazione elettronica) ricercando la collaborazione con gli ordini professionali. Semplificare, rispettare lo statuto dei contribuenti, discutere gli algoritmi ecco quello che ci vuole." 

Lei ha spesso parlato dei giganti del web.

"Sì, occorre affrontare seriamente la rete dell’evasione dei giganti del web (Airbnb, Uber, Google, Facebook, Amazon, Apple e Twitter) che hanno nel 2018 versato all’Italia complessivamente solo 37 milioni, poche briciole se si tiene conto dei loro profitti stellari. Per fare un esempio, paga di più di loro Amplifon con i suoi apparecchi acustici. È assurdo che l’Italia sia diventata un inferno per i contribuenti onesti e un paradiso per i giganti del web. Chiediamo che la lotta all’evasione fiscale venga concentrata prioritariamente dove c’è la polpa senza vessare i piccoli contribuenti".

Lei rappresenta il PD a Milano per quanto riguarda il mondo dell'economia. Che cosa si fa concretamente per la città?

"A Milano stiamo facendo un lavoro concentrato sul fisco e desidero dare qualche maggiore dettaglio e suggerimento sul tema: a) Spostamento del carico fiscale da lavoro e capitale, alle rendite, ai consumi. b) Vera semplificazione del sistema fiscale e severa lotta all’evasione e all’elusione fiscale. c) Riduzione significativa della tassazione sui redditi da lavoro e da pensione agendo soprattutto sui redditi medi e bassi. d) Misure fiscali intelligenti e responsabili per favorire l’istruzione, la ricerca, la digitalizzazione. e) Diminuzione della tassazione fiscale e parafiscale sul lavoro con una abile ed efficace lotta al lavoro nero. f) Misure di vantaggio fiscale per superare i divari tra le regioni, favorendo gli investimenti e mettendo in atto politiche convincenti per evitare l’emigrazione all’estero delle imprese e di molti giovani laureati."

Un programma ambizioso. Ce la farete?

"Penso di sì, anzi a tutto questo si aggiunge il dumping sociale. Molti dei Paesi che prima della caduta del muro di Berlino erano nell’Europa dell’Est non hanno legislazioni sociali comparabili con quelle dei Paesi europei occidentali. I lavoratori sono meno tutelati, la contrattazione è molto vincolata, gli orari sono precari, la sicurezza sul lavoro soprattutto per quanto riguarda il lavoro minorile e quello femminile è fortemente trascurata. Occorre una svolta. Bisogna procedere a delle vere riforme. La nostra macchina fiscale è arrugginita, obsoleta, inadeguata. Il mondo è cambiato; il lavoro è diverso; la conoscenza, la tecnologia e le innovazioni sono decisive. Occorre procedere certo con responsabilità ma anche con audacia".  

Come vuole concludere quasta intervista?

"È il momento di agire, i temi economici sono e saranno al centro del dibattito politico, è il nostro tempo, abbiamo anche una congiuntura favorevole, la nuova governance europea, non dimentichiamolo, ha una sintonia diversa del passato con l’Italia."

Commenti
    Tags:
    alessia potecchilegge di stabilità 2020pd metropolitano milanoflat taxpaolo brambillatrendiest
    in evidenza
    Lady Gaga cade giù dal palco Germanotta tonfo! FOTO-VIDEO

    Incidente allo show di Las Vegas

    Lady Gaga cade giù dal palco
    Germanotta tonfo! FOTO-VIDEO

    i più visti
    in vetrina
    BELEN IN LINGERIE, CECILIA RODRIGUEZ 'FUORI DI SENO'. E POI... Foto delle Vip

    BELEN IN LINGERIE, CECILIA RODRIGUEZ 'FUORI DI SENO'. E POI... Foto delle Vip


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    On Air la nuova campagna a 360 gradi di Opel Grandland X Hybrid4

    On Air la nuova campagna a 360 gradi di Opel Grandland X Hybrid4


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.