A- A+
Imprese e Professioni
I radicali milanesi intervengono in Regione per ottimizzare la sanità lombarda

Si è concluso il percorso di approvazione del Programma Regionale di Sviluppo in Regione Lombardia. Il voto del gruppo + Europa sul provvedimento non poteva che essere contrario  visto che il PRS illustra l’idea di Regione - molto distante da quella rappresentata da +Europa con Emma Bonino. "Ciononostante apprezziamo le aperture nel merito dei problemi su molte nostre proposte, accolte e approvate dall’Aula. Su 350 emendamenti presentati dagli 80 consiglieri, 96 sono il  lavoro di una famiglia politica" dichiara l’unico consigliere eletto in +Europa, Michele Usuelli, che coordina il lavoro dei Radicali Milanesi. "27 emendamenti di +Europa sono stati approvati, 13 su questioni di Sanità".

LA SANITA' SI RINNOVA

Obiettivi: riorganizzare i posti letto negli ospedali lombardi, con relativi accorpamenti di reparti in una fase in cui l’Italia ha 4 medici per 1000 cittadini (tra i più alti al mondo); cionondimeno possediamo anche un numero elevatissimo di ospedali ed i reparti sono quasi tutti con un numero di medici troppo basso per poter lavorare bene. Il lavoro dei medici diventa difficilissimo ed il disagio si trasferisce ai cittadini. Sono state poste le basi per una revisione dei criteri con cui vengono individuati i pazienti cronici nella nuova legge di riforma sanitaria e finalmente  sono state approvate proposte concrete per misurare la qualità del servizio sanitario in base alla percezione dei pazienti. Fondamentale anche l’inserimento, tra i criteri di valutazione dei direttori generali, l’abbattimento delle liste d’attesa. "Grazie a un nostro emendamento sarà iniziata una discussione per il non pagamento da parte delle famiglie dei certificati di idoneità alla pratica sportiva non competitiva per i bambini" prosegue Michele Usuelli.

"Abbiamo anche lavorato sulla sanità internazionale. Saranno finalmente rivisti i criteri che animano i progetti di cooperazione allo sviluppo, perché 'aiutiamoli a casa loro' non sia solo uno slogan: pochi, chiari progetti di particolare interesse e non un aiuto a caso. Poi contenimento della sovrappopolazione nei paesi ad alta fertilità, no ai viaggi della speranza dai Paesi poveri verso gli ospedali italiani per salvare il singolo caso, ma investimenti mirati per il miglioramento delle condizioni sanitarie nei paesi in via di sviluppo. Infine cooperazione solidale tra le nostre popolazioni montane, per inaugurare degnamente il nuovo assessorato alla montagna".

I PAZIENTI PSICHIATRICI ADOLESCENTI

Anche la questione della gestione del paziente psichiatrico adolescente è stata affrontata i modo innovativo: ad oggi, in Milano tutti i posti letto di neuropsichiatria infantile sono destinati a  pazienti neurologici e pertanto l’ adolescente in stato di agitazione in pronto soccorso viene ricoverato in reparti di pediatria o psichiatria adulti. In entrambi i casi una violazione dei diritti umani e della salute degli adolescenti. Ora gli adolescenti lombardi con disagio psichiatrico avranno équipe di psichiatri infantili in guardia h24 per pronto soccorso e reparto.

I CAMPI ROM

usuelliMichele Usuelli

A proposito del censimento dei campi rom, sostenuto da Silvia Sardone, il consigliere regionale Michele Usuelli dichiara la propria contrarietà: "Questa mozione, nel dichiarato intento della proponente, ha la ulteriore vergogna di essere ammantata di un presunto interesse nei riguardi dei bambini rom che non vanno a scuola. Ho provato a spiegare che per combattere la evasione scolastica dei bambini rom, si sa come fare. Negli anni 90, mentre ero studente universitario lavoravo 10 ore a settimana come animatore assunto dal comune di Milano nel campo nomadi regolare di via Idro, in fondo a viale Padova. Ho visto e quindi so. Alcune mamme del campo, dopo training, erano inserite con contratti di collaborazione professionale nella scuola pubblica di zona e fungevano da mediatrici culturali. Erano molto apprezzate: alla mattina i bambini rom arrivavano prima in classe e potevano fare la doccia a scuola (il campo attrezzato del comune aveva solo acqua fredda), aiutavano i bambini rom come agenti di sostegno, facilitando le maestre nel rispetto del programma scolastico a vantaggio di tutta la classe. A volte, se necessario, gestivano ”l’ordine pubblico in classe”. Un vero progetto, facile, di inclusione sociale, di successo, replicabile, in una situazione difficile e ... pure economico. Se agiamo con buone politiche i problemi si semplificano, se censiamo e puntiamo il dito, creiamo un clima di odio non utile. Anche i campi rom irregolari vanno tollerati, almeno le forze dell’ordine sanno dove stanno e possono e devono controllare. Se li disperdiamo, non sappiamo nemmeno dove sono."

Commenti
    Tags:
    michele usuelli+europaemma boninosanità lombardarom

    in evidenza
    Il fatto della settimana Tria e Di Maio visti dall'artista

    Culture

    Il fatto della settimana
    Tria e Di Maio visti dall'artista

    i più visti
    in vetrina
    Federica Pellegrini super star alla Milano Fashion Week. E' lei la "Divina"

    Federica Pellegrini super star alla Milano Fashion Week. E' lei la "Divina"

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Parigi 2018: Honda presenta il nuovo CR-V con tecnologia ibrida

    Parigi 2018: Honda presenta il nuovo CR-V con tecnologia ibrida

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.