A- A+
Imprese e Professioni
Isagro: 25 anni di successo nel mercato degli agrofarmaci

Isagro è un’innovativa società quotata al segmento STAR del Mercato MTA di Borsa Italiana, dedicato alle medie imprese, con capitalizzazione compresa tra 40 milioni e un miliardo di euro, che si impegnano a rispettare requisiti di eccellenza: ma preferiamo descriverla come una giovane ‘ragazza’ dell’agrochimico che a soli 10 anni di vita, dunque 15 anni fa, ha sposato Borsa Italiana.

ISAGRO

Non è stata una vita facile quella di Isagro, fra le difficoltà e i rischi fin dalla sua nascita, dovuta all’operato intelligente e imprenditoriale - appunto fondato su visione, coraggio e accettazione del rischio - di un team di manager di estrazione Montedison, capeggiato da Giorgio Basile. Questa media, o piccola azienda se paragonata ad alleati o competitors del suo settore di mercato in termini di dimensioni e fatturato, cura le piante e soprattutto ne previene il più possibile le malattie. Inventa, sviluppa e propone agrofarmaci, che richiedono anni e anni di studi e di controlli.

Il Gruppo Isagro ha impianti di produzione in 5 stabilimenti, di cui 4 in Italia (Adria, Aprilia, Bussi sul Tirino e Novara) e uno in India (Panoli-nordovest di Mumbai, stato del Gujarat). Agli impianti produttivi si aggiungono il Centro di Ricerche di Novara e il sito di Galliera per le prove di campo. Isagro opera con distribuzione diretta, attraverso proprie affiliate, in Brasile, Colombia, India, Spagna, USA ed è anche presente in vari Paesi nel mondo con società titolari delle registrazioni locali. Isagro detiene il 22% della società italiana Arterra Bioscience.

DISCOVERY

L’essenza di Isagro ha un nome: Discovery, intendendo ricerca scientifica e co-sviluppo di prodotti innovativi (qui sotto l’intervista all’AD Giorgio Basile). La determinatissima Isagro, caratterizzata dai valori di onestà e operosità dei professionisti che la animano, ha creduto e tuttora crede fortemente anche nel biologico, tant’è che fra i suoi prodotti troviamo le Biosolutions.

I managers di Isagro vantano una lunga tradizione nell’attività di Ricerca e Sviluppo, che dura da 50 anni: da Montecatini a Montedison sino al rinnovato Centro Ricerche di Novara: orientati alla ricerca innovativa, facendo leva sulla propria expertise, creano soluzioni e prodotti con migliori profili di sicurezza, maggiore efficacia biologica e miglior comportamento ambientale.

Le attività di Ricerca e Sviluppo, nell’arco di vita di un prodotto, sono la ricerca, volta ad identificare nuovi principi attivi, lo sviluppo del prodotto per abilitarne la registrazione a scopi commerciali e infine la difesa del prodotto registrato per mantenerne l’utilità commerciale. Il 10% del fatturato è investito in R&S.

GIORGIO BASILE

Giorgio BasileGiorgio Basile

AD e fondatore di Isagro, Giorgio Basile ha voluto inserire alla base della sua comunicazione aziendale due principi cui si è sempre attenuto. Il primo è una citazione della storica affermazione del filosofo Lucio Annea Seneca: “La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l’occasione”. Il secondo pesca nel vissuto del Nobel per la pace Nelson Mandela: “A winner is a dreamer who never gives up”. Cogliamo l’occasione di un incontro per intervistare brevemente Giorgio Basile.

Come è iniziata la sua avventura con Isagro?

“Da un martedì sera a un mercoledì mattina ho buttato all’aria la mia vita decidendo di correre un rischio grandissimo. Avevo 51 anni e guadagnavo bene, ma non ero contento. Questo aspetto è una molla straordinaria. Nel giro di poche ore ho deciso di abbandonare lo stipendio sicuro e mi sono assunto il rischio, con l’appoggio indispensabile di una banca illuminata, di firmare un’importante controfidejussione. E’ andata bene …”

A parte il desiderio di mettersi in gioco, qual’era la spinta emotiva o razionale che l’ha convinta a partire?

“Valorizzare la caratteristica molto italiana di saper affrontare le sfide, creare innovazione, sviluppare la ricerca. In particolare, inventare nuove molecole. In una parola, fare Discovery. Ho peraltro coniato il termine agrofarmaco, perché la parola fitofarmaco mi sembrava obsoleta e poco adatta a comunicare innovazione.”

Che differenza intende sottolineare fra il semplice concetto di ricerca e questa sua definizione più precisa di discovery?

“La ‘discovery’ è più che ricerca. E’ la scoperta di nuovi principi attivi, per questo prima dicevo inventare nuove molecole. Non basta considerare solo quelle esistenti. E la loro valorizzazione implica investimenti assolutamente fuori misura. Se non ci fosse il modello di business di Isagro, che è vincente, non sarebbe possibile farlo”.

Un nuovo modello di business?

“Sì, troviamo le molecole, le offriamo per lo sviluppo a partners di grandi dimensioni e capacità commerciale nel mondo, e così troviamo le capacità finanziarie per investire su di esse e valorizzarle. 

25 ANNI DI SUCCESSO

Adottando un approccio ibrido al mercato, nella maggior parte dei Paesi dove il Gruppo opera, il modello operativo prevede la creazione di alleanze con distributori nazionali e regionali mentre le linee dirette di vendita sono limitate ai Paesi prima ricordati con l’imminente aggiunta dell’Italia.

La mission di Isagro è quella di offrire soluzioni innovative, di origine chimica e biologica, per la salute delle colture. E di farlo sempre nel massimo rispetto dell’ambiente, degli utilizzatori e dei consumatori di prodotti agricoli. Al centro dei progetti di innovazione e sviluppo ci sono gli agricoltori e le imprese agricole con le loro esigenze e le loro necessità di soddisfare la filiera agroalimentare con prodotti di alta qualità. 

ISAGRO25 1Isagro a Palazzo Mezzanotte

Recentemente, davanti a un folto pubblico riunito per festeggiare i 25 anni dell’azienda a Palazzo Mezzanotte, sede di Borsa Italiana, l’AD di Isagro, Giorgio Basile, ha raccontato con passione la nascita di Isagro nel 1993 e la sua evoluzione, attraverso le difficoltà e nonostante gli ostacoli, grazie a un gruppo di coraggiosi capeggiato dallo stesso Basile e al sostegno, quindi alla grande e provata fiducia, di molte realtà e persone, fra le quali, innanzitutto, va ricordato il banchiere, stimato professionalmente ed umanamente, Giuseppe Vigorelli, allora massimo riferimento della Banca Popolare Commercio e Industria che presiedeva.

Moderatore dell’evento il noto giornalista Filippo Astone. Con Giorgio Basile hanno preso la parola Raffaele Jerusalmi, AD di Borsa Italiana, Carlo Bonomi, Presidente di Assolombarda, Paolo Lamberti, Presidente di Federchimica, Elena Zambon, Presidente di AIDAF e Daniela Mainini, Presidente del Centro Studio Grande Milano da cui un emozionatissimo Giorgio Basile ha ricevuto il premio “Le Grandi Guglie” della Grande Milano, grazie all’etica imprenditoriale e umana e al coraggio di innovare.

Qui il filmato proiettato per l’occasione.

Commenti
    Tags:
    isagrogiorgio basile25 anni di successoagrofarmacifitofarmacigiuseppe vigorellibussi sul tirino
    in evidenza
    Juve, regina degli stipendi in A CR7 davanti a Higuain. Classifica

    Sport

    Juve, regina degli stipendi in A
    CR7 davanti a Higuain. Classifica

    i più visti
    in vetrina
    Milan, Batshuayi alternativa di Quagliarella. Ecco perchè l'affare si può fare

    Milan, Batshuayi alternativa di Quagliarella. Ecco perchè l'affare si può fare

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ford presenta la Edge di nuova generazione

    Ford presenta la Edge di nuova generazione

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.