A- A+
Il Palazzo delle Meraviglie. Luoghi e genti della società
Otto Skorzeny: tra Nazisti ed Israele

 

Otto Skorzeny (1908 – 1975) è una figura avvolta da un alone romantico: fu  il capitano ufficiale delle SS che a 35 anni  liberò guidando cento paracadutisti giunti con alianti sul Gran Sasso (Operazione Eiche o Quercia) Benito Mussolini, prigioniero di Badoglio, dando inizio alla seconda fase del fascismo, quella repubblicana.

Per l’arditezza dell’operazione fu decorato con la Croce di Ferro di Prima Classe.

Due giorni fa due giornali, l’ americano The Jewish Forward (http://forward.com/news/336943/ht/) e l’israeliano Haaretz (http://www.haaretz.com/israel-news/1.711115) hanno pubblicato una notizia che suona di conferma: il colonnello Skorzeny (fu promosso personalmente da Hitler dopo la liberazione del Duce) fu, dopo la guerra, un attivo agente del servizio segreto israeliano, il Mossad.

Oggi ne parla Paolo Salom sul Correre della Sera.

Infatti non è la prima volta che la notizia gira: già ne aveva parlato Benny Morris nel saggio Mossad del 2003 ma ora si ha la conferma che l’ 11 settembre del 1962 fu proprio l’ ex SS a rapire Heinz Krug, un fisico tedesco passato a lavorare, dopo la guerra, con il governo egiziano ad un programma missilistico (nucleare) per attaccare Israele.

Skorzeny, scortato dal futuro premier israeliano Yitzhak Shamir e da Zvi Malkin (della squadra che aveva rapito Eichmann in Argentina), condusse in una foresta  lo scienziato che aveva lavorato nella base baltica di Penemunde, in Germania, al programma missilistico di Hitler guidato da Wernher von Braun e gli sparò senza esitazioni.

In seguito eseguirà altre esecuzioni di egiziani.

Fu l’allora capo del Mossad Isser Harel a volere l’ ex SS; ad inizio 1962 alcuni uomini lo raggiunsero a Madrid dove si era rifugiato e gli fecero la proposta di  cacciare per Israele gli ex scienziati nazisti allora passati ai Paesi arabi.Skorzeny accettò non per denaro (era benestante) ma per essere ”protetto” da Simon Wiesenthal, il famoso cacciatore di nazisti.

Wiesenthal non accettò mai di depennarlo dalla famosa lista di criminali nazisti ma gli uomini del Mossad lo fecero credere al colonnello e così la collaborazione funzionò.

L’ ex SS infatti era ancora molto rispettato nei circoli di ex nazisti ed aveva accesso a molte persone altrimenti irraggiungibili.

La notizia fa riflettere. Skorzeny fu mosso solo dalla paura di Wiesenthal oppure ebbe un’ombra di rimorso per l’Olocausto?

E’ noto che quando lavorava per il Mossad fu anche invitato, sotto anonimato, allo Yad Vashem il museo dell’ Olocausto di Gerusalemme e tenne un comportamento silenzioso e rispettoso.

Tuttavia la risposta questa volta non può darla la Storia ma solo l’ insondabile profondità dell’animo umano.

 

Tags:
skorzeny;nazismo;israele

in vetrina
Alessandro Cattelan porta EPCC a teatro: Ratajkowski, Chiara Ferragni e... ECCO I SUPER-OSPITI

Alessandro Cattelan porta EPCC a teatro: Ratajkowski, Chiara Ferragni e... ECCO I SUPER-OSPITI

i più visti
in evidenza
Gf Vip 3, le Donatella già in Casa Caos, la regia le riprende mentre...

Grande Fratello Vip News

Gf Vip 3, le Donatella già in Casa
Caos, la regia le riprende mentre...

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Peugeot svela le nuove 508 e 3008 Plug-In Hybrid

Peugeot svela le nuove 508 e 3008 Plug-In Hybrid

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.