A- A+
Privacy, diritto e rovescio
Privacy, gli utenti ora hanno il coltello dalla parte del manico

Ormai lo sanno tutti, le regole sulla privacy stanno cambiando. Nelle settimane scorse nessuno è scampato all'invio massivo di nuove informative o da richieste di consensi da parte di social network ed altri siti web a cui si è iscritti. Dopo due anni di tempo che aziende e pubbliche amministrazioni hanno avuto per adeguarsi, il conto alla rovescia è finito e dal 25 maggio 2018 il nuovo Regolamento europeo sulla protezione dei dati personali è operativo.

La nostra privacy sarà finalmente più tutelata? i risultati di uno studio lamentano che l’85% delle imprese faticano ancora ad adeguarsi, e che fino alla settimana scorsa in Italia solo il 48% delle società si dichiaravano conformi alla normativa.

Tuttavia, se d'ora in poi la nostra privacy sarà davvero più rispettata o meno, non dipenderà solo da quanto si sono adeguate aziende e pubbliche amministrazioni, ma anche da quanto cittadini e utenti del web faranno valere le regole che adesso sono state introdotte e che sono state concepite per aiutarci a comprendere meglio come vengono realmente utilizzate le nostre informazioni personali, e poter così decidere consapevolmente se acconsentire o meno a fornirle a chi ce le chiede. Quindi non potremo più trovarci automaticamente iscritti a siti o servizi che non ci interessano e il nostro consenso non sarà mai tacito.

Il nuovo Regolamento prescrive infatti che l'interessato debba ricevere le informazioni sul trattamento dei dati che lo riguardano in forma concisa, trasparente, intellegibile e facilmente accessibile, con un linguaggio semplice e chiaro, evitando quel gergo tipico legalese che per molti risultava finora incomprensibile. E se l'utente si accorge che i suoi dati vengono usati non correttamente o diversamente da come gli è stato promesso, ora può rivolgersi al data protection officer, un responsabile designato dall'azienda che coopera però anche con il Garante per la privacy con l'onere di vigilare che le regole siano effettivamente rispettate, pena multe fino a 20 milioni di euro o per le imprese più grandi fino al 4% del loro fatturato annuo.

Ora gli utenti hanno quindi il coltello dalla parte del manico, e possono davvero godere di maggiori garanzie e diritti sui propri dati personali.

Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy - @Nicola_Bernardi

Tags:
privacygdpr

in evidenza
Il fatto della settimana Toninelli visto dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
Toninelli visto dall'artista

i più visti
in vetrina
Royal Family News, tra Meghan Markle ed Elisabetta II scoppia il "tiara gate"

Royal Family News, tra Meghan Markle ed Elisabetta II scoppia il "tiara gate"

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Lamborghini Urus ST-X Concept, il primo SUV nato per correre

Lamborghini Urus ST-X Concept, il primo SUV nato per correre

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.