A- A+
Questioni internazionali
Gerusalemme e il vuoto politico che lasciano gli Usa

Il leader palestinese Abu Mazen va a Parigi da Macron. Sarà la Francia a riempire il vuoto che lasciano gli Stati Uniti in Terra Santa?

 

Siamo all’anno zero di un cambiamento epocale per la politica internazionale in Terra Santa? Certezze non ne esistono, ma i segnali ci sono.

Gli Stati Uniti stanno lasciando un vuoto politico enorme nella questione arabo-israeliana. E nessuno li ha esclusi. Si stanno escludendo da soli.

La scelta del presidente Donald Trump di riconoscere Gerusalemme capitale di Israele si è rivelata un boomerang dall’impatto pesante.

Perché quasi nessuno ha seguito la Casa Bianca nello “strappo diplomatico” (Lo strappo di Trump su Gerusalemme) che ha fatto irritare il mondo arabo.

Perché 120 Paesi hanno votato la risoluzione Onu di condanna al riconoscimento della Città Santa come capitale dello Stato ebraico.

Ma soprattutto perché l’alleato più fedele, l’Unione Europea, ha dato un sonoro schiaffo a Trump e Netanyahu con una netta presa di posizione (avvenimento alquanto raro) sulla questione di Gerusalemme (L’Ue dice no a Netanyahu).

Dopo l’impressione di abbandono diplomatico sulla questione siriana (sensazione esistente fin dai tempi di Barack Obama), la diplomazia statunitense sembra creare un vuoto politico anche nella complicata matassa arabo-israeliana.

I leader dei Paesi musulmani in una dichiarazione congiunta dello scorso 13 dicembre hanno deciso di “screditare” gli Stati Uniti sulla questione del conflitto tra arabi e israeliani.

Significa che gli Usa di Trump non godono più della fiducia necessaria per essere considerati superpartes. Che è quella condizione riconosciuta di autorevolezza e serietà diplomatica che ha concesso al Dipartimento di Stato il ruolo principale in ogni negoziato da almeno 60 anni a questa parte.

Questa proposta di screditare gli Stati Uniti è stata lanciata nel summit dei Paesi musulmani dal presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese Abu Mazen. Che è in questi giorni si trova a Parigi dove ha incontrato il presidente francese Emmanuel Macron.

A Macron, Abu Mazen ha ribadito la posizione palestinese (e a questo punto musulmana): i palestinesi non riconoscono più il ruolo di Washington e neppure alcuna mediazione o proposta di piano di pace.

Quella palestinese, che trova almeno per ora il sostegno degli Stati arabi, è una posizione durissima. Che fa intravedere un percorso irto di spine e pungiglioni in Terra Santa. Altroché percorso di pace.

La domanda centrale adesso è chi colmerà il vuoto politico lasciato dagli Stati Uniti nelle relazioni tra israeliani e palestinesi. Per un ritorno americano sul palcoscenico mediorientale si dovrà aspettare un bel pezzo.

Poteva essere l’occasione diplomatica per l’Unione Europea. Bruxelles gode di stima e credibilità tra i palestinesi. Sono ingenti le risorse finanziarie che attraverso progetti di cooperazione arrivano dall’Europa nei territori occupati. Anche Israele aveva una buona considerazione dell’Ue, Ma dopo il no secco a Netanyahu a riconoscere Gerusalemme capitale, le relazioni tra Tel Aviv e Bruxelles si sono raffreddate.

L’Ue inoltre ha il problema della coesione interna. Non è garantito che la posizione espressa dall’Alto Commissario Federica Mogherini a Netanyahu rappresenti il pensiero reale di tutte le cancellerie.

La Francia di Macron sta provando a sostituirsi agli Usa. L’attivismo diplomatico del giovane presidente francese lo dimostra, battendo sul tempo tutti incontrando all’Eliseo Abu Mazen. In questo Macron raccoglie l’eredità di Hollande. L’ex-presidente aveva messo in moto un’offensiva diplomatica per rilanciare il processo di pace. Forte di questo spirito di iniziativa, Parigi potrebbe godere di una forte credibilità. L’Eliseo però è ancora lontano dal raggiungere una posizione di fiducia super-partes. Perché la Francia è stata storicamente sempre vicina alla causa palestinese. E ciò insospettisce gli israeliani.

Neppure l’Onu può fare molto. Dopo il voto di condanna al riconoscimento di Gerusalemme Capitale difficilmente il governo israeliano potrebbe avere fiducia nelle Nazioni Unite. Netanyahu ha accusato il Palazzo di Vetro di fare una politica anti-israeliana.

C’è scritto nella Bibbia: “Or sappi questo: che negli ultimi giorni verranno tempi difficili (Timoteo 3,1-13)”. Un monito quasi profetico di quello che potrebbe accadere.

Commenti

    Tags:
    gerusalemmeisraelepalestinapalestinesi

    in vetrina
    Federica Pellegrini super star alla Milano Fashion Week. E' lei la "Divina"

    Federica Pellegrini super star alla Milano Fashion Week. E' lei la "Divina"

    i più visti
    in evidenza
    Il fatto della settimana Tria e Di Maio visti dall'artista

    Culture

    Il fatto della settimana
    Tria e Di Maio visti dall'artista

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Parigi 2018: Honda presenta il nuovo CR-V con tecnologia ibrida

    Parigi 2018: Honda presenta il nuovo CR-V con tecnologia ibrida

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.