A- A+
Questioni internazionali
Perché i jihadisti colpiscono Londra?

Quello al London Bridge è il secondo attentato nel giro di tre mesi che colpisce la capitale britannica. Il terzo attacco se si considera anche il kamikaze di Manchester di due settimane fa. 

Perché i jihadisti colpiscono Londra? Due attentati in tre mesi nella capitale britannica mostrano il ritorno di una strategia precisa o è solo un’azione di foreign fighters o malsani mentali che sparano nel mucchio?

Per ora è difficile dirlo. Possiamo però supporre che il sangue di Londra e di Manchester sia dovuto alle imminenti elezioni britanniche. I terroristi islamici, che abbiano un mandante o meno, sono stimolati dalla opportunità di destabilizzare il clima elettorale.

Per la seconda volta, la prima fu con la strage di Manchester, la campagna elettorale è stata sospesa. Non il voto però. La premier britannica Theresa May ci ha tenuto a precisare che le votazioni sono confermate il prossimo 8 giugno. Qualche forza politica aveva chiesto il rinvio. La scelta della May è più che condivisibile. Un rinvio elettorale avrebbe significato una resa di fronte alle pretese dei terroristi.

Quello che non si capisce è cosa sperino di ottenere i jihadisti gettando il terrore sul clima elettorale. In Gran Bretagna, a differenza della Francia, non c’è un partito destabilizzante e estremista che potrebbe portare il governo di Sua Maestà a uno scontro di civiltà con il mondo musulmano. La forza politica di Farange è per esempio sull’orlo del declino.

L’obiettivo dei terroristi islamici è sempre lo stesso. Fare in modo di aprire una frattura incolmabile tra occidente e mondo islamico. Diffondere insomma un odio totale verso i musulmani che vivono in Europa. Così da trovare nuove leve di giovani musulmani che odino gli occidentali fino al punto di farsi saltare per aria.

A Londra però una forza politica come il Fronte National di Marine Le Pen non esiste. Probabile quindi che l’obiettivo sia semplicemente quello di diffondere l’odio tra britannici e musulmani.

Ciò che i fanatici imitatori delle gesta dell’Isis e degli altri gruppi jihadisti non comprendono è il principio di convivenza e democrazia. Una grande democrazia come la Gran Bretagna ha tutti gli anticorpi per combattere la divulgazione dell’odio. Milioni di musulmani che vivono e lavorano in Inghilterra da generazioni sono integrati nella società britannica. Qui si sono fatti una vita. E da qui difficilmente se ne vogliono andare. Potrebbero essere proprio loro a diventare preziosi collaboratori per stanare i fanatici rientrati dal Medio Oriente.

Commenti

    Tags:
    londra attentatoisisjihad

    in vetrina
    The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

    The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

    i più visti
    in evidenza
    "Dogman" candidato dell'Italia Garrone in corsa per l'Oscar 2019

    Spettacoli

    "Dogman" candidato dell'Italia
    Garrone in corsa per l'Oscar 2019

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Il Motor Show cambia e diventa Motor Show Festival

    Il Motor Show cambia e diventa Motor Show Festival

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.