A- A+
Società e politica
Per un voto referendario responsabile e libero
Elezioni

Chiuse le urne e sfogliate le schede elettorali, tutti i partiti sono impegnati a fare i conti e tracciare bilanci, concentrati a indovinare a favore di chi sta girando il vento. Comunque, può ritenersi chiuso il tempo della campagna elettorale per le consultazioni amministrative (dai toni non sempre raffinati e dalla qualità spesso mediocre); ed è giunto il tempo di dedicarsi alla conoscenza seria e alla valutazione ponderata delle problematiche inerenti al referendum costituzionale, che si terrà in ottobre e con cui i cittadini italiani sono interpellati se approvare o respingere la riforma voluta dal governo in carica.

Il testo di legge - lungo e piuttosto complicato – comprende contenuti notevoli e destinati a cambiare in maniera significativa il funzionamento dello Stato e delle sue Istituzioni. Se approvato, la “Repubblica Democratica” italiana non sarà governata più dal Parlamento composto da due Camere con ruoli uguali e competenze ripetitive; il suo Governo sarà investito del suo Potere Esecutivo mediante la fiducia della sola Camera dei Deputati; il Senato avrà composizione e ruolo del tutto inediti; nuove norme regoleranno i rapporti tra il Governo Nazionale e le Assemblee dei vari Enti Locali; saranno introdotte importanti novità riguardo la procedura dell’elezione del Presidente della Repubblica e nuovi criteri per la designazione dei componenti della Corte Costituzionale.

Si tratta, insomma, d’un documento legislativo, con cui si propone una serie di modifiche ed emendamenti, che darà un volto radicalmente innovativo all’intera organizzazione governativa dell’Italia del XXI secolo. Per questo ci sarà bisogno sia d’un popolo diligentemente informato e responsabilmente coinvolto, e sia d’una classe politica dalle competenze adeguate e disponibile ai frequenti e tempestivi aggiornamenti, che richiederanno sia l’evolvere talora repentino delle situazioni e sia la sempre maggiore necessità di efficienza operativa dell’intera macchina politico-amministrativa del Paese. Si tratta, quindi, d’una svolta politica decisiva, che richiede, oltre alle ovvie dotazioni tecniche e giuridiche, anche e soprattutto una generale formazione culturale rinnovata, grazie alla quale l’intera Nazione sappia intercettare e accogliere ogni emergente istanza del nuovo, innestandola - con l’indispensabile “prudenza politica” – sull’eredità del passato (che va sempre e comunque valutato e rispettato) e armonizzandola col presente e nella prospettiva del futuro, cui ogni generazione vuole legittimamente ambire.

Appare subito chiaro che la partita in gioco è di estrema importanza: si tratta, infatti, di scelte decisive, che determineranno la qualità della vita del popolo italiano di oggi e di domani. Per questo è assolutamente prioritario che agli elettori siano illustrati  i contenuti della legge oggetto del referendum con spirito di collaborazione costruttiva, in modo sincero e veritiero, con opportuna pacatezza di argomentazioni e con la dignità di linguaggio richiesta dall’argomento; senza timore di esplicitare ogni intenzione (anche non immediatamente palese), di riconoscere possibili contraddizioni in cui si è dovuti cadere, anzi, evidenziando probabili rischi, cui sarà possibile (o anche necessario) incorrere, pur di perseguire obiettivi reali di progresso e di bene comune. Essere disponibili al confronto e al dialogo, difendere le proprie idee riconoscendone pregi e difetti, accogliere suggerimenti utili per miglioramenti evidenti è sempre e comunque dimostrazione di maturità etica e prova di saggezza politica.

Quello, invece, che viene offerto ai cittadini in questa circostanza appare uno scenario molto diverso e comunque molto lontano da quello che serve. Si ha la sensazione che si voglia trattare l’elettorato alla stregua di tifoserie calcistiche da ben organizzare e istruire. Da una parte, infatti, è stato stilato l’appello dei cosiddetti “costituzionalisti contrari alla riforma costituzionale” (immediatamente e aprioristicamente definiti – proprio da chi forse dovrebbe rimanere al di sopra delle parti -  “archeologi che credono di difendere il codice di Hammurabi”), dall’altra parte è stato contrapposto e diffuso il “manifesto delle ragioni del sì”, sottoscritto da un nutrito gruppo di costituzionalisti e intellettuali, che si presenta come chi, “dopo anni e anni di sforzi vani (…), affronta efficacemente alcune fra le maggiori emergenze istituzionali del nostro Paese”. Leggendoli entrambi, per la genericità aleatoria del contenuto, per il tono sconveniente all’elevatezza dell’argomento e poco riguardoso dell’intelligenza dei cittadini, fanno rimpiangere i “Manifesti” degli intellettuali fascisti e antifascisti di novant’anni fa (1925), che pure non brillarono molto per imparzialità dottrinale e lungimiranza politica, nonostante la riconosciuta autorevolezza dei loro promotori. Tanto può fare  la “passione politica”, se incontrollata.

Oggi, però, i cittadini italiani non sono chiamati a sostenere e far trionfare una di due proposte opposte, ma a “contribuire democraticamente” a creare l’unico documento necessario e utile per la più onesta e più efficace strutturazione del governo della società. Ai cittadini interessa sostanzialmente che siano salvaguardate la sovranità popolare (essenziale per una “democrazia” e come sancito nell’articolo 1 della Costituzione)  e la libertà personale e collettiva (conquistata e donata loro dai propri padri). La graduale usurpazione di questi due valori fondamentali e irrinunciabili ha allontanato molti (circa la metà degli elettori non più votanti!) dalla politica, in quanto si sono visti deprivati – in maniera progressiva, ma sostanziale e talora con ingannevoli tatticismi partitici - della loro sovranità, affidata all’esercizio del voto “personale ed eguale, libero e segreto” (articolo 48 della Costituzione), essendo stati ridotti di fatto ad avalli, rituali e obbligati, di scelte decise da pochi e al di fuori dal popolo, anche quando si proclamava da tutte le parti di agire per il bene del popolo. Senza sovranità sostanziale non ci può essere concreta pienezza di libertà né di pensiero né di azione.

Dal momento, quindi, che la prossima riforma costituzionale regolerà l’intera vita futura del popolo italiano, è essenziale che a deciderla definitivamente sia il popolo, coinvolto il più direttamente possibile e mediante procedimenti condivisibili e rispondenti alla forma “Repubblicana-Democratica” dello Stato e del Governo. E non si può fingere di non sapere che il mutamento della forma dello Stato e del Governo si può perseguire in tanti modi. Mutando, per esempio, qualche formale, ma significativa “sovrastruttura” funzionale, di fatto resta modificata anche la “struttura essenziale e sostanziale” della Carta. Certo, nel contesto politico europeo e intercontinentale, è risibile sentir paventare la “deriva autoritaria” o, all’opposto, veder brandire il fantasma della “palude”.  Così come è assurdità istituzionale e contraddizione politica legare il destino d’un Potere Esecutivo e addirittura il futuro d’un Premier a un esito referendario. A meno che non si vogliano nascondere biasimevoli forme ricattatorie. La Costituzione va aggiornata, perché ne ha bisogno, secondo anche l’avvertimento del Calamandrei, che già novant’anni fa, in occasione della festa della Repubblica, affermava che si celebrava la “festa dell’incompiuta”.

Il popolo sovrano è chiamato ad esprimersi non sull’opinabilità di messaggi più o meno veritieri e opportuni, ma su temi vitali e ben definiti. A tal fine, è necessaria una sola cosa: abbandonare ogni interesse privato e ogni settarismo partitico e spiegare al popolo, in maniera “schietta e popolare”, quanta verità certa e quanti sottintesi pericolosi sono contenuti nella riforma costituzionale proposta, dileguando le ombre che oscurano soprattutto alcune questioni nevralgiche, come le innegabili ripercussioni del combinato disposto di riforma costituzionale-legge elettorale.

 

Commenti

    Tags:
    refendum costituzionalesovranità popolaredemocrazia e voto libero

    in vetrina
    Grande Fratello Vip 3, Lory Del Santo nella Casa? Le parole di Scheri

    Grande Fratello Vip 3, Lory Del Santo nella Casa? Le parole di Scheri

    i più visti
    in evidenza
    "Mai amato Silvia Provvedi" Su Belen e Moric rivela che...

    FABRIZIO CORONA CHOC

    "Mai amato Silvia Provvedi"
    Su Belen e Moric rivela che...

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova BMW X4, il SAV coupè dal carattere sportivo

    Nuova BMW X4, il SAV coupè dal carattere sportivo

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.