A- A+
Sportivi si nasce e poi si diventa
Firenze premia Batistuta: 152 gol per una storia mai interrotta

Quando a Firenze si parla di calcio – e se ne parla spesso – ancora lo rimpiangono: la grinta, la chioma, le grida. Gabriel Omar Batistuta alla città dei Medici deve molto; così come è vero il contrario. Ha vestito dal 1991 al 2000 la maglia della Fiorentina; vincendo una Coppa Italia e una Supercoppa italiana, totalizzando 332 presenze tra campionati e coppe, segnando complessivamente 207 gol e diventando, con 152 reti, il miglior marcatore della storia del club in serie A. Il passaggio nel 2001 alla Roma di Franco Sensi, fu un trauma. Da lì il Re Leone ne ha fatta di strada: dallo storico scudetto nella capitale fino all’inserimento nella FIFA 100, la lista dei 125 migliori giocatori viventi redatta dalla FIFA in occasione del centenario della Federazione. Poi il rapporto con la nazionale: sempre sentito e voluto. Tuttora resta il miglior marcatore della storia argentina con 54 gol. A Firenze, però, non l’hanno mai dimenticato. Il tiro di potenza che quasi bucava la palla (Batistuta portava scarpini di almeno 2 numeri inferiori al piede per colpire meglio la palla); le rovesciate e le acrobazie; il record di gol in giornate consecutive nel campionato italiano (11).

Per tutto questo (e molto altro), nel Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio, il sindaco Dario Nardella ha consegnato all’ex-bomber le chiavi della città, conferendogli lo status di cittadino onorario. Lui, quasi scosso, con le lacrime agli occhi, ha detto: «Forse potrei emozionarmi, non sono così forte qui come lo ero in campo. L'amore che sento per Firenze non c'è bisogno di spiegarlo: ovunque vada parlo di voi e dell'aspetto che avete nei vostri confronti, e parlo della città, la più bella in cui vivere».  Tra giornalisti, ex compagni di squadra (tipo Giancarlo Antognoni) e autorità pubbliche, nel Salone – come in tanti anni è accaduto sugli spalti della curva Fiesole – un coro sovrastava le voci: «Bati, Bati, Bati, Batigol». Batistuta ha continuato soffermandosi sui ricordi al momento dell’addio: «Mi sono sentito malissimo quando sono andato a Roma. Io vi consideravo la mia fidanzata, e come tutte le coppie c'era qualche problema, ma sono stato molto male perché sapevo di non aver colmato le vostre aspettative. Ero certo però che non fosse nemmeno una scappatella: ero solo arrivato tardi a casa, per questo ho fatto arrabbiare la mia fidanzata». Nardella, inorgoglito, ha sottolineato: «La cittadinanza onoraria è il riconoscimento più importante che una città possa fare». E addirittura, da parte di Batistuta, l’apertura a un possibile futuro in viola: «Se loro mi chiamano sanno dove trovarmi».

Per finire, in serata, il ritorno all’Artemio Franchi per la Partita Mundial: «Italia contro il Resto del mondo'»; con vecchie glorie del calcio italiano e internazionale.  Con 28mila spettatori (gli incassi devoluti alle popolazioni colpite dal terremoto), e la presenza – tra gli altri – di Frey, Chivu, Suazo, Jorgensen, Delvecchio, Liverani e Oliveira, non c’è stata partita: 12 a 6 per il resto del mondo. Batistuta ha chiuso con una tripletta. E 16 anni di assenza sembravano non essere veri.

Commenti

    Tags:
    batistuta firenzefiorentinanardella

    in vetrina
    Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

    Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

    i più visti
    in evidenza
    Quando finisce il caldo anomalo Pronta l'irruzione di aria fredda

    Cronache

    Quando finisce il caldo anomalo
    Pronta l'irruzione di aria fredda

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Groupe PSA si aggiudica il « International Van Of The Year 2019 »

    Groupe PSA si aggiudica il « International Van Of The Year 2019 »

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.