A- A+
Sportivi si nasce e poi si diventa
Report Uefa 2015: in Italia il deficit più alto d'Europa

Tra le motivazioni per cui la Uefa nel 2009 approvò all’unanimità il fair play finanziario c’era questo: «Nelle ultime stagioni, molti club hanno dichiarato perdite finanziarie ripetute e in aumento. L’instabile situazione economica ha creato condizioni di mercato difficili per i club europei, con conseguenze negative sulla generazione dei profitti e ulteriori problemi di disponibilità finanziaria per le operazioni quotidiane». L’Europa del calcio era in rosso, e andava cambiata. L’obiettivo era stabilizzare i conti dei Club: con bilancio attivo o, alle brutte, in parità. Per fa rispettare le regole e bacchettare chi sul lungo periodo se ne sarebbe infischiato, nel giugno del 2012, il Comitato Esecutivo UEFA deliberò la formazione dell’Organo di controllo finanziario dei club (CFCB): e da allora lo spettro del pareggio di bilancio si è insinuato nel corpo aziendale delle migliori d’Europa, abituate a vincere senza star lì a lesinare sulle uscite e a intestardirsi per le entrate. Quel provvedimento ha funzionato, e il report 2015 (appena reso noto a Nyon) lo conferma. Con l’eccezione dell’Italia.

Il 2015 segna un negativo di 323 milioni. Più di 700 club e 54 campionati: di questi 25 in positivo. Negli altri 29 che non hanno fatto i compiti a casa il primato spetta al Bel Paese: il deficit è di 290 milioni e i primi indiziati sono – scrive la Gazzetta dello Sport – Inter, Milan e Roma.  Insegue la Turchia a 200, poi Russia e Francia. Mentre altri campionati sono più virtuosi (e addirittura in utile): Spagna +140 milioni, Inghilterra +85, Germania +75. Le squadre iscritte nel registro di chi è in perdita hanno chiesto un accordo con la Uefa per patteggiare; ma 14 rimangono comunque sotto stretta osservazione: tra cui Manchester City, Psg, Zenit, Inter e Roma. Di fatto, però, la manovra varata dall’allora presidente Platini ha avuto successo: nel 2010 le spese complessive superavano le entrate di ben 1,6 miliardi. E alla bancarotta, non pochi, cominciavano a rassegnarsi.

Sul Report di Nyon è pubblicati pure la classifica del club col fatturato più alto: la Juventus si piazza al 10° posto con 325 milioni, con un 2016 proiettato verso i 400. In testa restano le grandi: Real, Barcellona, Manchester United, Psg e Bayern. Anche se presto potrebbe concretizzarsi il sorpasso dei Reds capitanati da Mourinho a scapito dei blancos di Zizou Zidane. Milan, Roma e Inter si piazzano rispettivamente al 14°, 17° e 20° posto. Pur non uscendo bene dalla consueta radiografia dell’organo di Governo del Vecchio Continente. Una malattia fisiologica, e pure endemica, se si pensa al panorama nazionale: oltre 360 milioni di euro bruciati ogni anno e 3,7 miliardi di debitri aggregati. Almeno fino al 2015. 

Commenti

    Tags:
    uefaserie ainter

    in vetrina
    Grande Fratello Vip 3: "Per Lory Del Santo porta aperta, sarà.." GF VIP 3 NEWS

    Grande Fratello Vip 3: "Per Lory Del Santo porta aperta, sarà.." GF VIP 3 NEWS

    i più visti
    in evidenza
    Il fatto della settimana Tria e Di Maio visti dall'artista

    Culture

    Il fatto della settimana
    Tria e Di Maio visti dall'artista

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Scandola d’Amore si aggiudicano il 25° Rally Adriatico

    Scandola d’Amore si aggiudicano il 25° Rally Adriatico

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.