A- A+
Tv convergente
Sanremo 2016, chi vuoi che vinche?

 

Chi vuoi che vinche?, chiedeva scherzosamente la Simona Ventura degli anni d'oro quando si trattava di decretare il trionfatore dell'Isola dei Famosi. E a Sanremo? Mai come quest'anno sul vincitore della 66sima edizione del Festival vige la più profonda incertezza, non aleggia minimamente la profezia del vincitore annunciato, non esiste propriamente una minaccia come Il Volo.

 

Prima dell'apertura della kermesse, i favoriti erano Giovanni Caccamo e Deborah Iurato, ma è bastato il primo ascolto di Via da qui per accorgersi che Giuliano Sangiorgi aveva scritto l'ennesima canzone convenzionale. Le due voci non si amalgamano mai e il ritornello appare troppo debole. Difficile tuttavia che non riescano ad appaiarsi sul podio, trainati dal televoto.

 

A proposito di ritornelli, Vincere l'odio degli Elio e le storie tese ne contiene uno più bello dell'altro e forse il gruppo di Stefano Belisario avrebbe potuto regalarne uno alla coppia di cui si diceva prima. In un Paese normale gli Elii meriterebbero la vittoria per la conferma della loro genialità, ma non accadrà.

 

Ha già trionfato due volte a Sanremo Enrico Ruggeri (nel 1987 con Si può dare di più e nel 1993 con Mistero), ma Il primo amore non si scorda mai è il pezzo ideale per un triplete. Il titolo non rende giustizia a una canzone ricca di autocitazioni e influenze punk. E poi Ruggeri dimostra di divertirsi davvero sul palco.

 

Chissà se invece faranno il bis gli Stadio, che hanno messo in saccoccia il premio per la serata Cover. Un giorno mi dirai ha un arrangiamento poderoso e sarebbe ora che Gaetano Curreri riceva i giusti riconoscimenti dopo una carriera prevalentemente alle spalle dei grandi, su tutti Vasco Rossi.

 

Non lontanissima l'ipotesi di una vittoria per Patty Pravo: Cieli immensi è un brano elegante, forse troppo con il rischio della rarefazione. Magari il pubblico potrebbe premiarla per i suoi 50 anni di carriera, ma sarebbe un verdetto ipocrita. E dimmi che non vuoi morire del '97 rimane un capolavoro inarrivabile e si piazzò al quinto posto.

 

Qualcuno ha anche azzardato uno scenario fantacalcistico: in caso di un'affermazione del Napoli sulla Juventus – Carlo Conti sta già tremando per lo share – i campani potrebbero votare in massa Rocco Hunt. Wake Up è quanto di più lontano si possa immaginare vittorioso, ma nel bene e nel male è una piccola canzone-manifesto. E comunque la giuria sistemerà le cose. Pubblico e giurie potrebbero convergere su Francesca Michielin, ma Elisa c'è già. Clementino da zone basse.

 

Molto convenzionali e poco coraggiosi i pezzi di Lorenzo Fragola, Dear Jack, Alessio Bernabei (per costui si parla addirittura di un plagio), interessanti ma in una terra di mezzo Annalisa, Valerio Scanu, Noemi, Dolcenera e Arisa. Neffa conferma che la sua carriera passa lontano da Sanremo.

A rischio eliminazione ingiustamente i Bluvertigo, con una signora canzone interpretata con poca voce da Morgan e più giustamente i Dear Jack dello stonato Leiner, Neffa, Zero assoluto e Irene Fornaciari. Prossime allo zero le speranza di ripescaggio per gli ultimi due: il duo ha ormai perso lo stuolo di ragazzine adoranti e la figlia di Zucchero era molto più apprezzabile con il suo rock da scantinato alla Grande mistero.

 

 

 

Commenti

    Tags:
    sanremo 2016carlo conti

    in vetrina
    Federica Pellegrini super star alla Milano Fashion Week. E' lei la "Divina"

    Federica Pellegrini super star alla Milano Fashion Week. E' lei la "Divina"

    i più visti
    in evidenza
    Il fatto della settimana Tria e Di Maio visti dall'artista

    Culture

    Il fatto della settimana
    Tria e Di Maio visti dall'artista

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Parigi 2018: Honda presenta il nuovo CR-V con tecnologia ibrida

    Parigi 2018: Honda presenta il nuovo CR-V con tecnologia ibrida

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.