A- A+
Io Uomo tu Robot
Microrobot soft che navigano nel corpo umano per rilasciare farmaci
Nanomedicina

In collaborazione con il Politecnico federale di Zurigo (ETH, Eidgenössische Technische Hochschule, Zürich) e il Paul Scherrer Institute, l’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, che ha coordinato lo studio, è stato sviluppato un microrobot magnetico e soft capace di muoversi nel corpo per raggiungere zone difficilmente accessibili con metodiche tradizionali e in grado di controllare in sicurezza le azioni di rilascio controllato di farmaci.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista internazionale Small e “High-resolution SPECT imaging of stimuli-responsive soft microrobots” è il titolo dello studio che ha come prima autrice Veronica Iacovacci, post-doc dell’Istituto di BioRobotica.

Micro-BioRobotica

La Micro-BioRobotica è un’area di ricerca innovativa e in costante evoluzione che attraverso un approccio multidisciplinare si colloca in un ambito di confluenza tra lo sviluppo delle conoscenze in ambito biologico e il perfezionamento di nuove tecnologie robotiche e di innovativi materiali per sistemi robotici ispirati alla ‘natura’.

Ricerche che fanno emergere nuovi scenari di relazioni tra robotica e sistemi biologici con l’obiettivo di poter realizzare robot miniaturizzati, dal design bioispirato, che troveranno utilizzo anche nell’ambito della diagnostica robotizzata. Innovative soluzioni ingegneristiche e tecnologiche in grado di costruire micro-macchine per navigare all’interno del corpo umano in modo minimamente invasivo con finalità biomediche.

 Microrobot magnetici soft

La robotica medica negli ultimi anni ha fatto notevoli progressi e per la prima volta è stato sviluppato un microrobot magnetico soft capace di cambiare forma, navigare nel corpo umano, catturare e restituire immagini di qualità elevata e controllare in sicurezza le azioni di rilascio localizzato dei farmaci con elevata precisione.

Questo studio apre nuove prospettive nell’ambito delle terapie non invasive e fornisce nuovi strumenti per avvicinare tali strategie terapeutiche alla pratica clinica”, spiega Iacovacci.

Un efficace controllo dei microrobot, al fine di gestirne sia i suoi movimenti che le azioni, consente di migliorare i tradizionali trattamenti di terapia localizzata grazie a tecniche di imaging clinico ad alta risoluzione. Aspetti questi che finora di fatto hanno limitato l’utilizzo in applicazioni medicali di micro e nanorobot.

Come funziona

Il microrobot per raggiungere i suoi obiettivi si avvale della combinazione di campi magnetici per la navigazione, luce nella banda infrarossa al fine di attivare il rilascio di farmaco e imaging tramite SPECT (Single Photon Emission Computed Tomography) per consentire di “vedere” all’interno del corpo umano, localizzare il microrobot e controllarne la navigazione.

È stato realizzato con materiali biocompatibile chiamato idrogel che è sensibile alla temperatura e ai campi magnetici e ciò gli consente di incorporare nel materiale sia farmaci sia mezzi di contrasto per poter ottenere immagini ad alta risoluzione. È infatti necessario avere un controllo preciso del robot per gestire i suoi movimenti e le sue azioni ed è questa la reale sfida nell’utilizzo di microrobot.

Il microrobot – spiega Veronica Iacovacci - è composto da idrogel biocompatibili e sensibili alla temperatura e ai campi magnetici. La matrice idrogelica consente l’inclusione di farmaci e di mezzi di contrasto che ne consentono l’imaging ad elevata risoluzione. Il microrobot è in grado di cambiare forma in seguito a stimolazione con luce infrarossa ed è questo cambiamento a consentire il rilascio controllato di farmaco”.

Nuove prospettive

Il microrobot è già stato testato sugli animali e l’obiettivo è quello di poterlo utilizzare presto anche sull’uomo. I test sono stati fatti e la loro fattibilità comprovata. Una sfida straordinaria per le potenziali applicazioni innovative che potrà avere per l’uomo sia a livello diagnostico che terapeutico

Questo studio apre nuove prospettive nell’ambito delle terapie non invasive e fornisce nuovi strumenti per avvicinare tali strategie terapeutiche alla pratica clinica. Lo studio ha avviato una collaborazione con l’ETH di Zurigo e con il Paul Scherrer Institute: l’interesse collettivo verso questa nuova frontiera di ricerca potrebbe aprire la strada per nuovi finanziamenti e per nuove scoperte scientifiche che porterebbero a una profonda innovazione nel campo della robotica medica e della terapia localizzata”.

E sono proprio questi gli ambiti scientifici ed applicativi in cui si muovono i docenti e i ricercatori coinvolti nel lavoro: al Sant’Anna, Arianna Menciassi, pro-rettrice della Scuola Sant’Anna e responsabile dell’area di Surgical Robotics and Allied Technologies, e Leonardo Ricotti, responsabile scientifico del Micro-Nano-Bio Systems and Targeted Therapies Lab; a Zurigo, Brad Nelson e Salvador Panè, Institute of Robotics and Intelligent Systems (IRIS).

Credit: Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa 

 

 

Commenti
    Tags:
    robotica applicata alla medicinananotecnologie
    Loading...
    in evidenza
    Sanremo Young va in pensione Cancellato il talent della Clerici

    Rai

    Sanremo Young va in pensione
    Cancellato il talent della Clerici

    i più visti
    in vetrina
    BELEN, LA FARFALLINA TORNA PIU' BELLA CHE MAI... Le foto delle Vip

    BELEN, LA FARFALLINA TORNA PIU' BELLA CHE MAI... Le foto delle Vip


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Transit connect, il leggero di casa Ford è un concentrato di tecnologia

    Transit connect, il leggero di casa Ford è un concentrato di tecnologia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.