A- A+
Zoom
Due aggressioni in tre giorni: è emergenza baby gang a Venezia

È emergenza baby gang a Venezia. Nella notte tra domenica e lundì notte tre ventenni, un veneziano e due amici, sono stati rapinati di quanto avevano in tasca, circa 150 euro, da un gruppo di adolescenti tra i 15 e i 17 anni: uno dei rapinati è stato anche picchiato con un tirapugni dal più aggressivo della banda.

Tre giorni prima, la notte di venerdì, una baby gang con le stesse caratteristiche aveva insultato a un venditore di rose bengalese vicino a San Polo, nel centro della città, per poi aggredirlo e picchiarlo: il senegalese se l’era cavata grazie all’intervento di un signore che stava portando a spasso il cane, che aveva fatto fuggire la banda.

Ma poi la gang era tornata sui suoi passi, e aveva preso di mira lo stesso “salvatore”, che era stato inseguito fino a casa. Qui la baby gang aveva divelto a calci la porta in legno dello stabile e si era messa a cercare l’appartamento del malcapitato. La spedizione punitiva era stata bloccata soltanto dall’intervento della polizia.

Sempre a Venezia, pochi mesi fa, era stata segnalata una rissa tra due baby gang in campo Santa Maria Nova, 500 metri a nord di piazza San Marco. Ad affrontarsi, in quell’occasione, erano stati due gruppi sulla ventina di componenti ciascuno, sempre formati da adolescenti. Si era pensato allora a una specie di regolamento di conti, se non addirittura a uno scontro per il “controllo del territorio”.

Nel Veneziano, ma soprattutto a Mestre, da alcuni anni il fenomeno delle baby gang sembra andare avanti senza soluzione di continuità. Tanto che gli inquirenti ipotizzano che alcuni dei recenti episodi in centro a Venezia possano essere collegati al proliferare delle bande giovanili sulla terraferma.

L’ultimo caso risale allo scorso novembre, quando a Mestre una coppia di giovani era stata circondata e aggredita da un gruppetto di adolescenti che pare sia solito stazionare vicino alle “Barche”, un centro commerciale del centro: lui era stato picchiato, lei era stata spinta a terra.

Un mese prima, alla metà di ottobre, un gruppo di bengalesi si era sfidato a colpi di bastone con una banda di ragazzini italiani. In luglio, 11 adolescenti erano saliti sul treno Udine-Mestre urlando e sbattendo con forza le porte dei vagoni, e minacciando i viaggiatori. In marzo un vigilante armato di stanza davanti al solito centro commerciale era stato preso a calci e pugni da una baby gang, evidentemente poco spaventati perfino dalla pistola della guardia. 

Non che manchi la repressione del fenomeno. Un anno fa i carabinieri di Mirano, un Comune sulla terraferma alle porte di Venezia, avevano bloccato una baby gang composta da dieci giovanissimi, le cui età erano comprese tra i 13 e i 18 anni, che avevano messo su una piccola organizzazione criminale per rubare e rivendere scooter. I capi d’imputazione contestati vanno dal furto aggravato alla ricettazione, fino al riciclaggio. La banda, di cui facevano parte giovani residenti tra Mestre, Marghera e il Miranese, imperversava da mesi.

 

 

Commenti
    Tags:
    emergenzaaggressioniveneziababy gang
    in evidenza
    Heidi Klum, Taylor Mega e poi... Tutti i topless da urlo (e non solo)

    Belen, Diletta Leotta e... GALLERY

    Heidi Klum, Taylor Mega e poi...
    Tutti i topless da urlo (e non solo)

    i più visti
    in vetrina
    LADY GAGA E BRADLEY COOPER: LA VENDETTA DI IRINA SHAYK! LADY GAGA NEWS

    LADY GAGA E BRADLEY COOPER: LA VENDETTA DI IRINA SHAYK! LADY GAGA NEWS


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Francoforte 2019: Volkswagen presenta la nuova immagine del brand

    Francoforte 2019: Volkswagen presenta la nuova immagine del brand


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.