A- A+
Zoom
Il sindaco Pizzarotti: "Perché il governo sabota il Forum alimentare a Parma?"

La lettera del sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, è garbata ma fermissima. E giustamente polemica. Pizzarotti l’ha appena inviata via email al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e ai quattro ministri degli Esteri, delle Politiche agricole, dell'Ambiente e dei Beni culturali (rispettivamente Enzo Moavero Milanesi, Gian Marco Centinaio, Sergio Costa e Alberto Bonisoli).

Il tema della lettera – e della polemica che racchiude - è il quarto “Forum mondiale Unesco sulla cultura alimentare e sulle industrie culturali”, previsto a Parma per il 21 e 22 marzo. 

Oggi, a quanto si legge nella lettera, l'importante evento internazionale rischia invece di saltare perché il governo italiano sta conducendo “una riflessione a livello politico”, ipotizzando un cambio di sede.

“Gentile presidente del Consiglio” scrive con amarezza Pizzarotti, l’uomo che nel 2012 fu il primo sindaco grillino della storia, ma un anno dopo uscì dal partito e oggi è alla guida del movimento politico Italia in Comune: “Al Forum avrebbero partecipato oltre 150 delegazioni da tutto il mondo, oltre alle 26 Città creative della gastronomia Unesco (…): un evento internazionale con palcoscenico l’Italia”.

Prosegue Pizzarottti: “Da mesi la città di Parma ha intrattenuto rapporti cordiali con il ministero degli Esteri, e ha partecipato a due incontri preparatori al fine di organizzare al meglio l’evento. Si è scritto era programmato perché, per ragioni a noi ignote, e senza spiegazione alcuna, attraverso una lettera del direttore generale per la Promozione del sistema Paese, il dicastero degli Esteri ci ha fatto sapere che vi è una riflessione a livello politico sul cambio di sede dell’evento”.

Pizzarotti aggiunge che “ciò è avvenuto in modo così improvviso da destare stupore”.

Il risultato, scrive il sindaco, è che “l’evento è ormai saltato per questioni organizzative (…) ma l’improvviso cambio di sede, oltre a risultare inspiegabile, rischia di causare un danno d’immagine alla città e al Paese”.

Per questo, Pizzarotti (insieme a tutte le istituzioni cittadine, dalla Camera di commercio all’Università, dalle Fiere di Parma a una serie di imprese, tra cui Barilla, Parmalat e Mutti) chiede a Conte di “mantenere sulla nostra città questo importante evento, riprogrammandolo ad altra data del 2019”.

Inspiegabile la mossa del ministero degli Esteri. Inevitabile una risposta e una spiegazione della presidenza del Consiglio, si spera in tempi brevissimi.

 

 

 

Commenti
    Tags:
    sindacoparmaalimentareforumfederico pizzarottigiuseppe conteletteraunescopolemica
    Loading...
    in evidenza
    Chiara Ferragni senza reggiseno Nude look intrigante. Le foto

    Belen, Giulia de Lellis e... Gallery

    Chiara Ferragni senza reggiseno
    Nude look intrigante. Le foto

    i più visti
    in vetrina
    X Factor 2019, Achille Lauro: "Su Anastasio ho sbagliato. Mara Maionchi non mi ascolti più"

    X Factor 2019, Achille Lauro: "Su Anastasio ho sbagliato. Mara Maionchi non mi ascolti più"


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Al Salone Auto e Moto d’Epoca 2019, la prima volta di Seat

    Al Salone Auto e Moto d’Epoca 2019, la prima volta di Seat


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.