A- A+
Zoom
Scuola e diplomi falsi, in Veneto lo scandalo si allarga a 100 bidelli

Sono circa cento i bidelli che soltanto in Veneto rischiano di essere licenziati per aver presentato alle scuole che li hanno assunti diplomi e titoli di studio fasulli.

Ieri AffarItaliani aveva rivelato la notizia dei primi cinque probabili licenziamenti, tra Veneto e Campania, segnalando che lo scandalo si sarebbe allargato a macchia d’olio, e oggi dall’amministrazione scolastica veneta trapela che dalle indagini compiute su un centinaio di assistenti è emersa l’assenza di riscontri sui diplomi presentati.

Per tutti si prospetta quindi una denuncia alla magistratura penale. I reati potenziali sono gravi: truffa ai danni dello Stato, dichiarazione mendace e presentazione di falsità ideologica. Le pene teoriche complessive per i tre reati cumulati vanno da un minimo di due fino a un massimo di 13 anni di reclusione.

Secondo Il Gazzettino di Venezia di oggi, i casi riguardano in particolare molti istituti scolastici veneti, dove negli ultimi anni sono stati assunti in gran numero bidelli originari del Sud, grazie a elevati titoli di formazione che hanno innalzato il loro punteggio nelle classifiche.

Si tratta di bidelli di “terza fascia”, da cui i dirigenti di istituto possono attingere per assegnare le supplenze. Sono numerosi i casi in cui i candidati hanno aggiunto anche titoli e specializzazioni in informatica, che consentono di maturare ulteriori punti. Così sono saliti nelle liste delle assunzioni e hanno ottenuto supplenze annuali, garantendosi anche l’accesso alle graduatorie provinciali da cui si accede all’immissione in ruolo.

Il fenomeno è diffuso in tutta Italia, scrive Il Gazzettino, ma in Veneto è esploso perché qui quasi il 50% del personale amministrativo, tecnico e ausiliario delle scuole (cioè bidelli, contabili, addetti gestionali, strumentali e di sorveglianza) è precario.

 

 

Commenti
    Tags:
    scuolascandalobidellivenetofalsititolistudio
    in evidenza
    Stati Uniti e Cina litigano sul 5G Ma Huawei lavora già al 6G

    Guerra fredda tech

    Stati Uniti e Cina litigano sul 5G
    Ma Huawei lavora già al 6G

    i più visti
    in vetrina
    Crisi, le reazioni social: da De Falco a Salvini, ecco le più virali. FOTO

    Crisi, le reazioni social: da De Falco a Salvini, ecco le più virali. FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nissan Juke, svelate le foto della seconda generazione in arrivo a settembre

    Nissan Juke, svelate le foto della seconda generazione in arrivo a settembre


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.